4° sec: nella parte occidentale dell’attuale territorio del Mali, nasce il più antico apparato statale dell’Africa, l’impero del Ghana, il cui apogeo è raggiunto attorno all’anno 1000. 11° sec.: l’impero del Mali diventa la forza dominante nel bacino dell’Alto Niger; il massimo splendore è raggiunto con il re mandinka Sundiata Keita (1235-1255) e, soprattutto, con Mansa (“imperatore”) Mussa (1312-1337), che estende l’impero dall’altopiano dell’Adrar des Iforas all’Atlantico. 14°-15° sec.: inizia il declino dell’impero del Mali, sotto gli attacchi dei popoli mossi, tuareg e songhai; il commercio dell’oro passa nelle mani dello stato vassallo di Songhai, con capitale Timbuctù (Tombouctou).

1591: il sultano del Marocco invade l’impero di Songhai; dalla sua frammentazione nascono nuovi regni. 1737: i tuareg, aiutati dal Marocco, conquistano il territorio; nel sud, sorge il regno dei Bambara, la cui egemonia rimane incontestata fino all’arrivo dei francesi (1850). 1898: Parigi completa la conquista del Mali; il territorio, con gli attuali Burkina Faso (ex Alto Volta), Benin e Senegal, è chiamato dapprima Sudan Francese, poi Africa Occidentale Francese.

1945: nasce il Raggruppamento democratico africano; l’Unione Sudanese ne è la sezione maliana. 1959: Mali e Senegal formano la Federazione del Mali, che però si scioglie l’anno dopo. 1960, 22 settembre: indipendenza, con Modibo Keita presidente; il Mali diventa uno stato a partito unico e si separa dalla zona del franco, rompendo gli ultimi legami con Parigi. 1968: Keita è deposto da un colpo di stato guidato dal colonnello Moussa Traoré; è creato un Comitato militare di liberazione nazionale; la dipendenza economica dall’estero e la speculazione agricola in funzione del mercato internazionale portano all’accumulazione di un ingente debito estero.

 

1977: Keita muore in prigione; scoppiano proteste.1979: nuova costituzione; alle elezioni presidenziali Traoré è rieletto presidente e opta per le formule di austerità proposte dalle banche internazionali e dal Fondo monetario internazionale (Fmi). 1985, giugno, Traoré è rieletto; scontri armati alla frontiera con il Burkina Faso. 1988: proteste di piazza di studenti e funzionari pubblici; il debito estero è pari al 125% del Prodotto interno lordo; inizia la ristrutturazione economica sotto i dettami dell’Fmi.

 

1991: Traoré è destituito da un colpo di stato e rimpiazzato da un Consiglio di transizione e salvataggio del popolo, capeggiato dal colonnello Amadou Toumani Touré; sono riorganizzati i vecchi partiti e ne sorgono di nuovi; insurrezione dei tuareg nel nord; aprile: è firmata la pace con i alcuni gruppi di opposizione tuareg; luglio: tentativo di colpo di stato da parte di un settore delle forze armate. 1992, aprile: Alpha Oumar Konaré, leader dell’Alleanza per la democrazia (Adema), vince le prime elezioni libere del Mali.

 

1995: trattato di pace tra governo e le tribù tuareg; inizia un programma triennale di rimpatrio di 120.000 tuareg rifugiati in Algeria, Burkina Faso, Mauritania e Niger. 1996, marzo: nuovo accordo di pace pone fine al conflitto con i tuareg. 1997, maggio, Konaré è rieletto presidente; alle legislative di luglio e agosto, l’Adema ottiene la maggioranza dei seggi in parlamento; l’opposizione boicotta entrambi gli scrutini. 1999: l’ex presidente Moussa Traoré e la moglie sono condannati a morte per corruzione (la condanna è commutata in ergastolo); ottobre: numerose persone uccise in scontri tra membri del gruppo etnico kunta e la comunità araba nel nord del paese.

