Costa d'Avorio

1460: le prime navi europee approdano lunga la costa. 1600: i kru arrivano dalla Liberia; i senufo e i lubi, dal Burkina Faso e dal Mali; 18°-19° secolo: giungono gli akan dal Ghana e i malinké dalla Guinea. 1840: Parigi convince i capi locali a garantire ai mercanti francesi il monopolio del commercio lungo la costa. 1842: la Francia impone il proprio protettorato; segue una sistematica conquista delle zone interne, completata dopo una lunga serie di lotte sanguinose. 1893: il territorio è colonia francese. 1904: la Costa d’Avorio è parte della Federazione Francese dell’Africa Occidentale.

 

1944: Félix Houphouët-Boigny fonda un sindacato di agricoltori (che, due anni dopo, diventerà il Raggruppamento democratico africano, Rda, presente in tutta l’Africa occidentale francese). 1945: Houphouët-Boigny è eletto deputato al parlamento francese; nel 1946 trasforma la sezione ivoriana dell’Rda in Partito democratico della Costa d’Avorio (Pdci), alleato con il Partito comunista francese; nel 1950 accetta un patto propostogli da François Mitterand, allora ministro dei territori d’oltremare; dal 1956 al 1959 è cinque volte ministro del governo francese.

 

1958: il paese diventa una repubblica in seno alla Comunità Francese. 1960, 7 agosto: indipendenza; presidente è Houphouët-Boigny, che per 33 anni governerà il paese con autoritarismo paternalista, sempre conservando rapporti privilegiati con l’ex madrepatria. Fino al 1976, gli indici di crescita oscillano tra l’8 e il 10% annuo; nel 1979, con la recessione economica dell’Occidente, gli indici sono azzerati. Tra il 1981 e il 1985, la disoccupazione arriva al 45% e il debito estero si quintuplica; il governo ottiene dal Club di Parigi un rifinanziamento del debito estero, ma la crisi economica continua, a causa del calo dei prezzi del caffè e del cacao.

 

1985: il Pdci candida al sesto mandato presidenziale un Houphouët-Boigny ormai ottuagenario, che però ottiene il 99% dei voti. 1990: autorizzato il pluralismo politico; alle elezioni, il presidente supera il suo avversario, Laurent Gbagbo, del Fronte popolare ivoriano (Fpi), con l’89% dei voti. 1993, dicembre: muore Houphouët-Boigny; gli succede Henri Konan Bédié, presidente del parlamento. 1995: Bédié è rieletto in uno scrutinio boicottato dall’opposizione; gli stranieri residenti e i cittadini con un genitore straniero non sono ammessi al voto (si tratta del contestato concetto di “ivorianità”).

 

1999, luglio: Alassane Ouattara, un musulmano del nord, già primo ministro dal 1990 al 1993, lascia il Fondo monetario internazionale (dove è stato direttore aggiunto) e torna in patria per le elezioni presidenziali; gli oppositori dicono che non è ivoriano “puro” (il concetto di “ivorianità” è stato nel frattempo tradotto una norma della legge elettorale, appositamente creata per impedire la candidatura di Alassane Ouattara, di cui gli oppositori dicono che il padre è originario del Burkina Faso, e che ha anche il domicilio a Washington); dicembre: colpo di stato, guidato dal gen. Robert Guéi; Bédié fugge in Francia.

 

2000: Guéi assume la presidenza ad interim; ottobre: alle elezioni l’astensione supera il 60%; quando lo spoglio sembra dare come vincitore Laurent Gbagbo, candidato del Fpi, Guéi si autoproclama presidente, ma è costretto alla fuga in Benin dalle manifestazioni popolari (lo si accusa di aver truccato il voto); il suo sfidante Gbagbo, ritenuto il vero vincitore delle elezioni, è proclamato presidente; Ouattara, escluso dalla competizione, chiede che le elezioni siano ripetute; la battaglia politica scatena la furia anti-nordista; nel sud sono incendiate moschee e 500 musulmani del nord sono massacrati dai militanti dell’Fpi, appoggiati dall’esercito e dalla polizia; dicembre: l’Fpi emerge maggioritario alle elezioni parlamentari.

