Comore

5° sec.: arrivo di popolazioni indonesiane; le isole rimangono isolate rispetto al continente fino al sec. 12°, quando arrivano i commercianti musulmani da Kilwa e costruiscono porti. 1527: il cartografo portoghese Diego Ribero traccia le isole Comore per la prima volta su una carta geografica europea. 16° sec.: i ripetuti attacchi dei portoghesi distruggono la prosperità delle Comore. 17° sec.: il sultano di Oman espelle i portoghesi e le isole entrano nella sfera di influenza di Zanzibar; la tratta schiavista incrementa la popolazione di origine bantu. 19° sec.: dopo la separazione di Zanzibar dal sultanato di Oman, crescono le pressioni europee.

 

1843: la Francia occupa l’isola di Mayotte; la dominazione coloniale si estende a tutto l’arcipelago, per la sua posizione strategica nelle rotte dell’epoca e per l’attrazione suscitata in Europa dalle spezie. 1886: le Comore diventano un protettorato francese. 1912: le Comore diventano una colonia francese, amministrata dal Madagascar. 1942: le forze britanniche invadono le Comore e il Madagascar, rovesciando l’amministrazione pro-Vichy e restituendo i territori al governo di Charles de Gaulle. 1947: le Comore diventano territorio francese d’oltremare, con una rappresentanza nel parlamento di Parigi.

 

 

1961: accordata l’autonomia; la politica è dominata dall’élite discendente dalle famiglie legate all’antico sultanato, decisamente filo-francesi. 1962: nasce Movimento di liberazione nazionale comorano (Molinaco) tra gli espatriati in Tanzania, che promuovono la causa indipendentista all’estero, in particolare presso l’Organizzazione dell’unità africana (Oua). 1967: il Molinaco comincia a estendere la propria influenza sulle isole, in maniera per lo più clandestina. 1968: nasce il Partito socialista delle Comore (Psc), supportato da studenti e giovani.

 

1974, 2 dicembre: al referendum sull’autodeterminazione o meno dell’arcipelago, 154.182 voti sono per l’indipendenza, 8.854 sono contrari, per lo più nell’isola di Mayotte, dove la Francia ha un’importante base aeronavale e dove una decina di famiglie di meticci cattolici, di estrazione francese, controllano l’economia e politicamente fanno parte del Movimento popolare Mahorais, guidato da Marcel Henry, deciso a rimanere con la Francia.

 

1975, luglio: dichiarazione unilaterale dell’indipendenza, con Ahmed Abdallah come presidente, prima che la Francia ratifichi i risultati del referendum; il Movimento popolare Mahorais annuncia che Mayotte continuerà a essere francese; agosto: una coalizione di sei partiti (Fronte nazionale unito) rovescia il governo di Abdallah, con l’aiuto del mercenario francese Bob Denard; Abdallah è rimpiazzato da Prince Said Mohammed Jaffar. 1976: Jaffar è sostituito da Ali Soilih, che cerca di trasformare il paese in una repubblica socialista.

 

1978, maggio: dall’esilio, Abdallah finanzia un contingente di mercenari, guidato da Denard, che uccide Soilih; Abdallah riprende il potere; la presenza del mercenario Denard (già processato nel 1977 per atti contro il governo del Benin) provoca una forte reazione internazionale. 1989, novembre: Denard, con 30 mercenari francesi e belgi, attua un colpo di stato; Abdallah è assassinato dalla guardia presidenziale, sotto il comanda di Denard; la Francia interviene; 27 novembre: Said Mohamed Djohar, fratellastro di Ali Soilih, diventa presidente ad interim; dicembre: Denard e i mercenari abbandonano le isole e se ne vanno in Sudafrica.

 

1990, marzo: appoggiato da giovani politici esiliati da Abdallah, Djohar riesce a farsi eleggere presidente, ma le elezioni sono contestate dai sostenitori di Mohamed Taki Abdulkarim, suo oppositore. 1991: la corte suprema decreta la destituzione di Djohar, accusandolo di «gravi negligenze»; fine anno: fallito il tentativo di destituire il capo di stato, i partiti stringono un patto di riconciliazione nazionale. 1992, gennaio: nuovo governo, guidato da Mohamed Abdulkarim Taki, ma è subito destituito da Djohar. 1993, ottobre: il primo ministro Caabi El-Yachourtu Mohamed si autoproclama presidente ad interim.

