Marocco

681: prima incursione araba sul Marocco. 703: Moussa ibn Noceir s’impadronisce di tutto il paese. 739-740: movimenti di rivolta tra i berberi kharigiti. 789-985: con gli idrissidi, inizia la prima dinastia marocchina. 1055-1147: gli almarovidi unificano il Maghreb e l’Andalusia. 1147-1269: sotto gli almohadi, sviluppo di una brillante civiltà arabo-andalusa. 1269-1465: i merinidi conquistano il potere (con la presa di Marrakech).

 

1415: i portoghesi conquistano Ceuta. 1465-1549: la dinastia degli wattasidi succede a quella dei merinidi. 1666: Mulay Al-Rashid fonda la dinastia degli alawiti. 18° sec.: crisi di successione e rallentamento del commercio con l’Europa. 1860: disputa sul possesso di Ceuta; la Spagna dichiara guerra, vince e aumenta la superficie dell’enclave. 1880: la conferenza di Madrid sancisce la penetrazione economica delle grandi potenze in Marocco. 1884: la Spagna crea un protettorato nelle aree costiere del Marocco.

 

1904: Francia e Spagna si prendono zone di influenza del territorio. 1906: la conferenza di Algeciras pone il Marocco sotto il protettorato di Francia e Spanga. 1907: le truppe francesi sbarcano a Casablanca. 1912: con il trattato di Fez è proclamato il protettorato francese; la Spagna ottiene una zona settentrionale (il Rif, dove si trovano Ceuta e Melilla) e una meridionale (Ifni); il sultano è soltanto un ruolo di immagine. 1921-1926: sollevazione berbera, guidata dall’emiro Abd Al-Karim Al-Khattab; alla fine la sollevazione è soppressa da forze spagnoli e francesi. 1933-1934: la Francia ottiene il controllo sul paese. 1943: viene fondato il partito dell’Istiqlal (indipendenza), sostenuto da Mohammed V. 1953: il sultano è deposto e costretto all’esilio, ma rientra nel 1955.

 

1956: 2 marzo, è proclamata l’indipendenza (la Spagna mantiene le enclave di Melilla e Ceuta). 1957: Mohammed V diventa re del Marocco. 1961, febbraio: muore Mohammed V; marzo: Hassan II succede al padre. 1963: prime elezioni generali. 1965: in seguito ad agitazioni sociali, il re dichiara lo stato di emergenza e sospende il parlamento. 1971: fallisce un tentativo di deporre il re e stabilire la repubblica.

 

1973: nasce il Fronte Polisario (sostenuto dall’Algeria), che rivendica il Sahara Spagnolo, controllato dalla Spagna. 1975, 6 novembre: re Hassan ordina a 350.000 volontari civili di entrare nel Sahara Spagnolo (è la cosiddetta “Marcia verde”); dicembre: la Spagna accetta di lasciare il Sahara Spagnolo (che subito diventa Sahara Occidentale) e di trasferirne il controllo al Marocco e alla Mauritania; l’Algeria obietta e minaccia l’intervento militare; il Marocco occupa il Sahara Occidentale.

 

1976: le truppe marocchine e algerine si scontrano nel Sahara Occidentale; l’Algeria annuncia la creazione della Repubblica araba sahrawi democratica (Rasd) con un governo in esilio; Marocco e Mauritania si spartiscono l’ex colonia spagnola. 1976-1983: guerra tra Marocco e Fronte Polisario; il conflitto dissangua finanziariamente il Marocco.

 

1983: Hassan II s’incontra con il presidente algerino e inizia il “disgelo” tra Marocco e Algeria; il re cancella le previste elezioni per agitazioni politiche e crisi economica. 1984: la Rasd è riconosciuta come membro dell’Organizzazione dell’unità africana (Oua); il Marocco abbandona l’Oua; il Polisario dice di aver ucciso più di 5.000 soldati marocchini dal 1982 al 1985. 1988: ristabilite piene relazioni diplomatiche tra Rabat e Algeri.

 

1991: tregua nel Sahara Occidentale, monitorata dall’Onu, ma lo status del territorio rimane indeciso; numerose violazioni del cessate-il-fuoco; per un decennio si hanno accese dispute sul proposto referendum sul Sahara Occidentale. 1997: per la prima volta, la camera dei deputati viene eletta a suffragio universale. 1998: Abd El-Rahma El-Youssoufi, leader dell’Unione socialista delle forze popolari (all’opposizione), è nominato primo ministro. 1999: Hassan II muore e gli succede Mohammed VI.