 

2001, gennaio: fallisce un tentativo di colpo di stato; marzo: Gbagbo e Ouattara si incontrano e si accordano di cooperare per la riconciliazione nazionale; il partito di Ouattara, il Raggruppamento dei repubblicani (Rdr), vince le elezioni locali; numerose le richieste perché le elezioni parlamentari e presidenziali siano ripetute; ottobre: Gbagbo indice il Forum per la riconciliazione nazionale; il gen Guéi rifiuta di parteciparvi, come protesta per l’arresto del suo più vicino collaboratore, il capitano Fabien Coulibaly; novembre: dopo un anno di esilio in Francia e Gabon, Ouattara torna in patria.

 

2002, agosto: l’Rdr di Ouattara ottiene 4 ministeri nel nuovo governo; settembre: scoppia la rivolta militare ad Abidjan (il ministro degli interni, Émile Doga Doudou, e l’ex presidente Guéi sono uccisi); i ribelli del Movimento patriottico della Costa d’Avorio controllano il nord; dopo una breve tregua, a dicembre si hanno nuovi scontri armati, in particolare per la conquista della città di Daloa; nuovi gruppi di ribelli occupano alcune città nell’ovest; 600mila gli sfollati.

 
2003, gennaio: ai colloqui di pace a Parigi, il presidente Gbagbo accetta un accordo di pace, che prevede un governo di condivisione del potere; marzo: i partiti politici e i gruppi di ribelli si accordano per un nuovo governo che includa nove ministri esponenti dei ribelli stessi; Seydou Diarra, accettato da tutte le parti, è incaricato di formare la nuova compagine; maggio: ci si accorda per un cessate-il-fuoco; luglio: in una cerimonia tenuta nel palazzo presidenziale, i capi dell’esercito governativo e i leader dei ribelli dichiarano che la guerra è terminata; agosto: un gruppo di mercenari e i loro “sostenitori” sono arrestati in Francia, perché sospettati di voler pianificare di assassinare Gbagbo; dicembre: 19 morti in un attacco contro la sede della televisione ad Abidjan.
 

2004, marzo: una manifestazione contro Gbagbo, organizzata dall’opposizione, degenera in feroci scontri; maggio: arrivano i primi caschi blu dell’Onu; un rapporto dell’Onu afferma che la manifestazione di marzo è stata usata dal governo come pretesto per una operazione già pianificata dalle forze di sicurezza; il rapporto dice che oltre 120 persone sono state uccise, e asserisce che ci sono state esecuzioni sommarie e torture; novembre: le forze aeree ivoriane attaccano i campi dei ribelli nel nord; durante un raid, nove soldati francesi sono uccisi; Chirac dà ordine agli aerei francesi di distruggere l’aviazione ivoriana (due vecchi caccia e cinque elicotteri); automezzi blindati francesi pattugliano Abidjan; violenti proteste anti-francesi; l’Onu impone l’embargo delle armi; dicembre: in ottemperanza all’accordo di pace del 2003, il governo abolisce la norma elettorale sull’ivorianità.

 

2005, aprile: nuovo cessate-il-fuoco raggiunto da governo e ribelli, grazie alla mediazione del Sudafrica; giugno: massacri nella città di Duékoué, nell’ovest del paese; Gbagbo riconosce che oltre 100 persone sono state uccise, ma smentisce l’opinione comune che vedrebbe odio etnico dietro le uccisioni; ottobre: Gbagbo cancella le previste elezioni presidenziali; l’Onu prolunga di un anno la presenza delle sue forze; dicembre: l’economista Charles Konan Banny è eletto primo ministro, con il compito di disarmare le milizie e i ribelli e di organizzare le elezioni per l’ottobre 2006; l’Onu estende le sanzioni contro la Costa d’Avorio, includendo nell’embargo i diamanti, oltre alle armi.

