Mozambico

3° sec.: alcune comunità di agricoltori e allevatori di origine bantu e provenienti dall’Africa occidentale e centrale emigrano nel territorio, introducendovi la lavorazione del ferro. Fine sec. 10°: è fondata dagli shirazi la città di Sofa (presso l’odierna Beira), che diviene il punto di contatto tra la cultura mercantile e musulmana della costa e quella metallurgica e animista dello Zimbabwe. 11° sec.: l’Impero shona si sviluppa tra i fiumi Limpopo e Zambesi. 1498: una spedizione portoghese, guidata da Vasco da Gama, arriva sulle coste mozambicane. 16°-17° sec.: i portoghesi, attraverso campagne militari, creano centri di commercio e attività di estrazione, e distribuiscono terreni a coloni europei. 1629: il re di un’area tra l’attuale Zimbabwe e il Mozambico dichiara fedeltà al Portogallo. 18°-19° sec.: fiorisce il commercio schiavista. 1842: il Portogallo dichiara la schiavitù fuori legge, ma la tratta clandestina continua.

 

1878: Lisbona consegna ampi tratti di terra a compagnie commerciali, che ricorrono all’impiego di lavoro schiavo. 1891: Portogallo e Gran Bretagna definiscono i confini occidentali e meridionali del Mozambico. 1902: Lourenço Marques diventa la capitale coloniale.1920: la sconfitta del re Makombe, nella regione di Tete, segna il consolidamento della conquista portoghese. 1932: Lisbona scioglie le compagnie commerciali e impone il suo governo diretto sulla colonia, amministrandola come provincia d’oltremare; il Mozambico diventa la fonte di manodopera per le miniere d’oro del Sudafrica.

 

Anni 1950-1960: l’economia coloniale fiorisce, attirando migliaia di portoghesi; gruppi nazionalisti inscenano scioperi e manifestazioni per l’indipendenza. 1960: un raduno spontaneo e pacifico a Mueda viene represso crudelmente (500 morti). 1961: Eduardo Chivano Mondlane, antropologo e funzionario dell’Onu, visita la sua patria e persuade i gruppi indipendentisti a unirsi e organizzarsi. 1962, 25 giugno: indipendentisti mozambicani (tra cui attivisti esiliati) appartenenti a tre diverse organizzazioni regionali (Unione nazionale africana mozambicana-Unam; Unione democratica nazionale del Mozambico-Udenamo; Unione nazionale africana per l’indipendenza del Mozambico-Unami) si riuniscono in Tanzania e fondano il Fronte di liberazione del Mozambico (Frelimo), con Mondlane nella veste di presidente. 1963: il Frelimo stabilisce il suo quartier generale a Dar es Salaam (Tanzania). 1964: inizia la guerra d’indipendenza; tecniche di guerriglia creano difficoltà alle truppe coloniali portoghesi.

 

1968, luglio: 2° Congresso del Frelimo nelle zone liberate; in seno alla formazione c’è una lotta tra chi concepisce l’indipendenza come una mera “africanizzazione” del sistema istituito e chi vuole instaurare una nuova società democratica e popolare; il secondo orientamento s’impone. 1969: il Fronte controlla un quinto del territorio nazionale; 23 febbraio: Mondlane è assassinato da una cellula portoghese di “Gladio”; è creato un triumvirato (Uria Simango, Samora Machel e Marcelino dos Santos) quale consiglio di presidenza.

 

1970, maggio: Samora Machel (già comandante in capo dell’esercito del Fronte) è presidente del Frelimo. 1974: colpo militare in Portogallo e il nuovo governo firma con il Frelimo un accordo di pace (a Lusaka, Zambia); nasce un governo di transizione; inizia il rimpatrio di 250.000 portoghesi dal Mozambico.

 

Indipendenza

1975, 25 giugno: indipendenza; Samora Machel è presidente e il Frelimo è partito unico. 1976: nasce la Resistenza nazionale mozambicana (Renamo), sostenuta dai bianchi della Rodhesia; la capitale Lourenço Marques diventa Maputo. 1977: il Frelimo adotta il marxismo-leninismo.

