Malawi

1480: gruppi etnici di origine bantu uniscono i propri minuscoli “stati” nella Confederazione di Maravi, che, al suo apogeo, giunge a inglobare, oltre al territorio dell’attuale Malawi, parti degli attuali Mozambico e Zambia. 17° sec.: giungono i primi esploratori portoghesi dalla costa dell’odierno Mozambico. 1790-1860: cresce drammaticamente la tratta schiavista. 1835-40: gli ngoni, zulu sfuggiti al controllo del re Shaka, si spingono fino alle rive del Lago Nyassa (oggi, Lago Malawi), dando inizio a 60 anni di guerra contro i chewa e gli yao. 1859: lo scozzese David Livingstone esplora la regione, aprendo la strada a missionari, avventurieri e commercianti europei. 1878: inizia la colonizzazione con l’arrivo della Livingstonia Central African Mission Company, società scozzese che mira a sviluppare una rete fluviale nell’Africa centrale per introdurvi il commercio.

 

1891: Londra dichiara il territorio a ovest del Lago Nyassa protettorato britannico. 1892: nasce il Protettorato britannico dell’Africa Centrale. 1893: aumenta il numero dei mercanti e coloni europei, a cui Londra offre vaste aree per iniziarvi piantagioni di caffè; gli africani sono sottoposti a lavori forzati; cresce l’opposizione nera. 1907: il protettorato britannico diventa Nyassaland. 1915: il pastore protestante (un battista), John Chilembwe, organizza la prima rivolta contro l’occupazione britannica; uccisi alcuni manager di tenute bianche; la sommossa è prontamente sedata con la forza e Chilembwe è ucciso dalla polizia. 1944: un gruppo di nazionalisti fonda il Congresso africano del Nyassaland (Can).

1953, ottobre: nonostante l’opposizione del Can e di numerosi bianchi liberali, Londra decide di includere il Nyassaland nella Federazione della Rodhesia del Nord (oggi Zambia) e della Rodhesia del Sud (oggi Zimbabwe). 1958: Hastings Kamuzu Banda, dopo anni di studio all’estero, torna in patria per mettersi alla guida del Congresso; la gente lo battezza subito “il messia nero”. 1959: violenti scontri tra esponenti del Can e le autorità coloniali; Banda e altri leader neri sono arrestato e il Congresso dissolto; dichiarato lo stato di emergenza; il Can si trasforma in Partito del Congresso del Malawi (Pcm). 1960: Banda, rilasciato dalla famigerata prigione di Gwelo, prende parte ai colloqui sulle riforme costituzionali a Londra. 1961: alle elezioni per l’Assemblea legislativa, il Pcm ottiene il 94% dei voti. 1963: il Nyassaland è territorio autonomo; Banda è primo ministro.

 

1964, 6 luglio: indipendenza; il paese prende il nome di Malawi; Banda è presidente; la costituzione riconosce un solo partito; tutti i movimenti di opposizione sono soppressi e i loro capi messi in prigione o esiliati; ripetuti abusi dei diritti umani. 1971: Banda viene eletto presidente a vita. 1975: la capitale viene spostata da Zomba a Lilongwe. 1978: prime elezioni in 17 anni di indipendenza; i candidati devono appartenere al Pcm e superare un esame di lingua inglese; 90% dei concorrenti sono esclusi.

 

Anni 1980: Banda gestisce da solo governo, partito ed economia (è proprietario del 33% di tutte le imprese); varie personalità politiche sono assassinate; altre, sono gettate in prigione; in 30 anni di tirannia, 250mila persone sono fatte sparire. 1987-88: il Malawi riceve 600mila rifugiati dal Mozambico (dove Banda appoggia la Renamo contro il Frelimo).

 

1992: cresce l’opposizione a Banda, stimolata dalla pubblicazione, in febbraio, di una lettera pastorale in cui i vescovi cattolici condannano apertamente la tirannia; grandi dimostrazioni in tutto il paese; aprile: Chafuka Chihana, dell’Alleanza per la democrazia, è catturato mentre tenta di rientrare in Malawi e solo un’intensa campagna internazionale trattiene Banda dal fucilarlo; maggio: nuova brutale repressione contro i lavoratori tessili in sciopero: 38 morti e 100 feriti; la Banca mondiale congela gli aiuti finanziari; giugno: alle elezioni generali, il Pcm vince tutti i 117 seggi in parlamento; fine anno: trapela la notizia della morte per tortura di Orton Chirwa, del Movimento per la liberazione del Malawi, in prigione dal 1983: per contenere l’indignazione popolare, Banda annuncia un referendum sulla possibilità del multipartitismo.