 

1995: Djohar è rimosso da un colpo di stato, guidato dal solito Denard; intervengono le truppe francesi e Denard si arrende. 1996, gennaio: Djohar recupera la presidenza “simbolica”; marzo: alle elezioni generali Mohamed Abdulkarim Taki è eletto presidente e vara una nuova costituzione che estende i suoi poteri e stabilisce l’islam come base della legislazione nazionale (il diritto è sottoposto a un consiglio degli ulema); ripristinata la pena di morte. 1997, agosto: le isole di Anjouan e di Mohéli si dichiarano indipendenti; settembre: truppe dall’isola Grande Comore intervengono per impedire la secessione, ma sono scacciate.

 

1998: Taki muore (apparentemente di infarto) ed è sostituito da Tadjidine Ben Said Massounde come presidente ad interim, in attesa delle elezioni. 1999, aprile: Massounde propone alle isole ribelli un accordo che concede maggiore autonomia, un governo ad interim e una presidenza a rotazione; i delegati delle due isole rispondono che devono interpellare i cittadini; violente dimostrazioni nella Grande Comore contro i cittadini originari di Anjouan; Massounde è defenestrato da un golpe orchestrato dal capo di stato maggiore, col. Azali Assoumani.

 

2001, marzo: Assoumani promette il ritorno a un governo civile nel 2002 e dice che non si ricandiderà; agosto: il col. Mohamed Bacar prende il controllo di Anjouan, con l’intenzione di riunirsi alle Comore; settembre: un colpo di stato orchestrato dal magg. Combo Ayouba dura lo spazio di un giorno ed è subito sventato da Bacar, che è capo di un governo militare dal mese di agosto; novembre: un altro golpe (fallito) in Anjouan da parte del col. Said Abeid, che è contrario alla volontà di Bacar di tornare con le Comore; dicembre: un referendum approva la nuova costituzione, che mantiene la struttura federale delle tre isole (con maggior autonomia) e istituisce la presidenza a rotazione.

 

2002, aprile: il col. Mohamed Bacar è eletto leader di Anjouan; Mohamed Said Fazul è leader di Moheli; Azali Assoumani è nominato presidente delle Comore Riunite: maggio: Abdou Soule Elbak è presidente della Grande Comore, che è anche sede di Assoumani, presidente delle Comore Riunite. 2003, febbraio: le forze di sicurezza dichiarano di aver sventato un golpe contro Assoumani; dicembre: i leader delle isole semi-autonome raggiungono un accordo sulla condivisione dei potere, aprendo la via alle elezioni.

 

2004, marzo-aprile: elezioni per le assemblee delle singole isole; il tratto unificante dei tre partiti vincitori nelle rispettive isole è l’opposizione all’idea di Assoumani come presidente della federazione; aprile: alle elezioni per l’assemblee (parlamenti) dell’Unione, i sostenitori del presidente federale Assoumani, vincono solo 12 dei 55 seggi nei tre parlamenti; seguono le elezioni per l’assemblea dell’unione; giugno-luglio: inaugurazione dell’assemblea nazionale; il presidente Assoumani nomina i membri del primo governo federale.

 

2005, gennaio: Assoumani è il primo leader comorano a visitare Parigi in 30 anni; in aprile e novembre, il vulcano Karthala, il più grande in attività al mondo, minaccia di eruttare e costringe migliaia di persona a fuggire dalle loro case. 2006, maggio: l’autorità religiosa islamica Ahmed Abdallah Mohamed Sambi, originario di Anjouan, vince le elezioni presidenziali federali.