 

2000, gennaio: è sventato un colpo di stato e Konaré s’affretta a introdurre alcuni militari nel governo; febbraio: il primo ministro Boubacar Keita, accusato di inefficienza nella lotta alla povertà, si dimette ed è rimpiazzato da Mande Sidibe, ex funzionario dell’Fmi. 2001, dicembre: dopo 13 anni di attesa, entra in funzione la prima turbina dalla centrale idroelettrica di Manantali. 2002, aprile: Amadou Toumani Touré è eletto presidente (accuse di brogli); settembre: la Francia promette di condonare il 40% del debito contratto dal Mali nei suoi confronti (79 milioni di dollari); ottobre, il governo rassegna le dimissioni ed è sostituito da una nuova compagine di unità nazionale. 2003, agosto: scontri tra gruppi islamici rivali nell’ovest (10 vittime).

2004, aprile: il primo ministro Mohamed Ag Amani dà le dimissione e gli subentra Ousmane Issoufi Maiga; settembre: un’invasione di cavallette rovina il 45% dei raccolti; ottobre: firmate cinque convenzioni di ricerca petrolifera nel paese.

 

2005, marzo, disordini a Bamako; un centinaio gli arresti; severa siccità, invasioni di cavallette e mancanza di cibo; giugno: la Fao comunica al mondo la situazione di fame nel paese. 2006, maggio: Nicolas Sarkozy, ministro degli interni francese, visita il paese, ma è accolto da proteste contro la sua politica “razzista” nei confronti dell’immigrazione; gruppi di tuareg rubano armi nella città di Kidal; cresce la paura di una nuova ribellione; giugno: accordo di pace con i ribelli tuareg, che chiedono maggiore autonomia.

 

2007, aprile: Touré vince un secondo mandato di 5 anni; luglio: la coalizione al governo, Alleanza per la democrazia e il progresso (Adp), rafforza la sua maggioranza in parlamento alle elezioni politiche; agosto: ribelli tuareg sono sospettati di aver sequestrato soldati regolari presso il confine con il Niger e l’Algeria. 2008, maggio: i ribelli tuareg uccidono 17 soldati, nonostante il cessate-il-fuoco firmato in aprile; dicembre: almeno 20 persone uccise in un attacco tuareg a una base militare nel nord.

 

2009, febbraio: il governo annuncia che l’esercito ha preso controllo di tutte le basi dei ribelli tuareg; aprile: 700 ribelli consegnano le armi; maggio: l’Algeria comincia a inviare equipaggiamento militare al Mali in preparazione di una iniziativa congiunta contro i militanti islamisti legati ad Al-Qaida; giugno: il governo britannico sospetta che Edwin Dyer, cittadino inglese, sia stato uccido da Al-Qaida, dopo essere stato rapito in gennaio con un gruppo di altri europei; agosto: una nuova legge che riconosce maggiori diritti alle donne provoca alcune proteste popolari.

 

2010: gennaio: il “Festival del deserto”, ricorrenza annuale solitamente celebrata a Timbuctu, viene spostato in un luogo più sicuro; marzo: Alicia Gamez, spagnola rapita in Mauritania nel 2009 da Al-Qaida nel Maghreb islamico, è liberata; poco dopo, viene rilasciata una coppia italiana; aprile: Mali, Algeria, Mauritania e Niger formano un “comando congiunto” per affrontare le minacce di terrorismo; settembre: il Mali festeggia i 50 anni di indipendenza; si suppone che sette stranieri rapiti in Niger siano trasferiti in Mali. 2011, gennaio: l’ambasciata francese a Bamako è attaccata da un uomo armato di fucile ed esplosivi; novembre: militari francesi si uniscono alle forze regolari maliane nella ricerca di due geologi francesi rapiti da una banda armata.