 

1980: collassa il regime bianco in Rhodesia e nasce lo Zimbabwe; la Renamo è ora appoggiata dal regime razzista del Sudafrica; Machel lancia una campagna contro corruzione, inefficienza e burocrazia nelle imprese statali, e vara un piano di sviluppo economico, i cui progetti sono danneggiati dal deterioramento dei rapporti con il Sudafrica. 1983: il 4° Congresso del Frelimo decide importanti cambiamenti nel programma economico del governo (riduzione dei grandi progetti agricoli, priorità ai piccoli investimenti e alle piccole unità agricole e industriali). 1984, marzo: Samora Machel e il presidente sudafricano P. W. Botha firmano un patto di non aggressione a N’Komati (300 km da Johannesburg), in base al quale il Sudafrica ritira il suo appoggio alla Renamo e il Frelimo al Congresso nazionale africano (Anc); la tregua dura poco e la Renamo riprende le sue offensive.

 

1985: attacchi terroristici della Renamo; una grave siccità decima il bestiame e riduce del 25% la produzione di grano; Machel denuncia l’occulto sostegno del Sudafrica alla Renamo. 1986, 19 ottobre: muore Samora Machel in un misterioso incidente aereo, in territorio sudafricano; gli succede Joaquim Alberto Chissano. 1989: il Frelimo rinuncia al marxismo-leninismo.

 

1990: la nuova costituzione consente il multipartitismo; inizio dei negoziati di pace tra il Frelimo e la Renamo. 1992, 4 ottobre: Chissano e Afonso Dhlakama, leader della Renamo, firmano a Roma (presso la Comunità di S. Egidio) un accordo di pace che mette fine a 16 anni di guerra civile (1 milione di morti; 5 milioni di rifugiati e sfollati); decisa la consegna delle armi alle forze dell’Onu, incaricate di completare il disarmo di entrambe le parti; a causa di disaccordi tra le parti, c’è un intervento diretto dell’Onu, con l’invio di osservatori civili e una forza di pace di 7.500 soldati. 1994, ottobre: alle prime elezioni democratiche, sotto l’egida dell’Onu, Chissano è rieletto, sconfiggendo Dhaklama.

 

1995: il Mozambico diventa membro del Commonwealth. 1999, dicembre: il Frelimo vince le elezioni politiche e Chissano è rieletto presidente; la Renamo denuncia brogli elettorali.

 

2000, febbraio: inondazioni distruggono il sud del paese, costringendo decine di migliaia di persone a lasciare le proprie abitazioni; novembre: oltre 40 persone uccise durante le manifestazioni organizzate dalla Renamo per protestare contro le manipolazioni dei registri elettorali avvenute in occasione delle elezione del 1999; 82 persone arrestate durante le manifestazioni (per lo più esponenti della Renamo) muoiono in prigione (forse per asfissia a causa del sovraffollamento); Carlos Cardoso, redattore del quotidiano Metical, è assassinato (si dubita che il figlio di Chissano sia implicato).

 

2001, marzo: inondazioni nella valle del fiume Zambesi (200 morti; 70mila sfollati). 2002, giugno: il Frelimo sceglie Armando Guebuza come candidato per le presidenziali del 2004; Chissano rinuncia a un terzo mandato; novembre: due accusati nel processo per la morte di Carlos Cardoso rivelano che il figlio del presidente Chissano, Nymphine Chissano, era implicato nell’omicidio; Nymphine nega. 2003, novembre: il Brasile promette di costruire una fabbrica farmaceutica per produrre anti-retrovirali per combattere l’aids.