 

1993: Banda è seriamente malato; giugno: al referendum sul multipartitismo, due terzi dei votanti si esprimono a favore del cambiamento.1994, maggio: Bakili Muluzi, leader del Fronte democratico unito (Fdu), è eletto presidente alle prime elezioni multipartitiche; liberazione dei prigionieri politici; ristabilita la libertà di parola e di stampa; settembre: Banda abbandona l’attività politica.

 

1995, gennaio: Banda è arrestato e accusato dell’assassinio di tre ministri, ma viene prosciolto. 1996, gennaio: il Malawi partecipa, con altre 11 nazioni dell’Africa Australe, ai colloqui per la formazione di un’area di libero commercio. 1997: Banda muore in un ospedale del Sudafrica. 1999: Muluzi è riletto presidente per un secondo, e ultimo, mandato.

 

2000: la Banca mondiale annuncia la cancellazione del 50% del debito estero malawiano. 2001: seria carestia, specie nelle zone rurali; il governo dichiara lo stato di calamità naturale. 2002: il governo è accusato di aver svenduto le scorte di grano al Kenya; riaperta, dopo 20 anni, la linea ferroviaria fino al porto mozambicano di Nacala.

 

2004, maggio: Bingu wa Mutharika, candidato del Fdu, è eletto presidente; il governo dichiara che provvederà farmaci anti-retrovirali gratis agli ammalati di Aids. 2005, gennaio: tre alti esponenti del Fdu si presentano a un incontro con il presidente armati di pistola, sono arrestati e accusati di tradimento, ma sono perdonati da Mutharika; febbraio: il presidente abbandona il Fdu e crea un proprio partito (Partito democratico progressista-Pdp); giugno: il Fdu appoggia una mozione parlamentare per l’incriminazione e la rimozione di Mutharika dalla carica di capo di stato; durante il focoso e violento dibattito in parlamento, il presidente della camera muore di infarto cardiaco; agosto: l’Onu fa appello alla comunità internazionale perché intervenga con aiuti alimentari in favore di circa 5 milioni di malawiani; ottobre: proclamato lo stato di emergenza alimentare; novembre: il ministro dell’agricoltura dice che 5 milioni di malawiani hanno estremo bisogno di cibo.

2006, aprile: il vicepresidente Cassim Chilumpha è arrestato per tradimento; luglio: l’ex presidente Bakili Muluzi è arrestato per corruzione; ottobre: accesa controversia nazionale quando il governo concede alla cantante Madonna il diritto di adottare un bambino malawiano. 2007 maggio: il Malawi comincia a esportare 400mila tonnellate di mais, dopo aver prodotto un surplus nel 2006.

 

2008, gennaio: il paese rompe le relazioni diplomatiche con Taiwan e apre alla Cina; maggio: Mutharika ha accusa Muluzi di complottare contro di lui per deporlo; vari esponenti dell’opposizione e ex responsabili della sicurezza sono arrestati; ottobre: Mutharika è scelto come candidato del partito per le elezioni presidenziali.

 

2009, maggio: Mutharika sconfigge John Tembo (schierato con Bakili Muluzi) alle elezioni presidenziali; l’alta corte respinge le accuse di brogli elettorali mosse da Bakuli contro Mutharika. 2010, gennaio: presidenza malawiana dell’Unione africana; maggio: una coppia è imprigionata per aver contravvenuto alla legge contro l’omosessualità (in seguito alla condanna da parte dell’opinione mondiale, il presidente perdona i due e li libera); luglio: surplus di cibo, ma mancano fondi per distribuirlo; 700mila soffrono la fame; agosto: adottata la nuova bandiera nazionale; le elezioni locali (attese da 10 anni) vengono posposte per l’ennesima volta; ottobre: incidente diplomatico con il Mozambico, dopo il sequestro della prima imbarcazione che ha utilizzato il nuovo canale navigabile che collega il Malawi alle coste mozambicane; novembre: proteste contro la legge che eleva l’età pensionabile dai 55 ai 60 anni (limite superiore all’attuale speranza di vita nel paese).

 

2011, marzo: il presidente Mutharika fa infuriare l’opposizione, quando, nel corso di un comizio elettorale, invita i simpatizzanti del Partito democratico progressista (Pdp) a picchiare coloro che durante il discorso l’hanno fischiato e insultato; maggio: il Malawi espelle Fergus Cochrane-Dyet, l’alto commissario britannico, colpevole di aver accusato il presidente di «gestione autocratica del potere» in un dispaccio diplomatico reso pubblico da WikyLeaks; luglio: 19 persone uccise durante proteste anti-governative; la Gran Bretagna rompe gli aiuti dal Malawi e accusa il governo malawiano di cattiva gestione dell’economia nazionale e di ripetuti abusi dei diritti umani.