2012, gennaio: la paura di nuove ribellioni dei tuareg, dopo feroci attacchi ad alcune città del nord, causa la fuga di migliaia di persone in Mauritania; marzo: ufficiali dell’esercito, guidati dal capitano Amadou Sanogo, che si definisce leader del Comitato nazionale per la restaurazione della democrazia e dello stato, annunciano alla Tv di aver deposto il presidente Touré (poco prima delle elezioni previste per aprile), colpevole di non aver affrontato la ribellione tuareg in modo efficace; l’Unione africana sospende il Mali dall’organizzazione continentale; aprile: i ribelli tuareg prendono il controllo del nord del paese, da essi chiamato Azawad, e ne proclamano l’indipendenza; a Bamako i militari consegnano il potere a un governo di civili guidato dal presidente del parlamento, Dioncounda Traoré, con la qualifica di presidente ad interim del paese; maggio: la giunta militare riafferma il suo controllo sul governo, dopo un presunto tentato colpo di stato da parte dei sostenitori del presidente deposto, Touré; 21 maggio: il nuovo presidente ad interim è aggredito da alcuni sostenitori della giunta militare nel suo palazzo ed è costretto a farsi ricoverare in ospedale per una ferità alla testa; il gruppo ribelle tuareg, di matrice laica, il Movimento nazionale di liberazione dell’Azawad (Mnla), si fonde con il gruppo islamista Ansar Dine (“difensori della religione”) e dichiarano il nord del Mali “stato islamico”; Ansar Dine comincia a imporre la shari’a (legge islamica) a Timbuctu; Al-Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi) appoggia la decisione; giugno-luglio: Ansar Dine e il suo alleato Aqmi si schierano contro l’Mnla e catturano le città di Timbuctu, Kidal e Gao, dove distruggono molti degli antichi santuari islamici (dichiarati dall’Unesco “patrimonio dell’Umanità” e considerati “santi” dalla popolazione locale, perché tombe di noti marabutti sufi), in quanto ritenuti “luoghi di eresia” dai puristi del gruppo Ansar Dine; agosto: il primo ministro, Cheick Modibo Diarra, forma un nuovo governo di unità nazionale per soddisfare le richieste regionali per la fine del regime militare; 5 dei 31 ministri sono considerati vicini a Amadou Sanogo; autunno-inverno: i ribelli islamisti consolidano le loro posizioni nel nord, catturano la città di Douentza (settembre), e raggiungono il centro del paese; novembre: gli stati che formano la Comunità economica dell’Africa Occidentale (Cedeao) si accordano per una spedizione militare comune per ricatturare il nord, con l’appoggio dell’Onu e dell’Unione africana; si ritiene che i preparativi richiedano molti mesi; dicembre: il primo ministro Modibo Diarra dà le dimissioni (si pensa perché contrario ai piani della Cedeao); il presidente Traoré nomina Django Sissoko a succedergli; l’Onu e gli Usa minacciano sanzioni.

 

2013, gennaio: i combattenti islamisti catturano la città di Konna e pianificano di marciare sulla capitale; il presidente si appella alla Francia per aiuti; truppe francesi riconquistano Gao e Timbuctu, e, alla fine del mese, entrano a Kidal, l’ultima città in mano ai ribelli; le nazioni europee promettono di aiutare il governo maliano ad addestrare l’esercito; aprile: la Francia comincia il ritiro delle due truppe; una forza regionale africana assiste l’esercito maliano a mantenere la sicurezza; maggio: una conferenza internazionale si impegna a ricostruire il Mali con 4 miliardi di dollari; giugno: il governo firma un accordo di pace con i nazionalisti ribelli tuareg, in vista delle elezioni; questi ultimi accettano di consegnare la città di Kidal, occupata da essi dopo che le truppe francesi l’avevano liberata dagli islamisti; luglio: le Nazioni Unite iniziano la sua missione di pace, sostituendosi alla Francia, con i circa 6.000 uomini provenienti dalle nazioni dell’Africa Occidentale già presenti nel paese, in vista dell’impiego di 12.600 uomini in uniforme entro dicembre; agosto: dopo 18 mesi di sanguinosa crisi politico-militare, Ibrahim Boubacar Keita, ex primo ministro, è eletto presidente, sconfiggendo, al secondo turno, Moussa Mara; la Francia affida formalmente la sicurezza nel nord del paese alle forze dell’Onu (Minusma); settembre: al termine di colloqui tra le nuove autorità e i principali gruppi armati del nord (sia tuareg che arabi), tenuti a Bamako, è firmata una dichiarazione congiunta in cui si rinuncia alla secessione; ai colloqui non hanno partecipato i gruppi di matrice fondamentalista islamica, il Movimento per l’unicità e il jihad nell’Africa occidentale (Mujao) e Al-Qaeda per il Maghreb islamico (Aqmi); insediamento del nuovo presidente, Ibrahim Boubacar Keita, che nomina primo ministro il banchiere Oumar Tatam Ly; la situazione al nord si aggrava, con scontri tra forze governative e tuareg separatisti; 2 novembre: due giornalisti dell’emittente francese Rfi, Ghislaine Dupont, specializzata in reportage dall’Africa, ed il cameraman Claude Verlon, sono sequestrati e uccisi, a Kidal, nel nord del Mali, da un gruppo di quattro uomini; 19 dicembre: le elezioni parlamentari assegnano al Raggruppamento per il Mali, partito del presidente, 115 dei 147 seggi; la Francia annuncia una riduzione del 60% delle sue truppe dispiegate in Mali, fino a 1.000 entro marzo 2014.