 

2004, novembre: Guebuza vince le presidenziali, sconfiggendo Afonso Dhlakama, leader della Renamo; è formato il nuovo governo. 2005: febbraio: Guebuza assume la presidenza; ottobre: iniziano i lavori per la costruzione del “Ponte dell’Unità” sul fiume Ruvuma, che collegherà il Mozambico alla Tanzania. 2006, gennaio: il presunto assassinio del giornalista Cardoso, Anibal dos Santos, è condannato a 30 anni di prigione; luglio: la Banca mondiale cancella gran parte del debito del Mozambico, secondo le indicazioni di un piano promosso dal G8.

 

2007, febbraio: il presidente cinese Hu Jintao visita il paese e promette prestiti senza interessi per agricoltura, salute e istruzione; marzo: 100 persone uccise dall’esplosione di un deposito di armi nella capitale; tre giorni di lutto nazionale. 2008, gennaio: oltre 50.000 sfollati per inondazione nella valle del fiume Zambesi; maggio: il governo inizia il rimpatrio volontario di cittadini mozambicani dal Sudafrica, vittime della violenza xenofoba.

 

2009, gennaio: 350.000 mozambicani necessitano di cibo a causa degli scarsi raccolti; ottobre: il governo annuncia un prestito dall’Unione europea e dai governi danese e olandese per la costruzione di una ferrovia che collega le miniere di Moatize al porto di Nacala; Guebuza vince un secondo mandato presidenziale (gli osservatori denunciano la mancata indipendenza della commissione elettorale).

 

2010, febbraio: l’ex ministro Antonio Munguambe è giudicato colpevole di aver rubato 1,7 milioni di dollari e condannato a 20 anni di prigione; settembre: manifestazioni contro l’aumento del prezzo dei generi alimentari; la polizia apre il fuoco uccidendo numerose persone; ottobre: incidente diplomatico con il Malawi, dopo il sequestro della prima imbarcazione malawiana che ha utilizzato il nuovo canale navigabile che collega il Malawi alle coste mozambicane; dicembre: secondo documenti americani pubblicati da WikiLeaks, il Mozambico è diventato uno dei principali centri del narcotraffico mondiale. 2011, ottobre: l’Eni dice di aver scoperto un gigantesco giacimento di gas poco lontano dalle coste della provincia settentrionale di Cabo Delgado.

 

2012 febbraio: il Sudafrica schiera forze militari lungo il confine con il Mozambico per fermare la caccia illegale al rinoceronte; marzo: la polizia fa irruzione in un campo di 300 sostenitori della Renamo, sospettati di essere in attesa di ordine per inscenare proteste antigovernative; aprile: il Portogallo rinuncia alle restanti regalità rivendicate sullo schema idroelettrico di Cabora Bassa, ponendo fine a una lunghissima disputa; giugno: la compagnia mineraria anglo-australiana Rio Tinto effettua la prima spedizione di carbone estratto dalla miniera di Benga, nella provincia occidentale di Tete; luglio: grazie alla cooperazione con il Brasile, è inaugurata la prima fabbrica pubblica africana di farmaci antiretrovirali contro l’Aids.

 

2013, febbraio: un’agenzia per la protezione dell’ambiente rivela che metà del legname pregiato esportato dal Mozambico in Cina proviene da abbattimenti illegali di alberi; giugno: il gigante minerario Rio Tinto sospende le esportazioni di carbone, dietro minacce dei guerriglieri della Renamo di sabotare la linea ferroviaria; ottobre: l’esercito nazionale occupa una base militare della Renamo, di proprietà di Afonso Dhlakama, e sequestra numerose armi; Dhlakama, come reazione, dichiara di misconoscere l’accordo di pace del 1992; novembre: manifestazioni di protesta in Maputo, Beira e Qualimane, contro i troppi sequestri persone e i ripetuti scontri a fuoco tra le truppe governative e militari della Renamo.