 

2006, gennaio: violente manifestazioni dei sostenitori di Gbagbo contro l’Onu, accusato di interferire negli affari interni del paese; febbraio: i principali rivali politici s’incontrano per la prima volta dal 2002, e promettono di incontrarsi ancora per superare attriti e differenze; giugno: le milizie fedeli a Gbagbo ritardano la consegna delle armi; Kofi Annan visita la Costa d’Avorio e invita il governo a osservare la data prefissata per le elezioni; settembre: il governo dà le dimissioni in seguito a uno scandalo riguardante lo scarico di tonnellate di sostanze tossiche su una spiaggia di Adidjan; novembre: una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu estende di un anno il mandato del governo di transizione.

 

2007, marzo: con la mediazione del Burkina Faso, governo e ribelli delle Forze Nuove firmano un accordo per la condivisione dei poteri; Guillaume Soro, leader delle Nuove Forze, è nominato primo ministro; aprile: Gbagbo dichiara finita la guerra tra il governo e i ribelli del nord, ma, dopo pochi giorni, gli operatori umanitari denunciano una recrudescenza delle violenze; maggio: inizia la smobilitazione delle milizie; giugno: il primo ministro Soro sfugge a un attentato missilistico al suo aereo; ottobre: l’Onu decreta di prolungare le sanzioni per un altro anno; dicembre: ribelli e soldati governativi si allontanano dalla linea del fronte, come parte del piano di riunificazione della nazione.

 

2008, gennaio: l’Onu prolunga il mandato delle forze di pace (8.000 persone) di 6 mesi per garantire lo svolgimento delle elezioni a metà anno; 10 persone arrestate con l’accusa di tentato colpo di stato in dicembre, ma il sergente Ibrahim Coulibaly, ritenuto il coordinatore del golpe, nega; aprile: Gbagbo cancella i dazi doganali, dopo due giornate di violenti proteste contro il caro-prezzi; le elezioni, previste per giugno-luglio, sono posposte alla fine di novembre; maggio: gli ex ribelli del nord cominciano il disarmo; luglio: il governo aumenta il prezzo del diesel del 44% e della benzina del 29%; agosto: il governo dimezza gli stipendi dei ministri e dei manager delle società statali; ottobre: nuovo prolungamento di un anno dell’embargo della vendita di armi alla Costa d’Avorio e delle sanzioni contro il commercio dei diamanti ivoriani; novembre: Gbagbo e Soro pospongono le elezioni presidenziali di un altro anno.

 

2009, aprile: il Fondo monetario internazionale cancella 3 miliardi di dollari del debito estero della nazione (12,8 miliardi); maggio: gli ex ribelli consegnano 10 zone del nord all’amministrazione civile; ottobre: nuovo bando di un anno da parte dell’Onu contro il commercio diamantifero ivoriano; novembre: elezioni presidenziali posposte per l’ennesima volta.

 

2010, febbraio: la registrazione degli aventi diritti al voto è sospesa e Gbagbo dissolve il parlamento e la commissione elettorale; disordini in molte zone del paese; dopo colloqui con Blaise Compaoré, presidente del Burkina Faso, Soro crea un nuovo governo di coalizione, includendo i principali partiti dell’opposizione; ottobre: al primo turno delle elezioni presidenziali, Gbagbo ottiene il 38% dei voti, non abbastanza per evitare il secondo turno; allo sfidante Alassane Ouattara va il 32%; novembre: ballottaggio tra Gbagbo e Ouattara; dicembre: la commissione elettorale assegna la vittoria a Ouattara con il 54,1% dei voti, contro il 45,9% di Gbagbo; la Corte costituzionale, presieduta da un alleato di Gbagbo, rigetta i risultati della commissione e dichiara vincitore Gbagbo; l’Onu rifiuta di riconoscere la vittoria di Gbagbo e appoggia le rivendicazioni di Ouattara; Unione africana, Comunità economica degli stati dell’Africa Occidentale (Cedeao), Usa e Unione europea fanno propria la decisione dell’Onu; scontri tra sostenitori di Gbagbo e di Ouattara ad Abidjan e nella città di Tiebissou; almeno 20 vittime in scontri tra forze di sicurezza e sostenitori di Gbagbo; il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, rigetta la richiesta di Gbagbo che le truppe francesi e delle Nazioni Unite lascino il paese; l’Ecowas minaccia azioni militari contro Gbagbo, se questi insiste nel rifiutare di cedere il potere a Ouattara.