2014, aprile: dopo l’improvviso ritiro dalla carica di Oumar Tatam Ly, il presidente Keita nomina il rivale Moussa Mara primo ministro, nel tentativo di diminuire l’instabilità nel nord del paese; maggio: si rompe la fragile tregua con i tuareg del Movimento nazionale per la liberazione dell’Azawad (Mnla), che conquistano Kidal, Menaka, Agelhok, Anefis e Tessalit; settembre: governo e separatisti iniziano una nuova serie di colloqui in Algeria, per risolvere il conflitto nel nord del Mali (chiamato dai tuareg Azawad); l’Mnla apre un’“ambasciata” in Olanda; ottobre: sospesi i colloqui di pace; sulla carta dovrebbero riprendere in novembre; 9 militari delle forze Onu uccisi nel nord-est (dallo scorso maggio, 31caschi blu, per lo più africani, sono morti in attacchi terroristici compiuti nel nord del paese); novembre: primi casi di contagio di ebola in Mali; dicembre: Serge Lazarevic, il cittadino francese di origine serba sequestrato nel novembre 2011 in Mali da Al-Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi), è liberato. 

 

2015, gennaio: dopo 42 giorni senza aver registrato un nuovo caso di infezione, il ministro della sanità annuncia che il paese è libro dal virus dell’ebola; aprile: scontri tra i ribelli del nord (Coordinamento dei movimenti dell’Azawad) si scontrano con le forze di pace dell’Onu a Timbuktu e occupano la città di Lere; maggio: truppe francesi uccidono due comandanti di al-Qaida, Amada Ag Hama and Ibrahim Ag Inawalen (ambedue sospettati di aver rapito e uccido cittadini francesi); viene firmato un accordo di pace tra il governo e alcuni gruppi e fazioni dei ribelli del nord; giugno: l’accordo di pace firmato da altri gruppi ribelli dei Tuareg; il governo concede maggiore autonomia alla regione e cancella i mandati di arresto contro leader ribelli dei Tuareg; luglio: artigiani maliani, impiegati dalle forze di pace Onu, ricostruiscono gli antichi santuari islamici di Timbuctu, distrutti dagli islamisti nel 2012; agosto: 17 persone uccise in un attacco dei militanti islamisti in un hotel di Sevare; novembre: uomini armati attaccano il lussuoso Radisson Blu Hotel nella capitale Bamako, uccidendo 22 persone.

 

2016, agosto: numerosi attacchi dei ribelli contro le forze della missione internazionale di sostegno al Mali (oltre 100 militari di tale missione stati uccisi dall’inizio dell’operazione nel 2013); settembre: la Corte penale internazionale condanna a nome anni di prigione il jihadista maliano Ahmad al Faqih al Mahdi per crimini contro l’umanità; Al Faqih era sotto processo per la distruzione, nel 2012, di nove mausolei e di una moschea a Timbuctu; è la prima volta che la distruzione del patrimonio culturale viene trattata come crimine di guerra, ed è la prima volta che un militante islamista viene processato dalla Cpi.