 

2014, gennaio: centinaia di persone fuggono dal distretto meridionale di Homoine, a causa degli scontri tra l’esercito e i ribelli della Renamo; aprile: Mozambico e Sudafrica firmano un accordo per la salvaguardia del rinoceronte; maggio: un giudice impegnato nella lotta ai sequestri viene assassinato; settembre: il leader della Renamo, Afonso Dhlakama, riappare in pubblico per firmare un accordo di pace con il presidente Guebuza, ponendo così termine a un biennio di ribellione; Dhlakama dice che concorrerà alle elezioni presidenziali; ottobre: l’esponente del Frelimo, Felipe Nyuzi, vince le elezioni con il 57,07% dei voti (contro il 36,61% di Dhlakama); il Frelimo mantiene la maggioranza in parlamento (anche se con 49 seggi in meno rispetto allo scrutinio del 2009); 5 dicembre: Guebuza è a Reggio Emilia, alla testa di una delegazione; 13 dicembre: Guebuza inaugura un nuovo aeroporto internazionale nella città portuale di Nacala, nel nord del Paese, che si appresta a diventare il principale hub per le esportazioni di carbone del colosso minerario brasiliano Vale.

 

2015, gennaio: Felipe Nyuzi inizia il suo primo mandato presidenziale; la Renamo boicotta l’apertura del parlamento come protesta contro i risultati (giudicati falsi) dell’ottobre scorso, e minaccia di formare un governo parallelo.

 

2016, aprile: il Fondo monetario internazionale, e molti altri paesi donatori, sospendono i loro prestiti e fondi, dopo aver scoperto che il governo ha mancato di rivelare un debito di oltre un miliardo di dollari.

 

2017, gennaio-agosto: i colloqui di pace continuano a singhiozzo (ripetutamente interrotti e ripresi), tra comunicati di attacchi da parte di militanti della Renamo; alla fine, Nyusi e Dhlakama si incontrano e si accordano di completare il processo di pace entro la fine dell’anno; ottobre: sospetti islamisti attaccano alcune stazioni di polizia di Mocimboa de Praia, una cittadina nel nord del paese, uccidendo 2 poliziotti; 14 degli assalitori sono uccisi; la polizia arresta 52 persone, ritenute membri “radicale setta islamica” (la popolazione locale li chiama “Al-Shabaab”; con molta probabilità, il gruppo si ispira all’omonimo movimento terrorista attivo in Somalia); un nuovo scandalo colpisce la compagnia Rio Tinto (già sotto indagine per tangenti pagate in Guinea): il colosso minerario è chiamato a rispondere di frode negli Stati Uniti per aver gonfiato il valore delle proprie risorse e dei propri investimenti in Mozambico, ingannando il mercato.

 

2018, gennaio: un rapporto di Human Rights Watch accusa l’esercito regolare e i militanti della Renamo di «seri crimini» durante il periodo da novembre 2015 al dicembre 2016, quando il paese ha rischiato di ritornare alla guerra civile; 3 febbraio: il Mozambico diventa il primo il primo paese africano a entrare in default dal 2011, per non poter onorare i debiti; 7 febbraio: il presidente Nyusi promette di apportare cambi alla costituzione mirati a decentralizzare il potere, come accordato durante i dialoghi di pace con Dhlakama, capo della Renamo: «Ambedue i partiti dovranno sostenere il processo di riconciliazione nazionale. La pace non potrà venire solo dalla decentralizzazione del potere»; si raziona l’acqua per oltre 1 milioni di abitanti della capitale Maputo, a causa di una severa e prolungata siccità; una gigantesca montagna di rifiuti a pochi km da Maputo crolla e travolge alcune case, uccidendo almeno 17 persone; 3 marzo: l’Australia porta in tribunale la società Rio Tinto, accusandola di frode: maggio: il nord del Mozambico è sempre più sotto attaccoda parte degli estremisti islamici.