 

2001: accordo di cooperazione politico-economica con la Mauritania; novembre: re Mohammed compie un controverso viaggio nel Sahara Occidentale (il primo di un re dopo un decennio). 2002, luglio: Marocco e Spagna accettano una risoluzione, proposta dagli Usa, sulla contesa isola di Perejil; ottobre: Driss Jettou diviene primo ministro; dicembre: il primo colloquio tra Marocco e Spagna sull’isola di Perejil si conclude senza la piena ripresa delle relazioni diplomatiche.

 

2003, gennaio: Casablanca e Madrid si scambiano gli ambasciatori; febbraio: una corte di Casablanca condanna a 10 anni di carcere tre sauditi, membri di Al-Qaida, accusati di aver organizzato nel 2002 un attacco alle navi di guerra americane e britanniche nello stretto di Gibilterra; maggio: 41 morti e numerosi feriti in una serie di attentati terroristici a Casablanca (tra cui uno a un ristorante spagnolo e uno a un centro giudaico). 2004, febbraio: un terremoto scuote il nord del paese (oltre 500 le vittime); riforma del codice della famiglia; luglio: accordi di libero commercio con gli Usa (Washington riconosce il Marocco come un importante alleato fuori della Nato); settembre-ottobre: centinaia di migranti africani prendono d’assalto le frontiere spagnole di Ceuta e Melilla; il Marocco deporta centinaia di migranti illegali; dicembre: la commissione incaricata di investigare gli abusi dei diritti umani sotto il regno di Hassan II parla di 592 persone uccise dal 1956 al 1999.

 

2005, aprile: visita del presidente cinese Hu Jintao e firma di numerosi accordi commerciali. 2006, gennaio: il premier spagnolo José Luis Rodriguez Zapatero visita Ceuta e Melilla (il primo leader spagnolo in 25 anni a fare una visita ufficiale a questi due territori). 2007, gennaio: cinque sospettati, liberati dalla prigione della base americana di Guantánamo, sono prosciolti dall’accusa di terrorismo da una corte marocchina; aprile: tre attentatori si fanno esplodere in Casablanca, poche settimane dopo un altro attentato in un Internet Cafè; altri due attentati kamikaze davanti agli uffici diplomatici americani di Casablanca; il Marocco presenta alle Nazioni Unite una road map verso l’autonomia del Sahara Occidentale, ma il Polisario rigetta il piano e ne presenta uno suo; giugno: incontri tra governo e Polisario, sponsorizzati dall’Onu a New York, sortiscono un nulla di fatto; settembre: alle elezioni parlamentari il partito conservatore Istiqlal, membro della coalizione di governo, ottiene la maggioranza dei voti; novembre: il re di Spagna, Juan Carlos, visita Ceuta e Melilla, irritando il Marocco, che chiede la restituzione delle due enclave.

2008, febbraio: la polizia arresta 36 persone sospettate di avere connessioni con Adbelkader Belliraj, un belga-marocchino accusato di guidare la ramificazione locale di Al-Qaida; aprile: la polizia spagnola arresta due marocchini ricercati per gli attentati di Casablanca del 2003; nove prigionieri condannati per gli stessi attentati fuggono dalla prigione di Kenitra, a nord di Rabat; maggio: le forze di sicurezza dichiarano di aver smantellato una rete affiliata ad Al-Qaida che pianificava attentati in patria e in Belgio; giugno: una corte condanna 29 persone per aver organizzato incontri illegali e reclutato marocchini per combattere in Iraq; luglio: la polizia arresta 35 persone accusate di reclutare militanti per Al-Qaida in Algeria e Iraq e di pianificare attentati in Marocco; agosto: arrestati 15 sospettati di appartenere al gruppo “Fath al-Andalous”, legato ad Al-Qaida; settembre: visita del segretario di stato americano Condoleezza Rice per discutere di terrorismo, riforme politiche e Sahara Occidentale; Fouad Ali Al-Himma, un consigliere di re Mohammed, forma un’alleanza attorno al nuovo Partito per l’autenticità e la modernità (la nuova formazione ha il potenziale di dominare il parlamento); ottobre: Adbelkader Belliraj, estradato dal Belgio, viene portato in tribunale con l’accusa di aver pianificato l’uccisione di alte personalità; una corte condanna a varie pene detentive 40 persone, ritenute colpevoli dell’attentato all’Internet Café di Casablanca nell’aprile 2007; dicembre: due marocchini, Abdelilah Ahriz e Hicham Ahmidan, sono condannati a 20 e 10 anni di prigione per gli attentati a treni a Madrid nel 2004.