 

2012, aprile: Mutharika muore; gli succede di diritto la vicepresidente Joyce Banda; i membri del governo tentano di impedirle di assumere la massima carica, con la scusa che non appartiene al partito di governo; lei si appella all’esercito, che interviene per far rispettare la costituzione; maggio: la presidente svaluta la moneta locale (kwacha) di un terzo, per obbedire al Fondo monetario internazionale; dichiara di voler cambiare la legge che bandisce l’omosessualità nel paese, vende l’aereo presidenziale e l’intero parco macchinea (90 Mercedes) del governo; in due mesi, la nuova leader smantella completamente il precedente regime; giugno: saputo che il presidente del Sudan, Omar El-Bashir, ricercato dalla Corte penale internazionale dell’Aia, si sarebbe recato al vertice dell’Unione africana (previsto in Malawi dal 6 all’8 luglio), Joyce Banda fa sapere ai leader africani: «Potete certamente tenere il vertice in Malawi; ma se El-Bashir si azzarderà ad atterrare nel mio paese, lo farò arrestare»; ottobre: il Malawi chiede all’Unione africana di intervenire in una disputa sui confini con la Tanzania, che reclama metà del Lago Malawi, ritenuto ricco di petrolio e gas; novembre: sospesa la legge che criminalizza gli omosessuali.

 

2013, marzo: l’ex ministro degli esteri, Peter Mutharika, fratello dell’ex presidente, e altri 11 personalità di alto profilo sono accusati di tradimento per aver tentato di impedire alla presidente Joyce Banda di succedere a Mutharika; settembre: Paul Mphwiyo, direttore dell’ufficio del budget del Malawi, sopravvive a un attentato; ottobre: la presidente Banda licenzia l’intero governo, accusandolo di corruzione (“cashgate scandal”), e incoraggia l’apertura di un processo contro «gli autori del più grande scandalo finanziario della storia del nostro paese».

 

2014, gennaio: i primi dei 68 imputati, implicati nello scandalo, appaiono in corte; maggio: la coraggiosa Joyce Banda perde le elezioni presidenziali contro il fratello del suo predecessore, Peter Mutharika; la famiglia Matharika è accusata di aver sottratto milioni di dollari dalle casse dello stato e lo stesso Peter di essersi impadronito dei conti all’estero che erano intestati al fratello Bingu; la signora Banda ha tentato di scoprire le malefatte del suo predecessore, ma non c’è riuscita; ha perso le elezioni, classificandosi solo terza; luglio: il Malawi celebra i 50 anni di indipendenza; il presidente Peter Mutharika dice che, «mediamente i malawiani sono più poveri di quanto non lo fossero sotto il governo coloniale»; ottobre: Paul Mphwiyo e sua moglie Thandie sono arrestati, accusati di furto, riciclaggio di denaro e depistaggio delle indagini.

 

2015, aprile: dopo una campagna contro il dilagare dei matrimoni infantili (il Malawi detiene un tasso tra i più alti al mondo), il presidente firma la legge che porta l’età legale per contrarre un matrimonio da 13 a 18 anni.

 

2016, giugno: Amnesty International denuncia una nuova ondata di uccisioni di albini (almeno 65 casi di rapimenti, sparizioni, mutilazioni e uccisioni negli ultimi 24 mesi.

 

2017, giugno: l’Unicef inaugura il primo corridoio aereo al mondo per l’uso di “droni” impiegati per consegne di scorte medicinali;

ottobre: vigilantes uccidono sette persone sospettate di ottenere sangue umano da bere in riti magici (la popolazione, ancora molto superstiziosa e credente nella stregoneria, parla di “vampiri”); l’Onu sposta il suo personale impegnato nelle regioni interessate al fenomeno (nel sud) nella capitale commerciale, Blantyre; la popolazione “si dà alla caccia” dei “vampiri” e ne uccide 9; le forze dell’ordine arrestano 140 persone;  novembre: il Malawi porta a termine un programma di registrazione anagrafica per oltre 9 milioni di cittadini sopra i 16 anni (fino ad ora privi di documenti legali di identità); ampie zone del paese sono senza elettricità e senza acqua, in seguito a un prolungato periodo di siccità.