 

2019, gennaio: Ossufo Momade è il nuovo leader della Renamo; marzo: il ciclone ‘Idai’ devasta la città di Beira e tutta la provincia di Sofala, causando una emergenza umanitaria (almeno 1.000 le vittime; 1.850.000 persone hanno bisogno di assistenza; quasi il 90% della produzione agricola stagionale è andata persa; 2.700 aule scolastiche sono distrutte o danneggiate e 237.200 bambini hanno possibilità molto più limitate di studiare); fine aprile: il ciclone Kenneth, il più forte mai registrato nella regione, causa distruzioni nella città di Pemba; giugno: ancora morti nell’ennesimo attacco degli estremisti islamici nel nord del Mozambico; una cellula di jihadisti assalta Quionga, un villaggio di pescatori a 10 km dal confine con la Tanzania, causando 11 morti (alcune vittime sono state decapitate); fine agosto: il presidente Nyusi e il nuovo leader della Renamo, Ossufo Momade, siglano un accordo di pace (sancito simbolicamente dall’abbraccio tra i due), in vista delle elezioni di ottobre; l’accordo, che mira a porre fine a un prolungato conflitto a bassa intensità, prevede il disarmo e la smobilitazione di circa 5.200 guerriglieri, in parte reinseriti nei ranghi dell’esercito nazionale e della polizia, nonché l’amnistia per i crimini commessi dal 2014 offerta ai membri del gruppo armato che decidano di consegnare le armi; alcuni gruppi ribelli dissidenti, tuttavia, minacciano attacchi durante le elezioni, se queste si terranno; 4-6 settembre: papa Francesco visita il Mozambico; fine settembre: nuovi attacchi di islamisti nel nord del paese (12 vittime); 15 ottobre: dopo una violenta campagna elettorale (almeno 10 vittime), le elezioni si svolgono in un clima di distensione; Nyusi vince le elezioni presidenziali con il 73% dei voti (contro il 21,9% di Ossufo Momade e il 5,1 di Daviz Simango, del Movimento democratico del Mozambico); il Frelimo ottiene il 58% dei voti, la Renamo il 36% e il Mdm 7%, pari rispettivamente a 144, 89 e 17 seggi in parlamento); la Renamo chiede l’annullamento delle elezioni, accusando il governo di aver violato l’accordo di pace siglato in agosto, usando la violenza e le intimidazioni il giorno del voto.

 

(Aggiornato al 12 novembre 2019)

Nome ufficiale: Repubblica di Mozambico
Superficie: 799.380 km2
Capitale: Maputo (1,2 milioni di abitanti)
Lingue: portoghese (ufficiale, 16,6%), emakhuwa (26,1%), xichangana (8,6%), cinyanja (8,1%), cisena (7,1%), elomwe (7.1%), echuwabo (4,7%), cinday, cishona, xironga, cicopi
Sistema politico: repubblica presidenziale
Indipendenza: 25 giugno 1975 (dal Portogallo)
Capo di stato e di governo: Felipe Jacinto Nyuzi (dal 15 gennaio 2015)
Primo ministro: Carlos Agostinho Do Rosário (dal 17 gennaio 2015)
Religioni: cattolici (28,1%), cristiani non cattolici, chiese sioniste ed evangeliche (27,7%), musulmani (18,2%), seguaci delle religioni tradizionali (26%)


Popolazione

Abitanti: 29.496.800 (stime fine 2018)
Gruppi etnici: africani (99,66%, tra cui makua, tsonga, makonde, sena, ronga, shangaan, lomwe), euro-africani (0,2%), europei (portoghesi) (0,06%), indiani (0,08%)
Crescita demografica annua: 2,46% (stime 2018)
Tasso di fertilità: 5,02 figli per donna (2018)
Popolazione urbana: 36,5 % (2019)
Mortalità infantile (sotto i 5 anni): 71,3/1.000
Speranza di vita: 58,9 anni (stime 2018)
Analfabetismo (sopra i 15 anni): 44%
Prevalenza Hiv: 12,6% (2018)
Accesso a servizi sanitari adeguati: 20,5
Accesso all’acqua potabile: 51,1%

 