 

2017, gennaio: un’autobomba uccide almeno 50 persone e ne ferisce altre 111 in un campo militare di Gao, che ospita sia truppe governative che membri di gruppi armati (come parte del processo di pace); a rivendicarne la paternità è Al-Mourabitoun, violento gruppo legato ad al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQMI), autore anche dell’assalto all’Hotel Radisson di Bamako; febbraio: soldati regolari maliani e membri di milizie separatiste tuareg sono impiegati in pattuglie congiunte; aprile: il presidente Boubacar Keita annuncia la formazione di un nuovo governo, guidato dal primo ministro Abdoulaye Idrissa Maïga, suo prossimo alleato; giugno: il gruppo Nusrat a-Islam wal Muslimee rivendica la responsabilità di un attacco a un hotel di Bamako (2 vittime); 29 dicembre: dimissioni inaspettate del primo ministro Abdoulaye Idrissa Maïga e della sua squadra di governo; il presidente lo rimpiazza con Soumeylou Boubèye Maïga, altro stretto alleato del capo di stato, già ministro degli Esteri, capo dei sevizi di intelligence e segretario generale alla presidenza, e ministro della Difesa (tra settembre 2013 e maggio 2014).

 

2018, gennaio: 18 militari delle forze armate maliane sono uccisi nella base di Soumpi, nei pressi di Timbuktu, in un attacco attribuito a non meglio precisati «terroristi jihadisti»; 26 civili sono uccisi dall’esplosione di una mina, che ha dilaniata il veicolo su cui viaggiavano; 2 soldati francesi uccisi dall’esplosione di una mina artigianale: febbraio: continui attentati contro le forze di pace; numerosi jihadisti uccisi; febbraio: a Bruxelles donatori internazionali promettono 510 milioni di dollari per aiutare 5 paesi del Sahel (Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger) a creare una forza anti-terrorismo (di 5.000 soldati) contro i gruppi jihadisti della regione; 4 militari dell’Onu uccisi dall’esplosione di una mina; marzo: 4 soldati del Bangladesh, in forza alla missione Onu, muoiono quando il loro veicolo colpisce una mina (altri 4 sono rimasti feriti); un rapporto provvisorio dell’Onu recita: «L’insicurezza in Mali continua a infuriare e sta progressivamente muovendosi verso il centro del paese».

 

(Aggiornato al 6 marzo 2018)

Nome ufficiale: Repubblica di Mali
Superficie
: 1.240.192 km2
Capitale
: Bamako (2,5 milioni di abitanti)
Lingue
: francese (ufficiale), bambara (46,3%), peul/foulfoulbe (9,4%), dogon (7,2%), maraka/soninké (6,4%), , malinké (5,6%), sonrhai/djerma (5,6%), minianka (4,3%),  tamacheq (3,5%), senufo (2,6%), altre
Sistema politico
: repubblica presidenziale
Indipendenza
: 22 settembre 1960 (dalla Francia)
Capo dello stato
: Ibrahim Boubacar Keita (dal 4 settembre 2013)
Primo ministro
: Soumeylou Soubèye Maiga (dal 31 dicembre 2017)
Religioni
: musulmani (89%), seguaci delle religioni tradizionali (9%), cristiani (2%, di cui 1,6% cattolici)


Popolazione

Abitanti: 17.885.000 (stime 2017)
Gruppi etnici
: bambara (34,1%), fulani/peul (14,75), sarakole (10,8%), senufo (10,5%), dogon (8,9%), malinke (8,7%), tuareg (0,9%), altri (6,1%)
Crescita demografica annua: 3,02% (2017)
Tasso di fertilità
: 6,01 figli per donna (2017)
Popolazione urbana
: 41,4%
Mortalità infantile
(sotto i 5 anni): 98,3/1.000
Speranza di vita
: 60,3 anni
Analfabetismo
: 66,9%
Prevalenza
Hiv: 1% (2016)
Accesso a servizi sanitari adeguati
: 24,7%
Accesso all’acqua potabile
: 77%