 

2011, febbraio: l’Onu avverte che l’intensificarsi delle violenze tra le opposte fazioni sta conducendo il paese alla guerra civile; marzo: l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati parla di oltre 1 milione di persone fuggite dalle proprie abitazioni; le forze di Ouattara conquistano la capitale Yamoussoukro e il porto di San Pedro; Abidjan rimane in mano alle forze di Gbagbo; aprile: si intensificano gli scontri a fuoco, con colpi di artiglieria, ad Abidjan; si parla di oltre 1.000 vittime, ma la comunità internazionale tace; le truppe francesi prendono il controllo dell’aeroporto della città; 11 aprile: Gbagbo è arrestato dalle forze di Ouattara; difficile il ritorno alla normalità; maggio: Alassane Ouattara presta giuramento come presidente; 1° giugno: Guillaume Soro forma il suo quarto governo; settembre: viene costituita la Commissione per la verità, la riconciliazione e il dialogo (le violenze post-elettorali hanno causato 3.000 vittime e lo sfollamento di 500mila persone); novembre; Gbagbo è consegnato alla Corte penale internazionale(Cpi) dell’Aia, accusato di crimini contro l’umanità; dicembre: le elezioni legislative (boicottate dai sostenitori di Gbagbo) consegnano a Ouattara la maggioranza in parlamento.

 

2012, febbraio: la Cpi decide di estendere la propria inchiesta, includendo ora anche abusi commessi fin dal 2002; tale decisione potrebbe portare alla luce il ruolo svolto dall’attuale primo ministro, Guillaume Soro – allora leader di una milizia armata impegnata nel nord – nella divisione del paese avvenuta in quel periodo; 8 marzo: Soro rassegna le dimissioni da primo ministro; 12 marzo: Soro è eletto presidente del parlamento (una carica che lo rende la seconda autorità del paese); giugno: la Banca Mondiale e il Fondo monetario internazionale annunicano un alleggerimento del debito estero di 4,4 miliardi di dollari; il ministro degli interni rivela che le autorità hanno sventato un tentato colpo di stato, orchestrato da miliziani sostenitori di Gbagbo e mercenari liberiani, accusati di aver ucciso 7 caschi blu alcuni giorni prima; settembre-ottobre: la Costa d’Avorio chiude le sue frontiere con il Ghana per due settimane, dopo un attacco portato contro un posto di blocco a Noe, città sul confine (del fatto vengono accusati sostenitori di Ggbagbo rifugiati in quel paese); novembre: dopo i disordini scoppiati in aula durante la discussione sulla nuova legge matrimoniale, il presidente Ouattara dissolve il parlamento; la Cpi spicca un mandato di cattura contro Simone Gbagbo, moglie dell’ex presidente Laurent Gbago, per crimini contro l’umanità commessi dopo le elezioni del 2010.

 

2013: febbraio: Gbagbo è portato davanti alla Cpi per una audizione che deve decidere se è in grado di affrontare il processo; nessuna decisione è presa; aprile: le elezioni locali si svolgono pacificamente, dopo una campagna elettorale alquanto tesa; bassa la partecipazione al voto a causa del boicottaggio; agosto: Michel Gbagbo, figlio di Laurent, è rilasciato su cauzione, assieme ad altri 13 sostenitori dell’ex presidente; la Cpi rende pubblico un mandato di cattura (già emesso in dicembre 2011) contro l’ex ministro ivoriano Ble Goude, accusato di crimini di guerra; dicembre: funzionari ghaneani accusano la Costa d’Avorio di aver invitato agenti speciali per rapire e assassinare sostenitori di Gbagbo rifugiati in Ghana; la Costa d’Avorio nega.

 

2014, aprile: il Consiglio di sicurezza dell’Onu toglie nell’embargo sul commercio diamantifero della Costa d’Avorio.