 

2007, maggio: l’Unione africana (Ua) invia truppe di pace per mantenere l’ordine in vista delle elezioni di giugno in Anjouan; Mohamed Bacar ha dichiarato che non intende dimettersi; giugno: gli abitanti di Anjouan vanno alle urne, sfidando il governo federale e l’Ua; Bacar presta giuramento come presidente di Anjouan; ottobre: l’Ua impone sanzioni in fatto di spostamenti contro Bacar e altri membri del governo dell’isola, congela i loro conti all’estero, e chiede nuove elezioni; novembre: blocco navale dell’Ua attorno all’isola di Anjouan.

 

2008, marzo: truppe comorane e dell’Ua sbarcano in Anjouan e la riconquistano; la Francia accetta di prendere il deposto Bacar sotto la sua custodia. 2009, marzo: l’isola di Mayotte vota la piena integrazione con la Francia; il governo federale, che reclama diritti sull’isola, considera il voto nullo; maggio: un referendum approva l’estensione del mandato presidenziale; l’opposizione e molti abitanti dell’isola di Mohéli si dicono contrari; giugno: 153 persone muoiono in un incidente aereo al largo della Grande Comore; dicembre: il partito del presidente Sambi stravince le elezioni parlamentari federali.

 

2010, aprile: soldati libici sono assunti come “istruttori” della guardia presidenziale; maggio: termina il mandato di Sambi, ma non c’è accordo sulla data delle elezioni; giugno: accordo fra i leder politici sull’agenda per elezioni presidenziali; dicembre: Ikililou Dhoinine vince le elezioni presidenziali. 2011, maggio: Dhoinine presta giuramento come presidente.

 

2013, aprile: numerose persone imprigionate, accusate di complotto contro il governo; giugno: le Comore annunciano la propria presenza all’esposizione mondiale Expo Milano; novembre: le abitanti delle Comore risultano al primo posto in materia dei diritti delle donne in una classifica stilata dalla Thomson Reuters Foundation riguardanti 21 stati della Lega Araba.

 

2015, febbraio: elezioni parlamentari.

 

2016, aprile: Azali Assoumani è in testa alle elezioni presidenziale, davanti all’ex presidente Mohamed Ali Soilihi; in alcune zone lo scrutinio è dichiarato nulla per “violenze e irregolarità”; maggio: dopo la ripetizione del voto in alcune zone, Assoumani è dichiarato eletto.

 

 2017, 20 agosto: le Comore diventano il 16° stato membro della Comunità di sviluppo dell'Africa Meridionale.

 

(Aggiornato al 18 marzo 2018)

Nome ufficiale: Unione delle Comore
Superficie
: 2.235 km2
Capitale
: Moroni
Lingue
: camoriano (ufficiale – un dialetto swahili-arabo), francese, arabo, malgascio
Sistema politico
: repubblica islamica federale parlamentare
Indipendenza
: 6 luglio 1975 (dalla Francia)
Capo di stato e di governo
: Azali Assoumani (dal 26 maggio 2016) (ogni isola ha un suo presidente)
Religioni
: musulmani sunniti (99%), cattolici (0,71%), non cattolici (0,05%), seguaci delle religioni tradizionali (0,24%)

 


Popolazione

Abitanti: 808.000 (stime luglio 2017)
Gruppi etnici
: gruppi misti di origine africana, malgascia e araba; tra i principali: antalote, cafre, makoa, oimatsaha, sakalava; piccoli gruppi di indiani, malgasci ed europei giocano un ruolo importante nell’economia

Crescita demografica annua: 1,64% (2017)
Tasso di fertilità
: 3,34 figli per donna (2017)
Popolazione urbana
: 28,5% (2017)
Mortalità infantile
(sotto i 5 anni): 73,5/1.000
Speranza di vita
: 64,6 anni
Analfabetismo
(sopra i 15 anni): 22,2%
Prevalenza Hiv
: 0,1%
Accesso a servizi sanitari adeguati
: 35,8%
Accesso all’acqua potabile
: 90,1%

 