 

2009, febbraio: il leader islamista Saad Housseini è condannato a 15 anni di prigione per gli attentati di Casablanca del 2003 (è ricercato anche in Spagna per gli attentati a Madrid); marzo: il Marocco rompe le relazioni con l’Iran; luglio: Abdelkader Belliraj, ritenuto il leader di Al-Qaida in Marocco, è condannato all’ergastolo con l’accusa di essere capo di un gruppo islamista terroristico e di aver ucciso sei persone in Belgio.

 

2010, agosto: tensioni tra Spagna e Marocco in seguito a incidenti accaduti presso il confine dell’enclave di Melilla; novembre: le forze di sicurezza assaltano un campo nel Sahara Occidentale, provocando dimostrazioni violente nella capitale El-Aiun; dicembre: delegati del Sahara Occidentale, presenti al festival della gioventù in Sudafrica, tentano di sostituire la bandiera del Marocco con un cartello anti-Marocco, provocando disordini.

 

2011, febbraio: migliaia di cittadini prendono parte a dimostrazioni in Rabat e altre città, per chiedere riforme politiche e una nuova costituzione che limiti i poteri del re; nasce il movimento “20 Febbraio”; aprile: 17 persone (per lo più straniere) sono uccise da una bomba in un bar di Marrakech; luglio: re Mohammed ottiene una sorprendente vittoria al referendum sulla nuova costituzione che egli stesso ha proposto per placare le proteste della “primavera araba”; i dimostranti continuano a chiedere maggiori riforme; ottobre: una corte condanna un uomo a morte per l’attentato al bar di Marrakech in aprile; novembre: alle elezioni parlamentari vince il Partito “Giustizia e sviluppo” (Pjd), islamico moderato.

 

2012, gennaio: formato un nuovo governo di coalizione, guidato da Abdelilah Benkirane, leader del Pdj; maggio: decine di migliaia di persone inscenano una manifestazione di protesta, sostenuta dal sindacato, per protestare contro il primo ministro, giudicato incapace di portare avanti le riforme.

 

2013, gennaio: in seguito al suicidio di una 16enne, violentata e costretta a sposare il suo stupratore, il governo sostiene il cambiamento dell’articolo del codice penale che consente a uno stupratore di evitare ogni accusa sposando la ragazza violentata; aprile: il Marocco cancella esercitazioni militari congiunte con gli Usa, reagendo all’appoggio dato da Washington al monitoraggio dei diritti umani nel Sahara Occidentale chiesto dalle Nazioni Unite; il governo marocchino chiede che il monitoraggio sia fatto sugli attacchi alla sua sovranità; luglio: l’Istiqlal, il secondo partito in parlamento (dopo il Partito per la giustizia e lo sviluppo, islamista), ritira il suo sostegno al governo (si dimettono 5 dei suoi 6 ministri), causando una crisi amministrativa; ottobre: il re nomina un nuovo governo (Benkirane II), con l’ingresso del partito Rni (Rassemblement National des Independants) nella nuova maggioranza governativa.

 

2014, febbraio: il Marocco annuncia di aver sospeso gli accordi di cooperazione giudiziaria con la Francia in una crescente disputa diplomatica emersa dopo le accuse di torture e abusi dei diritti umani formulate da una ong francese contro il servizio di intelligence marocchino, accusando il suo capo, Abdellatif Ammouchi, di complicità in tortura; maggio: l’alto commissario delle Nazioni Unite, in visita in Marocco, invita il Marocco a rispettare maggiormente i diritti umani; Madrid dice che migliaia di migranti hanno tentato di entrare in Spagna attraverso l’enclave di Melilla; ottobre: il Marocco convoca l’ambasciatore algerino, in seguito a uno scontro a fuoco alla frontiera tra le due nazioni (chiusa dal 1994); novembre: dopo il rifiuto del Marocco di ospitare la Coppa d’Africa per i timori legati al virus “ebola”, la Caf (Federazione continentale africana) esclude la squadra nazionale marocchina dall’edizione 2015 della Coppa (giocata in Guinea Equatoriale dal 17 gennaio all’8 febbraio).