 

(Aggiornato al 12 marzo 2018)

Nome ufficiale: Repubblica di Malawi
Superficie: 118.484 km2
Capitale: Lilongwe (900.000 abitanti)
Lingue: inglese (ufficiale), chichewa (57,2%, ufficiale), chinyanja (12,8%), chiyao (10,1%), chitumbuka (9,5%), chisena (2,7%), chilomwe (2,4%), chitonga (1,7%), altre (3,6%)
Sistema politico: repubblica presidenziale
Indipendenza: 6 luglio 1964 (dalla Gran Bretagna)
Capo di stato e di governo: Arthur Peter Mutharika (dal 31 maggio 2014)
Religioni: cattolici (29%), altri cristiani e sette (20%), musulmani (8%), seguaci delle religioni tradizionali (43%)

 


Popolazione

Abitanti: 19.196.000 (stime luglio 2017)
Gruppi etnici: chewa (35,1%), lomwe (18,9%), yao (13,1%), ngoni (125%), tumbuka (9,4%), sena (3,5%), tonga (1,8%), nkhonde (0,9%), altri gruppi (1,9%), gruppi di asiatici ed europei
Crescita demografica annua: 3,31% (stime 2017)
Tasso di fertilità: 5,49 figli per donna (2017)
Popolazione urbana: 16,6% (2017)
Mortalità infantile (sotto i 5 anni): 64/1.000
Speranza di vita: 61,7 anni
Analfabetismo (sopra i 15 anni): 37,9%
Prevalenza Hiv: 9,6% (2016)
Accesso a servizi sanitari adeguati: 41%
Accesso all’acqua potabile: 90,2%

 


Economia

50,7% della popolazione vive sotto la soglia nazionale di povertà
Indice di sviluppo umano: 0,476 (170° su 188 paesi)
Prodotto interno lordo: 6,27 miliardi di dollari (22,47 miliardi di dollari a parità di potere d’acquisto nel 2017)
Pil pro capite annuo: 330 dollari (1.200 dollari a parità di potere d’acquisto nel 2017)
Crescita economica annua: 4,5% (stime 2017)
Inflazione: 13% (stime 2017)
Risorse naturali: calcari, terre arabili (24% della superficie), risorse idriche; depositi di uranio (non ancora sfruttati), carbone, bauxite
Prodotti agricoli: tabacco, canna da zucchero, cotone, tè, mais, patate, cassava, sorgo, arachidi, noci di macadamia, caffè, ovini, caprini
Esportazioni: tabacco (53%), tè, zucchero, cotone, caffè, arachidi, caffè, soia, legname (1,44 miliardi di dollari nel 2017)
Importazioni: cibo, prodotti petroliferi, semi-manufatti, beni di consumo, mezzi di trasporto (2,39 miliardi di dollari nel 2017)
Debito estero: 2,18 miliardi di dollari (fine 2017)

GR AFRICA – Venerdì 21 giugno 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Niger: diciotto terroristi uccisi in un’operazione militare congiunta. Malawi: una donna eletta per...

Malawi: Una donna eletta per la prima volta presidente del parlamento

Malawi Catherine Gotani Hara, parlamentare del principale partito d’opposizione in Malawi, il Malawi congress party (Mcp), è stata eletta ieri presidente del parlamento (Assemblea nazionale),...

GR AFRICA – Venerdì 7 giugno 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Africa: fame e malnutrizione causano quasi la metà delle morti infantili. Malawi: continuano...

Malawi: Continuano le proteste dell’opposizione contro la rielezione di Mutarika

Malawi Ieri la polizia di Lilongwe ha sparato gas lacrimogeni contro i sostenitori dell'opposizione che protestavano, per il terzo giorno consecutivo, contro la rielezione del...

Malawi. Rieletto Mutharika; 34 arresti tra gli oppositori

Proteste dopo il voto Il presidente uscente del Malawi Peter Mutharika è stato rieletto per un nuovo mandato di cinque anni battendo di misura il...

GR AFRICA – Lunedì 20 maggio 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Somalia: oltre due milioni a rischio carestia per la prolungata siccità. Egitto: 17...

Malawi: Il paese al voto domani per elezioni locali, parlamentari e...

Malawi / Elezioni generali 2019 Circa 6,7 milioni di cittadini del Malawi sono registrati per votare alle elezioni locali, parlamentari e presidenziali di domani. ...

Ancora si attende il cambiamento

Malawi / Elezioni 2019 Alle prese con problemi di sopravvivenza, la gente comune non pare far caso all’appuntamento di maggio. Che invece è cruciale perché...

Malaria. 435 mila i decessi nel 2017. La speranza nel vaccino.

25 aprile / Giornata internazionale di lotta alla malaria Sono 435mila i morti per malaria nel 2017, lo stesso numero dell’anno precedente. L’ultimo rapporto dell’Organizzazione...