Economia

44,8 % della popolazione vive sotto la soglia nazionale di povertà
Indice di sviluppo umano: 0,497 (170° su 188 stati)
Prodotto interno lordo
: 659 milioni di dollari (1,32 miliardi di dollari a parità di potere d’acquisto nel 2017)
Pil pro capite annuo
: 797 dollari (1.600 a parità di potere d’acquisto nel 2017)
Crescita economica annua
: 3,3% (stime 2017)
Inflazione
: 2% (2017)
Risorse naturali
: turismo, pesca (irrilevanti)
Prodotti agricoli
: noci di cocco, banane, vaniglia, chiodi di garofano, essenze per profumi, copra, cassava
Esportazioni
: vaniglia, essenze di profumo, chiodi di garofano, copra (18,4 milioni di dollari nel 2017)
Importazioni
: cibo, riso, prodotti di consumo, prodotti petroliferi, mezzi di trasporto. Cemento, materiali da costruzione (194,8 milioni di dollari nel 2017)
Debito estero
: 131 milioni di dollari (fine 2017)

Comore: Firmato un accordo con i ribelli, agli arresti il governatore...

Comore / Arresto governatore Il governo delle Comore e la principale forza di opposizione hanno firmato venerdì scorso un accordo che potrebbe porre fine alla...

GR AFRICA – Venerdì 19 ottobre 2018

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Senegal: HRW denuncia molestie su studentesse delle scuole secondarie. Comore: stretta sui ribelli...

Comore: Stretta sui ribelli armati ad Anjouan. Tagliati acqua ed elettricità

Comore / Rivolte Aumenta la tensione ad Anjuan, nell’arcipelago delle Comore, nell’Oceano Indiano, da quattro giorni epicentro di una rivolta contro il presidente Azali Assoumani...

GR AFRICA – Giovedì 18 ottobre 2018

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Comore: appelli alla calma per gli scontri tra esercito e oppositori ad...

Comore: Appelli alla calma per gli scontri tra esercito e oppositori...

Comore / Scontri L'Unione africana e le Nazioni Unite hanno lanciato ieri un appello alla "calma" e al "dialogo" ad Anjouan, l'isola dell’arcipelago delle Comore,...

GR AFRICA – Martedì 16 ottobre 2018

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Nigeria: giustiziata dagli ex Boko Haram un’altra operatrice della Croce Rossa. Comore: barricate...

Comore: Barricate ad Anjouan contro il colpo di mano del presidente

Comore / Proteste La popolazione di Anjouan, una delle isole che compongono l’arcipelago delle Comore, nell’Oceano Indiano, è scesa in piazza ieri erigendo barricate con...

Comore: Arrestato per appropiazione indebita l’ex presidente Abdallah Sambi

Isole Comore L'ex presidente delle Comore e leader del partito di opposizione Juwa, Ahmed Abdallah Sambi, è stato arrestato e accusato di appropriazione indebita di...

Comore: Otto persone accusate di tentato colpo di stato e terrorismo

Comore Il procuratore della Repubblica delle Comore ha accusato otto persone, arrestate la scorsa settimana, di un tentativo di colpo di stato e di voler...

Comore, referendum per estendere il mandato del presidente

Si è tenuto lunedì, nelle isole Comore, un referendum per estendere i limiti del mandato presidenziale e porre fine al sistema di rotazione di...

ONU: Quattro paesi africani perdono il diritto di voto all’Assemblea Generale

Nazioni Unite Quattro paesi africani hanno perso il diritto di voto all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (UNGA), per non aver pagato la loro quota di...

Premiati 8 paesi per la lotta alla malaria. A Londra segni...

Malaria Otto paesi africani sono stati premiati ieri con l’Alma Awards for Excellence, nel corso del 28° vertice dell’Unione Africana ad Addis Abeba, per i...

Isole Comore: Azali Assoumani eletto nuovo presidente

Isole Comore Nelle Comore sono stati annunciati i risultati definitivi delle elezioni presidenziali che si sono svolte l'11 maggio: Azali Assoumani è il nuovo capo...

Isole Comore: Presidenziali, combattuta corsa a 3 dopo il voto di...

Isole Comore / Presidenziali Dopo il voto di domenica scorsa, alle Isole Comore si contano le schede elettorali per determinare l’esito della combattuta corsa a...