Economia

Il 62,9% della popolazione vive sotto la soglia di povertà
Indice di sviluppo umano: 0,437 (180° su 189 paesi)
Prodotto interno lordo: 14,46 miliardi di dollari (42,67 miliardi di dollari a parità di potere d’acquisto nel 2018)
Pil pro capite annuo: 490 dollari (1.446 a parità di potere d’acquisto nel 2018)
Composizione del Pil 2013: agricoltura: 28,7%; industria: 24,9%; servizi: 46,4%
Crescita economica annua:3,3% (stime 2018)
Inflazione: 15,3% (2017)
Disoccupazione: 24,5% (2017) 

Risorse naturali: carbone, titanio, gas naturale, risorse idriche, tantalio, grafite
Prodotti agricoli: cotone, anacardi, canna da zucchero, tè, cassava, mais, noci di cocco, sisal, agrumi e frutta, patate, girasoli; bestiame, pollame
Esportazioni: alluminio, carbone, scampi, anacardi, cotone, zucchero, agrumi, legname, elettricità (per un valore di 4,73 miliardi di dollari nel 2017)
Importazioni: macchinari ed equipaggiamenti, veicoli, prodotti petroliferi e chimici, metalli, cibo, tessili (per 5,22 miliardi di dollari nel 2017)

Mozambico: ucciso il leader dell’ala militare della Renamo

Era il 1 agosto del 2019 quando il presidente della repubblica del Mozambico, Filipe Nyusi, e il presidente del maggior partito di opposizione, la...

Cabo Delgado: le radici della crisi

C’è un discorso ricorrente, che viene fatto sia da politici di peso (primo fra tutti l’attuale presidente della repubblica mozambicana, Filipe Nyusi, insieme all’ex-presidente,...

Pandora Papers, tutti gli africani coinvolti

C’è anche l’Africa in quel vaso di Pandora scoperchiato dai Pandora Papers. Anzi africani. I cui beni finanziari si sono persi nel corso degli...

Mozambico: 19 anni di una pace ambigua

Quando, il 4 ottobre 1992, con tre giorni di ritardo su quanto previsto, il governo mozambicano, guidato allora da Joaquim Chissano, e il maggiore...

Si rafforzano i movimenti di resistenza contro l’agrobusiness

Qualcosa si muove, sotto il conturbato cielo dell’Africa sud-orientale. Se, infatti, fino a pochi anni fa le occupazioni di terra per sfruttare il potenziale...

Gli “stati ombra” che minacciano le democrazie in Africa

Reti di potere private, gruppi economici influenti, network di individui e organizzazioni in grado di orientare i policy maker. E ancora faccendieri, apparati legislativi,...

Mozambico: il prezzo dell’aiuto militare del Rwanda

Un modello. È questo, secondo diversi alti dirigenti incontrati a Maputo e molto vicini al governo del presidente mozambicano Filipe Nyusi, il termine più...

Angola e Mozambico: un rap “politicamente scorretto”

Nomi strani, abbigliamento informale, capigliatura spesso rastafareggiante. E tanta critica sociale e politica. È così che si può caratterizzare il rap dei due principali...

I vertici africani alla Fiera delle armi in Russia

Delegazioni militari ed esperti da tutta l'Africa sono stati in Russia la settimana scorsa per partecipare alla fiera annuale Army 2021, dal 22 al...

Mozambico, le truppe rwandesi presidiano il gas della Total

I fatti sono chiari: dopo circa un anno, la città di Mocimboa da Praia, insieme ad altre località nei dintorni, come Awasse, è stata...

Debito nascosto del Mozambico: al via il processo a Maputo

Vi sono delle evoluzioni in merito a quello che è considerato come il maggiore scandalo finanziario del Mozambico post-indipendenza. Uno scandalo, scoppiato nel 2016,...

Terrorismo in Africa, una minaccia crescente

«Nella prima metà di quest’anno, l’Africa è diventata la regione più colpita dal terrorismo, dove i gruppi estremisti affiliati allo Stato islamico e ad...

L’Africa rischia di “morire di inutilità”

Considerato il più importante filosofo dell’Africa lusofona, mozambicano con passaporto svizzero, Severino Elias Ngoenha ha fatto il suo dottorato in filosofia in Italia, paese...