 

2016, marzo: militanti islamisti attaccano lo stabilimento balneare di Grand Bassam, presso Abidjan, uccidendo 18 persone; l’attacco è gemello di altri attacchi compiuti nelle capitali del Mali e del Burkina nei mesi precedenti.

 

2017, gennaio: Amoud Gon Coulibaly è nominato primo ministro; il presidente Ouattara licenzia i capi delle polizia e della gendarmeria, dopo un ammutinamento di due giorni in varie città, terminato solo quando il governo ha pagato le indennità arretrate e promesso di migliorare le condizioni di lavoro; gennaio-maggio: altri ammutinamenti di militari in altre città per il mancato pagamento delle indennità; marzo: Simone Gbagbo, la moglie dell’ex presidente Laurent Gbagbo, è assolta dall’accusa di crimini contro l’umanità di cui era accusata per il suo ruolo nella crisi politica dopo le elezioni del 2010; settembre: un tribunale internazionale sentenzia che il Ghana non ha violato i diritti della Costa d’Avorio con le perforazioni petrolifere in zone di mare disputate; un gruppo per la protezione dell’ambiente denuncia che l’industria del cioccolato sta causando una massiccia deforestazione nel paese (il 40% del cacao consumato nel mondo proviene dalla Costa d’Avorio, ma la sua coltivazione va a intaccare le aree protette del paese, cancellando la foresta pluviale; vi sono implicati molti attori, dal piccolo coltivatore alle grandi multinazionali del cioccolato); dicembre: il governo vara un piano di prepensionamento per 4.400 soldati in quattro anni (1.000 entro la fine dell’anno), offrendo a ciascuno 26.000 dollari.

 

2018, marzo: il ministro delle infrastrutture, Amede Koffi Kouakou, presenta un piano di investimenti di 7 miliardi di dollari nel potenziamento delle infrastrutture (tra cui, un ponte in Abidjan e il completamento di metà dell’autostrada che congiungerà Abijan alla capitale del Burkina Faso, Ouagadougou); la Costa d’Avorio è considerata la migliore economia di tutta l’Africa occidentale (nel 2017, ha avuto una crescita economica del 7,6%, tra i più alti del mondo).

 

(Aggiornato al 13 marzo 2018)

 

Nome ufficiale:Repubblica di Costa d’Avorio
Superficie
: 322.463 km2
Capitale
: Yamoussoukro (260.000 abitanti); città principale e sede del governo: Abidjan (4,9 milioni di abitanti)
Lingue
: francese (ufficiale), circa 60 lingue locali, tra cui diula (la più diffusa), baulé, bété e agni
Sistema
politico: repubblica presidenziale
Indipendenza
: 7 agosto 1960 (dalla Francia)
Capo
dello stato: Alassane Ouattara (dal 4 dicembre 2010)
Primo ministro
: Amadou Gon Coulibaly (dall’11 gennaio 2017)
Religioni
: cattolici (18%), cristiani non cattolici e chiese indipendenti (14%), musulmani (34%), seguaci delle religioni tradizionali (34%)

 


Popolazione

Abitanti: 24.185.000 (stime luglio 2017)
Gruppi
etnici: akan (28,8,1%), voltaici o gur (16,1%), mande settentrionali (14,5%), kru (8,5%) mande meridionali (6,9%), non-ivoriani (43,2%)
Crescita
demografica annua: 1,84% (2017)
Tasso
di fertilità: 3,38 figli per donna (2017)
Popolazione
urbana: 55,5% (2017)
Mortalità
infantile (sotto i 5 anni): 92,8/1.000
Speranza
di vita: 59 anni
Analfabetismo
(sopra i 15 anni): 56,9%
Prevalenza
Hiv: 2,7% (2016)
Accesso
a servizi sanitari adeguati: 22,5%
Accesso
all’acqua potabile: 81,9%

 