GR AFRICA – Mercoledì 10 aprile 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Marocco: confermate pesanti condanne, gli attivisti di Hirak attuano proteste estreme. Ciclone Idai:...

Ciclone Idai: Almeno 847 i morti, oltre 2.700 i casi di...

Mozambico / Zimbabwe / Malawi E’ salito ad almeno 847 il numero dei morti causati in Mozambico, Zimbabwe e Malawi dal passaggio del ciclone Idai,...

Ciclone Idai: Emergenza colera a Beira, in Mozambico

Mozambico / Zimbabwe / Malawi Diciotto giorni dopo il passaggio del ciclone Idai, centinaia di migliaia di persone hanno ancora urgente bisogno di cibo, acqua...

GR AFRICA – Mercoledì 27 marzo 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Mali: massacro nella regione di Mopti. Un terzo dei 160 morti sono...

Ciclone Idai: Quasi 700 i morti accertati, si teme il diffondersi...

Mozambico / Zimbabwe / Malawi Circa 1milione e 850mila di persone sono state colpite, solo in Mozambico, dalla devastazione provocata dal passaggio Ciclone Idai. Il...

L’ammonimento del ciclone

Cambiamenti climatici L’Africa produce solo il 4% dei gas serra, ma paga le conseguenze del riscaldamento globale. L’uragano Idai, che ha provocato 686 morti in...

GR AFRICA – Lunedì 25 marzo 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Ciclone Idai: Oltre un milione 700mila le persone colpite. La metà sono...

Oltre un milione 700 mila le persone colpite dal ciclone Idai....

Mozambico / Malawi / Zimbabwe Sono un milione e 700mila le persone colpite dal Ciclone Idai che ha devastato Malawi, Mozambico e Zimbabwe. E quasi...

GR AFRICA – Giovedì 21 marzo 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Somalia: Amnesty International documenta morti civili nei raid aerei degli Usa. Tunisia: operazione...

Ciclone Idai: Ancora migliaia di persone intrappolate nel fango in Mozambico

Mozambico / Zimbabwe / Malawi Una corsa contro il tempo. Così le agenzie umanitarie impegnate nei soccorsi definiscono le operazioni in corso in Mozambico per...

GR AFRICA – Martedì 19 marzo 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Ciclone Idai: si aggrava il bilancio delle vittime in Mozambico e Zimbabwe. Corno...

Ciclone Idai: Si aggrava il bilancio delle vittime in Mozambico e...

Mozambico / Malawi / Zimbabwe Si sta palesando in Africa sud-orientale la devastazione provocata dal passaggio del ciclone Idai che si è abbattuto giovedì sulle...

GR AFRICA – Lunedì 18 marzo 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Il ciclone Idai provoca 150 morti e centinaia di dispersi Africa sud-orientale. Etiopia:...

Il ciclone Idai provoca 150 morti e centinaia di dispersi Africa...

Mozambico / Malawi / Zimbabwe Più di 150 persone sono morte e altre centinaia sono disperse dopo il passaggio del ciclone Idai sull’Africa sud-orientale. Secondo stime...

GR AFRICA – Venerdì 8 marzo 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Ghana: report giornalistico svela l’esistenza di una milizia del partito di governo. Malawi:...

Malawi: Gli albini chiedono protezione contro la piaga degli omicidi

Malawi / Albini Questa settimana a Lilongwe, capitale del Malawi, circa 300 persone, molte delle quali affette da albinismo, hanno protestato nelle vicinanze della residenza...

Malawi: Vicepresidente Chilima e l’ex presidente Banda alleati per le elezioni

Malawi / Elezioni 2019 Il vicepresidente Saulos Chilima e l’ex presidente Joyce Banda hanno fatto sapere venerdì scorso, d’aver formato un’alleanza per le elezioni generali...

GR AFRICA – Mercoledì 23 gennaio 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Zimbabwe: si moltiplicano le denunce per la brutalità dei militari contro i...

Malawi: I vescovi denunciano una preoccupante crescita della violenza politica

Malawi / Elezioni 2019 “L'attuale ondata di violenza politica sta determinando una situazione preoccupante che potrebbe rendere caotica la gestione del voto del 2019 e...

Malawi: Ventidue ippopotami morti per cause sconosciute in meno di due...

Malawi / Ambiente Almeno 22 ippopotami sono morti in Malawi in meno di due mesi nel parco nazionale di Liwonde. Le autorità competenti per la...

Africa, continente sempre più omofobo

Lgtb sotto attacco Discriminati, umiliati, aggrediti, arrestati e incarcerati. Chi non rispetta il canone eterosessuale è considerato un criminale e perseguito in 33 dei 54...