 

2015, febbraio: dopo che centinaia di migranti hanno tentato di forzare la rete metallica per entrare in Melilla, le autorità governativi distruggono un campo improvvisato presso l’enclave spagnola; marzo: i servizi di sicurezza marocchini annunciano di aver smantellato una rete di militanti appartenenti allo Stato Islamico.

 

2016, marzo: il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, descrive l’annessione del Sahara Occidentale da parte del Marocco come «occupazione»; come reazione, Rabat espelle oltre 80 funzionari Onu presenti operanti nel territorio occupato; agosto: per la prima volta, re Mohammed VI fa appello ai sudditi della diaspora (5 milioni) di diventare «paladini dell’Islam, della tolleranza e della pace»; settembre: secondo le cifre diffuse dal ministero che si occupa dei residenti all’estero e delle migrazioni, dal 2013 ad oggi, il Marocco ha accolto oltre 23mila immigrati (le domande depositate negli uffici sono state 27.449 e di queste l’85,53% hanno avuto l’approvazione); iniziano le consultazioni informali per la Conferenza sul clima: a Skhirat, delegati stranieri e rappresentanti dei paesi che prenderanno parte a COP22 fissano le priorità per l’avvio dei lavori che si terranno a Marrakech dal 7 al 18 novembre; ottobre: il partito il Partito “Giustizia e sviluppo” (Pjd) stravince le elezioni parlamentari e il re sceglie il suo leader, Abdelilah Benkirane per un altro incarico di primo ministro; ottobre-novembre: Mouhcine Fikri, pescivendolo 30enne, è stato da alcuni agenti della polizia nella città di El Hoceima, nel nord del Marocco, nella serata del 28 ottobre; la pesca del tipo di pesce che vendeva non è permessa in questo periodo dell’anno ed quindi non è adatta alla consumazione; gli agenti prendono la merce e la gettano in un compattatore di rifiuti; cercando di opporsi, Fikri si getta nella macchina e si fa triturate; la scena viene ripresa e molto presto fa il giro di tutte le reti social: migliaia di marocchini scendono in strada a Al-Hoceima, ma anche a Rabat, Casablanca e in altre città del paese per chiedere “giustizia per il martire”; il re chiede un inchiesta; dal 2011 sono stati numerosi i casi di suicidi per “ingiustizie sociale”, e ogni volta, le autorità hanno promesso l’apertura di un’indagine, ma senza comunicarne i risultati.

 

2017, marzo: il re Mohammed licenzia Abdelilah Benkirane dalla carica di primo ministro per non essere riuscito a formare un governo di colazione; il re sceglie come suo successore Saad-Eddine El-Othmani, ex ministro degli esteri; maggio: nuova ondata di dimostrazioni in Al-Hoceima, nel nord, motivate da diverse rivendicazioni sociali e relative allo sviluppo locale; luglio-agosto: continua la contestazione di natura socio-economico (si sta perpetuando da oltre 9 mesi) ed è duramente repressa dal governo di Rabat; dicembre: il Marocco registra un record nel numeri di turisti nel 2017 (oltre 11 milioni; +10% rispetto al 2016),

 

2018, 25 gennaio: grande folla accorsa davanti a una corte di Rabat dove sono giudicati 4 giornalisti, accusati di aver pubblicato notizie ritenute confidenziali; febbraio: la polizia di Casablanca arresta Taoufiq Bouacrine, 49enne direttore del giornale Akhbar al-Yaoum, noto per i suoi editoriali molto critici nei confronti delle autorità; in corte, il giornalista viene accusato di “violenza sessuale”, ma il suo avvocato nega: «Il suo arresto è stato troppo plateale, e ciò prova che non si tratta di violenza sessuale. Se così fosse, sarebbe stato chiamato ad un confronto con i suoi accusatori… Tutti capiscono che l’arresto è politicaente motivato»; re Mohammed è operato al cuore in una clinica di Parigi.