Economia

46,3% della popolazione sotto la soglia nazionale di povertà
Indice
di sviluppo umano: 0,474 (171° su 188 paesi)
Prodotto
interno lordo: 40 miliardi di dollari (96,27 miliardi di dollari a parità di potere d’acquisto, stime 2017)
Pil pro
capite annuo: 1.653 dollari (3,900 dollari a parità di potere d’acquisto nel 2017)
Crescita economica annua
: 7,6% (stime 2017)
Inflazione
: 1% (2017)
Risorse
naturali: petrolio, gas naturale, diamanti, manganese, materiali di ferro, cobalto, bauxite, rame, oro, nichel, tantalio, silicati, sabbie argillose; energia idroelettrica; cacao, caffè, olio di palma
Prodotti agricoli
: caffè, cacao, banane, noci di cocco, mais, riso, manioca, ananas, patate dolci, canna da zucchero, cotone; caucciù; legname
Esportazioni
: cacao, caffè, legname, petrolio, cotone, banane, ananas, olio di palma, pesce (11,08 miliardi di dollari nel 2017)
Importazioni
: carburanti, macchinari, cibo (8,79 miliardi di dollari nel 2017)
Debito
estero: 12,38 miliardi di dollari (fine 2017)

Costa d’Avorio: Il presidente annuncia modifiche costituzionali

Costa d'Avorio Il presidente ivoriano Alassane Ouattara ha annunciato ieri che «nel primo trimestre dell'anno, presenterà al parlamento proposte di modifica della costituzione». L'obiettivo è rendere...

Uemoa: subito a disposizione 100 milioni di dollari per fronteggiare terrorismo

Senegal I capi di stato e di governo dei paesi dell'Unione economica e monetaria dell'Africa occidentale (Uemoa), riuniti ieri a Dakar (Senegal), hanno approvato la...

Sviluppo a caro prezzo

Costa d’Avorio / Infrastrutture Nella capitale economica ivoriana un intero quartiere povero è stato spazzato via dalle ruspe per far posto ad un ponte. 60mila...

Asec-Kotoko, una ferita ancora aperta

Calcio / La ricorrenza Il 31 ottobre 1993 è l'anniversario dell’incontro di ritorno di Coppa dei Campioni tra i ghaniani dell’Asante Kotoko e i rivali...

Dal tappeto verde a quello rosso

Sport e Politica Il passaggio dal campo di calcio alla politica è uno sport piuttosto diffuso nel continente e può vantare nomi illustri come quello...

GR AFRICA – Lunedì 21 ottobre 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Costa d’Avorio: Sempre più donne e ragazze vittime della tratta. Egitto: L’Onu chiede...

Costa d’Avorio: Sempre più donne e ragazze vittime della tratta

Costa d'Avorio / Tratta Nonostante la riduzione del numero totale di migranti ivoriani che arrivano via mare in Italia, è sempre più alta la percentuale...

GR AFRICA – Venerdì 18 ottobre 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Svizzera: il gruppo Gunvor condannato per corruzione in Congo e Costa d’Avorio. Mozambico:...

Svizzera: Il gruppo Gunvor condannato per corruzione in Congo e Costa...

Congo / Costa d'Avorio / Svizzera Un tribunale svizzero ha riconosciuto ieri il gruppo Gunvor, uno dei principali trader energia e materie prime al mondo,...

Umanità in rivolta. La nostra lotta per il lavoro e il...

Aboubakar Soumahoro Feltrinelli, 2019, pp.128, €13,00. Un manifesto politico-sindacale. Che analizza la condizione del lavoro salariato svolto dai migranti (ma non si limita solo ai migranti)...

GR AFRICA – Giovedì 18 luglio 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Rd Congo: l’epidemia di Ebola dichiarata emergenza sanitaria di rilevanza internazionale. Sudan: giunta...

Commercio: Costa d’Avorio e Ghana revocano il blocco alla vendita di...

Ghana / Costa d'Avorio Ghana e Costa d'Avorio, i due maggiori produttori mondiali di cacao, hanno revocato il divieto di vendita del cacao della stagione...

GR AFRICA – Martedì 25 giugno 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Etiopia: ucciso il presunto mandante del fallito golpe. Rd Congo e Costa d’Avorio:...

R.D.Congo e Costa d’Avorio: dai vescovi appelli ai governi nel nome...