Economia

47% della popolazione vive sotto la soglia nazionale di povertà

Indice di sviluppo umano: 0,442 (175° sui 188 paesi)

Prodotto interno lordo: 15 miliardi di dollari (40,98 miliardi di dollari a parità di potere d’acquisto nel 2017)
Pil pro capite annuo
: 838 dollari (2.200 a parità di potere d’acquisto nel 2017)
Crescita economica annua
: 5,3% (stime 2017)
Inflazione
: 0,2% (2017)
Risorse naturali
: oro, fosfati, caolino, sale, calcari, uranio, gesso, granito, risorse idriche; (giacimenti di bauxite, ferro, stagno e rame non ancora sfruttati)
Prodotti agricoli
: cotone, miglio, riso, mais, verdure, arachidi, bovini, ovini
Esportazioni
: cotone, oro, bestiame (3 miliardi di dollari nel 2017)
Importazioni
: petrolio, macchinari e equipaggiamenti, materiale da costruzione, cibo, tessili (3,89 miliardi di dollari nel 2017)
Debito estero
: 4,30 miliardi di dollari (fine 2017)

Armi leggere, dal Mali alla Siria

Rapporto Small Arms Survey Uno studio effettuato sul campo ricostruisce la rete del traffico di armi di piccolo calibro nella vasta regione dell’Africa occidentale e...

Sahel. Epicentro del jihadismo armato

AFRICHE IN CORSO - DOSSIER GENNAIO 2020 È soprattutto nel Liptako-Gourma, a cavallo tra le frontiere maliana, nigerina e burkinabè, che si sono riorganizzate le...

Terrorismo: Decine di vittime in nuovi attacchi armati in Niger, Mali...

Africa occidentale E’ un vero e proprio bollettino di guerra quello che arriva anche oggi dall’Africa saheliana occidentale e che riguarda azioni terrirostiche. Nell’ovest del...

Sahel. Quintuplicato il numero delle vittime di terrorismo

Africa occidentale-Sahel Il capo dell'Ufficio delle Nazioni Unite per l'Africa occidentale e il Sahel, Mohamed Ibn Chambas, davanti ai membri del Consiglio di sicurezza dell’Onu...

Il terrorismo di serie B

Africa/La lunga scia di sangue L’anno è appena iniziato ed è un susseguirsi di attentati di matrice jihadista nel continente, con decine di morti, soprattutto...

Il jihadismo dei tre confini

Sahel sotto attacco In una vasta area tra Niger, Mali e Burkina Faso due gruppi terroristici accrescono la loro influenza, assaltando le postazioni degli eserciti...

L'oro maledetto del Sahel

Insicurezza Il ricco filone aurifero che scorre dal Sudan alla Mauritania alimenta milizie, terrorismo e traffici illeciti, dispensando sfruttamento, inquinamento e violazioni dei diritti umani. Il...

GR AFRICA – Martedì 19 novembre 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Mali: nuovo attacco terroristico nel nord, 24 militari uccisi. Sudan: il massacro del...

Mali: Nuovo attacco terroristico nel nord, 24 militari uccisi

Mali E’ una vera e propria guerra quella che il governo del Mali sta combattendo, sostenuto dai paesi vicini, da Francia e Onu, contro la...

GR AFRICA – Giovedì 7 novembre 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Rd Congo: tre casi di Ebola a Beni e 10 civili uccisi...

Mali: La Francia annuncia l’uccisione di un leader jihadista

Mali / Terrorismo La Francia ha annunciato lunedì la morte di un importante capo jihadista in Mali. Il ministro della difesa Florence Parly ha dichiarato...

Terrorismo: Oltre 50 militari morti in Mali, in Egitto giurata fedeltà...