 

(Aggiornato al 6 marzo 2018)

Nome ufficiale: Regno di Marocco
Superficie
: 446.550 km2
Capitale
: Rabat
Lingue
: arabo (ufficiale), lingue berbere (tamazight – ufficiale –, tachelhit, tarifit), francese (negli affari economici, governativi e diplomatici)
Sistema politico
: monarchia
Indipendenza
: 2 marzo 1956 (dalla Francia)
Capo di stato
: Re Mohamed VI (dal 30 luglio 1999)
Primo ministro
: Saad-Eddine Al-Othmani (dal 17 marzo 2017)
Religioni
: musulmani (99%), cattolici (0,09%), altri cristiani (0,03); giudaismo (0,2%), altri (0,88)

 


Popolazione

Abitanti: 33.985.600 (stime luglio 2017)
Gruppi etnici
: arabo-berberi (99,1%), ebrei (0,2%), altri (0,7%)
Crescita demografica annua
: 0,97 (stime 2017)
Tasso di fertilità
: 2,11 figli per donna (2017)
Popolazione urbana
: 61,2% (2017)
Mortalità infantile
(sotto i 5 anni): 30,4/1.000
Speranza di vita
: 77,1 anni
Analfabetismo
(sopra i 15 anni): 31,5%
Prevalenza Hiv
: 0,1% (2016)
Accesso a servizi sanitari adeguati
: 76,7%
Accesso all’acqua potabile
: 85,4%

 


Economia

Indice di sviluppo umano: 0,647 (123° su 188 paesi)

Prodotto interno lordo: 110,7 miliardi di dollari (300,1 miliardi di dollari a parità di potere d’acquisto nel 2017)
Pil pro capite annuo
: 3.257 dollari (8.600 dollari a parità di potere d’acquisto)
Crescita economica annua
: 4,8% (2018)
Inflazione
: 0,9% (2017)
Disoccupazione
: 9,3% (2017)
Risorse naturali
: fosfati, materiali di ferro, manganese, piombo, zinco, sale, pesce
Prodotti agricoli
: orzo, grano, agrumi, uve, verdure, olive, bestiame; vino
Esportazioni
: abbigliamento e tessili, automobili, componenti elettrici, prodotti chimici inorganici, transistor, fertilizzanti (fosfati), prodotti petroliferi, minerali grezzi, frutta, verdure, pesce (18,64 miliardi di dollari nel 2017)
Importazioni
: greggio, fibre tessili, equipaggiamento per telecomunicazioni, grano, gas, elettricità, transistor, plastiche (39,64 miliardi di dollari nel 2017)
Debito estero
: 45,72 miliardi di dollari (fine 2017)

Sahara Occidentale: l’Onu spinge per la ripresa dei negoziati col Marocco

Tutto rinviato a venerdì 29 ottobre. Gli Stati Uniti non sono riusciti a far approvare all’Onu, mercoledì 27 ottobre, la bozza di risoluzione che...

Il sultano in Africa se la prende con i “colonialisti”

L’impero neo-ottomano cerca sempre maggiori consensi in Africa. Come? Promettendo patti alla pari con molti paesi del continente. E additando quale male assoluto il...

Sahara Occidentale: il Tribunale dell’Unione europea annulla due accordi Ue-Marocco

Una volta di più il Tribunale dell’Unione europea ha annullato le clausole di due accordi, uno sulla pesca e l’altro sui prodotti agricoli, per...

Golpe in Guinea Conakry, cosa rischia il Marocco

Tra gli effetti collaterali del golpe militare che il 5 settembre in Guinea Conakry ha portato alla destituzione del presidente Alpha Condé, presto potrebbero...

Il voto in Marocco: sconfitti gli islamisti. Vince il re

La netta sconfitta del partito islamista, Partito della giustizia e dello sviluppo (Pjd), del premier Saad-Eddine El Othmani, è il risultato più significativo delle...

Il Marocco acquista navi militari in Spagna

L’azienda spagnola Navantia, specializzata nella costruzione di navi militari, sta portando avanti i lavori per la consegna di un pattugliatore costiero alla Marina Reale...

Marocco. Oggi si vota. Rischio astensione

Oggi in Marocco si tengono elezioni legislative, regionali e comunali. Quasi 18 milioni di cittadini sono chiamati al voto, anche se si teme un'astensione...

Calcio e non solo: 6 partite indimenticabili

Tante hanno inaugurato l'inizio di nuove epoche, alcune sono rimaste nell'immaginario collettivo per i campioni in campo e altre ancora hanno portato in dote...

Algeria: Rottura delle relazioni diplomatiche col Marocco

Il ministro degli esteri algerino Ramtane Lamamra ha annunciato il 24 agosto, nel corso di una conferenza stampa, la rottura immediata delle relazioni diplomatiche...