Rd Congo / Costa d'Avorio I vescovi di due paesi dell’Africa occidentale hanno lanciato importanti appelli nei giorni scorsi alle autorità politiche, a nome delle...

GR AFRICA – Martedì 18 giugno 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Egitto: Amnesty chiede un’inchiesta sulla morte di Mohamed Morsi. Ciad: arrestato in Francia...

Costa d’Avorio e Ghana vincono la trattativa per un miglior prezzo...

Commercio Il Ghana e la Costa d'Avorio hanno vinto, insieme, il braccio di ferro per ottenere un miglior prezzo di vendita del cacao, di cui...

Costa d’Avorio e Ghana uniti nella trattativa sul prezzo del cacao

Commercio La Costa d'Avorio e il Ghana, i due maggiori produttori mondiali di cacao, hanno sospeso la vendita fino a nuovo ordine del cacao che...

GR AFRICA – Venerdì 8 febbraio 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Libia: l’esercito di Haftar annuncia la conquista del campo petrolifero di al-Sharara. Nigeria:...

Costa d’Avorio: Varato un disegno di legge a tutela del patrimonio...

Costa d'Avorio Il governo ivoriano ha adottato nei giorni scorsi un nuovo codice forestale per proteggere e riabilitare quel che resta del patrimonio boschivo. “Il...

Costa d'Avorio. L'ex presidente Gbagbo in libertà vigilata in Belgio

L'ex presidente ivoriano Laurent Gbagbo, assolto il 15 gennaio scorso dalla Corte penale internazionale (Cpi) dall'accusa di crimini contro l'umanità, è in libertà condizionata...

Costa d’Avorio, la politica mescola le carte

Elezioni presidenziali del 2020 L’appuntamento degli ivoriani con le elezioni del 2020 appare ancora lontano, ma nelle stanze del potere i giochi per la corsa...

Costa d’Avorio: Deputato condannato al carcere per diffusione di false notizie

Costa d'Avorio Sta facendo discutere in Costa d’Avorio la sentenza emessa ieri nei confronti di un deputato ed ex ministro dello Sport, condannato a un...

Laurent Gbagbo, scagionato ma non (ancora) libero

L’ex presidente assolto dalla Cpi Dopo due anni di processi alla Corte penale internazionale (Cpi), il 15 gennaio i giudici hanno fatto cadere tutte le...

GR AFRICA – Mercoledì 16 gennaio 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Kenya: sale il numero delle vittime dell’attentato terroristico a Nairobi. Costa d’Avorio: assolto...

GR AFRICA – Giovedì 20 dicembre 2018

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Zimbabwe: mandato d’arresto in Sudafrica per l’ex fist lady Grace Mugabe. Togo: elezioni...

Costa d’Avorio: Chiesta la restituzione di 148 opere d’arte sottratte dalla...

Costa d'Avorio / Francia Il governo ivoriano ha dichiarato ieri d’aver stilato un elenco di 148 opere d'arte, sottratte dalla Francia durante il periodo coloniale...

Costa d’Avorio: La maggioranza di regioni e comuni vanno alla coalizione...

Costa D'Avorio / Elezioni Il presidente della Commissione elettorale indipendente della Costa d’Avorio (IEC), Youssouf Bakayoko, ha annunciato ieri i risultati definitivi delle elezioni locali,...

GR AFRICA – Mercoledì 10 ottobre 2018

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Algeria: l’ONU chiede lo stop immediato delle deportazioni in massa di migranti...

Costa d’Avorio: Sequestrate in due anni quasi 400 tonnellate di farmaci...

Costa d'Avorio / Medicinali contraffatti Il ministero della Sanità della Costa d’Avorio ha fatto sapere d’aver sequestrato negli ultimi due anni 385 tonnellate di medicinali...

Congo-Brazzaville: La famiglia presidenziale e un ministro accusati di corruzione

CONGO-BRAZZAVILLE / COSTA D'AVORIO Il presidente del Congo-Brazzaville Denis Sassou-Nguesso, sua moglie Antoinette e suo figlio Denis Christel - quest’ultimo responsabile delle vendite di petrolio...