Terrorismo / Mali / Egitto Sabato scorso lo Stato Islamico ha rivendicato la responsabilità di un attacco che ha causato la morte di almeno 50...

GR AFRICA – Lunedì 4 novembre 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Terrorismo: oltre 50 militari morti in Mali, in Egitto giurata fedeltà all’ISIS. Guinea...

GR AFRICA – Venerdì 11 ottobre 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Mali: ripetuti attacchi jihadisti contro scuole nella regione di Timbuctu. Uganda: in via...

Mali: Ripetuti attacchi jihadisti contro scuole nella regione di Timbuctu

Mali / terrorismo A pochi giorni dall’avvio dell’anno scolastico gruppi di uomini armati hanno attaccato diverse scuole questa settimana nella regione di Timbuctu, nel nord...

Jihad, dominio in estensione

Burkina Faso / Terrorismo L’escalation di attacchi delle ultime settimane in Burkina Faso indica che i gruppi legati ad al-Qaeda e allo Stato islamico stanno...

Mali: Pesante attacco terroristico a due basi militari

Mali / Terrorismo Almeno 25 soldati uccisi e altri 60 "irreperibili": è questo, secondo il governo del Mali, il bilancio di raid condotti questa settimana...

GR AFRICA – Martedì 1 ottobre 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Nigeria: blitz in una “baby factory”, salvate dalla tratta 19 donne e...

Mali: La Cpi rinvia a giudizio l’ex commissario della polizia islamista...

Mali / Terrorismo La Corte penale internazionale (Cpi) ha confermato ieri le accuse di crimini di guerra e contro l'umanità per Al-Hassan Ag Abdul Aziz...

Mali: Gruppi armati firmano una tregua al confine con la Mauritania

Mali Un accordo per il cessate il fuoco è stato raggiunto a Lerneb, località del Mali nella provincia di Timbuctu, al confine con la Mauritania,...

GR AFRICA – Martedì 23 luglio 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Kenya: arrestato il ministro delle Finanze, coinvolta un’azienda italiana commissariata. Rd Congo: il...

Mali: Invio di truppe inglesi a rafforzamento della missione Onu

Mali / Minusma La Gran Bretagna invierà 250 truppe in Mali il prossimo anno, a sostegno dell’operazione delle Nazioni Unite contro il terrorismo (Minusma). La nazione...

Mali: Ottomila funzionari statali denunciati per presunta appropriazione indebita

Mali / Corruzione Un gruppo di organizzazioni del Mali, la piattaforma contro la corruzione e la disoccupazione (Cpc), ha depositato lo scorso 5 luglio una...

G5 Sahel: L’Europa annuncia un nuovo finanziamento di 138 milioni di...

G5 Sahel / Unione Europea L’Unione europea sosterrà la forza militare congiunta antiterrorismo G5 Sahel con un finanziamento aggiuntivo di 138 milioni di euro. Lo...

GR AFRICA – Martedì 2 luglio 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Mali: decine di morti in nuovi attacchi a villaggi Fulani nella regione...

Mali: Decine di morti in nuovi attacchi a villaggi Fulani nella...

Mali Almeno 23 persone sono state uccise e 300 disperse domenica in un attacco ad un villaggio di pastori Fulani nel Mali centrale, dove la...

GR AFRICA – Venerdì 28 giugno 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Tunisia: Lo Stato islamico rivendica gli attentati di ieri a Tunisi. Camerun: HRW...

Mali: Si rafforza la misssione dell’Onu nella regione centrale di Mopti

Mali / Minusma La Missione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione del Mali (Minusma) ha annunciato il rafforzamento della sua presenza attraverso lo sviluppo di...

GR AFRICA – Mercoledì 19 giugno 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Mali: decine di morti in nuovi attacchi a villaggi Dogon. Economia: passi avanti...

Mali: Decine di morti in nuovi attacchi a villaggi Dogon

Mali Decine di persone hanno perso la vita in nuove violenze nel centro del Mali. Il bilancio, ancora provvisorio, fatto ieri sera dal governo maliano,...