Marocco: liberata Ikram Nazih

«Ikram Nazih è stata liberata oggi in Marocco», lo conferma la Farnesina. La ragazza italo-marocchina era stata condannata per offese contro la religione per aver...

Marocco-Italia: non dimenticare Ikram Nazih

A quasi due mesi dalla notizia del suo arresto e condanna, la vicenda della giovane italo-marocchina Ikram Nazih continua a restare in un preoccupante...

Algeria: Rabat dietro gli incendi nel nord

Nuove e più intense frizioni tra Algeria e Marocco. Algeri ha infatti deciso di rivedere le sue relazioni con il vicino scomodo e di...

Marocco: il progetto Pegasus e il re spione

Il Marocco è apparso fin da subito in prima pagina nello scandalo della sorveglianza dei cellulari col software Pegasus della società israeliana Nso, svelato...

Ceuta: il ricatto del Marocco alla Spagna e all’Europa

La tensione tra Spagna e Marocco si è progressivamente ridotta nel corso della giornata di ieri, 19 maggio, e il governo spagnolo ha espresso...

Il Covid spinge le rimesse in Africa

La pandemia avrebbe dovuto rallentare le rimesse dei migranti. Almeno queste erano le previsioni della Banca mondiale. Invece no. Anzi. In Italia si è...

Stabile il commercio di armi, ma cresce nel Sahel

Stavolta arriva una notizia non drammatica dal report del Sipri (Istituto internazionale di ricerche sulla pace di Stoccolma): il volume delle consegne di sistemi...

CHAN 2020: Marocco ancora campione, ma non sono mancate le novità

È finita come l'ultima volta, due anni fa, con il Marocco sul trono della CHAN, il torneo continentale africano riservato solamente ai giocatori delle...

Migranti: rotte senza diritti

103 pagine dettagliate. Un’accurata disamina di ciò che accade lungo le rotte migratorie che vanno dai paesi dell’Africa nord occidentale alle isole Canarie e...

E se la soluzione arrivasse da Algeri e Rabat?

Le ragioni del conflitto nel Sahel sono complesse. L’area affronta una crisi multidimensionale, che include la proliferazione di gruppi terroristici, reti criminali, pressioni ambientali,...

La politica del cuscus

Il cuscus non è solo un orgoglio culinario del Nord Africa e un simbolo di riscatto sociale, celebrato nel noto film del regista tunisino...

Rivoluzioni in stand by

La caduta di tre dittatori nordafricani si consuma nel giro di pochi mesi, all’inizio del 2011, sotto la spinta della rivolta popolare. Il primo...

Ultimi colpi di coda di Trump

Alla fine del suo mandato, il presidente americano Donald Trump accelera i colpi di coda, anche laddove è sembrato, nel corso della sua presidenza,...

Sahara Occidentale: si riaccende la guerra tra Polisario e Marocco

Ancora incerta la situazione nel Sahara Occidentale, dopo che all’alba di venerdì 13 novembre, l’esercito marocchino è intervenuto per sgombrare la zona-tampone di Guerguerat...

Il caos dopo la chiusura di 8 città per timore del...

In Marocco torna la paura per il lockdown. Dalla mezzanotte di domenica 26 luglio, infatti, è vietato viaggiare in entrata o uscita da otto...

Pene capitali: i primati di Egitto e Somalia

  Con 32 esecuzioni e 435 sentenze capitali anche nel 2019 l’Egitto è stato il paese africano che ha usato in modo più sistematico la...

Vendita di armi, una crescita senza fine

È una consuetudine. Amara. Il rapporto annuale di Sipri sui trasferimenti mondiali dei grandi sistemi d’arma è uno schiaffo alla povertà e un sorriso...

Le armi della diplomazia

Nel giro di tre mesi, tra dicembre e febbraio, la diplomazia marocchina ha convinto 9 stati africani ad aprire un consolato nei territori occupati...

Libertà di parola. Ma solo se non critichi

Marocco. La denuncia di HRW Nel paese, al 135° posto su 180 nella classifica mondiale della libertà di stampa, tra la fine del 2019 e...

Gli affari sono affari

Africa, business e diritti E non si fanno condizionare dai diritti umani. Come certifica la classifica della Rmb, banca sudafricana che mette in cima alla...

Respingere a fondo

Rapporto Oxfam Italia A poco più di quattro anni dal vertice della Valletta, Oxfam Italia pubblica un report sul Fondo fiduciario di Emergenza Ue per...