Mozambico: i figli d’arte (dimenticati) di Malangatana

Oltre alla sua notevole produzione, ormai nota in tutto il mondo, che spazia dalla pittura alla scultura fino alla poesia, Valente Ngwenya Malangatana (1936-2011)...

Mozambico: militari stranieri contro gli insorti a Cabo Delgado

Il 24 marzo scorso, quando i ribelli di ispirazione islamista e di prevalente etnia kimwani e makhuwa sono penetrati nella cittadina di Palma, conquistandola...

Mozambico: truppe rwandesi dispiegate a Cabo Delgado

Dal 9 luglio scorso il Rwanda ha ufficialmente comunicato d’aver iniziato a dispiegare in Mozambico un migliaio di suoi soldati per affiancare l’esercito nella...

In Africa 32 milioni di sfollati interni

Sono 32 milioni gli sfollati interni in Africa. Per motivi diversi sono stati costretti a lasciare le loro case, le loro comunità, la loro...

Detenute costrette a prostituirsi in Mozambico. L’Osservatorio delle donne denuncia direttore...

Questa volta la reazione c’è stata. Non sempre accade in un paese noto per la sua tendenziale passività rispetto agli eventi politici o che...

Riconoscimento a Matias Guente, spina nel fianco del Frelimo

Un altro brutto segnale. È così che deve essere interpretato il Premio internazionale per la libertà di stampa attribuito a Matias Guente, giovane ma...

In Africa la Francia tenta nuovi approcci

Quando fu eletto, il presidente francese Emmanuel Macron non pensava di dover dedicare così tanto tempo all’Africa. Il suo programma era incentrato sull’Europa: un...

Mozambico: poliziotte e detenute oggetto di violenze sessuali sistematiche

Pochi mesi fa sono state scoperte ripetute pratiche di violenza sessuale nel centro di formazione della polizia di Matalane (appena fuori la capitale Maputo),...

Patto Nyusi-Kagame: truppe rwandesi a Cabo Delgado

È il Rwanda il partner militare che il Mozambico sembra ormai aver scelto per debellare la ribellione (di matrice jiadista ma non solo) che...

Mozambico, i deputati si votano il vitalizio

Il parlamento mozambicano si chiama Assembleia da República, ma in molti preferiscono chiamarlo “casa del popolo”. Si tratta, probabilmente, di una reminiscenza di stampo...

Total a Cabo Delgado fra addio, arrivederci e tattiche dilatorie

Quando si osserva il dibattito sul dramma di Cabo Delgado, l’enfasi posta sulle cause prevale quasi sempre. Atteggiamento comprensibile, anche se un po’ riduttivo....

“Sarò sempre con il popolo di Cabo Delgado”

Il 24 marzo scorso la città di Palma, al nord del Mozambico, nella regione di Cabo Delgado, è stata teatro di un irruzione armata...

“Ho avuto un Maestro come alunno”

Nella vita accademica di un paese come il Mozambico succede spesso di imbattersi in personaggi pubblici che un normale professore mai avrebbe sognato non...

Mozambico: la lunga Via Crucis di un popolo

Dal 5 ottobre 2017, giorno del primo attacco a Mocimboa da Praia, le notizie sulle incursioni di presunti terroristi islamici estremisti contro istituzioni dello...

Sace: stato di garanzia

In Italia c’è un’agenzia statale di cui si sa molto poco, che non fa certo della trasparenza il suo tratto distintivo e che maneggia...

Mozambico: gas e terrorismo, troppe mezze verità

Mercoledì 24 marzo, il gruppo terroristico che dall’ottobre 2017 opera nella provincia settentrionale di Cabo Delgado, ha attaccato e preso la città di Palma...

Daviz Simango, un politico vicino alla gente

Daviz Mbepo Simango, sindaco di Beira, fondatore e presidente del Movimento democratico del Mozambico (MdM), è morto il 22 febbraio in Sudafrica dopo aver...