Sud Sudan

Dal 1870, l’Egitto tenta di colonizzare il Sud Sudan. 1885: la rivolta mahdista controlla la regione. 1898: le forze britanniche rioccupano la zona. 1899-1955: il Sud Sudan è parte del protettorato anglo-egiziano del Sudan, ma l’area è abbandonata a sé stessa. 1955: nasce il Movimento di resistenza del Sud Sudan (Ssrm nell’acronimo inglese) che lotta per l’indipendenza delle regioni del sud. 1956, 1° gennaio: indipendenza del Sudan.

 

1962: scoppia la guerra civile, condotta dall’ala armata dell’Ssrm, i cosiddetti Anya Nya (un termine madi per “veleno di scorpione”), guidata a Joseph Lagu. 1969: un gruppo di militari socialisti e comunisti orchestra un colpo di stato a Khartoum, guidato dal col. Gaafar Mohamed Nimeiri, che prende il potere e delinea una politica di parziale autonomia per il sud. 1972: accordo di pace ad Addis Abeba tra il governo di Khartoum e gli Anya-Nya; il sud ottiene l’autonomia promessa (Regione autonoma del Sud Sudan). 1978: scoperta del petrolio nello Stato dell’Unità, nel sud.

 

1983: Nimeiri revoca l’accordo di Addis Abeba e impone la shari?a; inizia la seconda guerra civile; nasce l’Esercito di liberazione del popolo sudanese (Spla), guidato da John Garang; Nimeiri abolisce l’autonomia del Sud Sudan. 1988: il Partito unionista democratico (Dup – parte della coalizione di governo) raggiunge un accordo con l’Spla, che ha generato anche il Movimento di liberazione del popolo sudanese (Splm), ma l’accordo non viene implementato.

1989, 30 giugno: colpo di stato del gen. Omar El-Bashir, spalleggiato dal Fronte nazionale islamico (Fni). 1993: il Consiglio rivoluzionario è sciolto ed El-Bashir è nominato presidente. 2000, dicembre: le elezioni confermano El-Bashir alla presidenza.

 

2001: il partito del leader islamista Hassan Al-Turabi, il Congresso popolare nazionale (Cpn), firma un accordo d’intesa con l’Spla/m, ma il giorno dopo Al-Turabi è arrestato; dopo il fallimento dei colloqui di pace tra Garang ed El-Bashir a Nairobi (Kenya), il governo sudanese accetta l’iniziativa libico-egiziana che mira a porre fine alla guerra civile.

2002: l’Spla/m e il governo di Khartoum si accordano per il cessate-il-fuoco sui Monti Nuba; a Machakos (Kenya), i colloqui di pace portano ai primi accordi tra El-Bashir e Garang. 2004, 7 gennaio: firmato a Naivasha (Kenya) un protocollo che prevede la divisione in parti uguali delle rendite petrolifere del Sudan (in gran parte nel sud) tra il governo di Khartoum e il Movimento/esercito di liberazione del popolo sudanese (Spla/m).

 

2005, 9 gennaio: Accordo globale di pace (Agp) tra Khartoum e l’Spla, a Nairobi (Kenya), in cui, tra le altre cose, si prevedono un cessate-il-fuoco permanente, autonomia per il sud, un governo di coalizione tra Khartoum e Spla/m, e un referendum da tenere nel sud, entro sei anni, per decidere sull’indipendenza o meno di quelle regioni; 9 luglio: Garang è vicepresidente del Sudan; una nuova costituzione concede al sud un ampio grado di autonomia; 30 luglio: Garang muore in un incidente aereo; scontri tra sud-sudanesi e arabi a Khartoum; il gen. Salva Kiir è nominato presidente del Sud Sudan; settembre: nasce un governo di unità nazionale a Khartoum; ottobre: è creato il governo autonomo del Sud Sudan, a Juba, dominato da ex ufficiali dell’Spla.

 

2006, novembre: centinaia di morti in scontri armati attorno alla città di Malakal (nel sud). 2007, ottobre: l’Splm esce dal governo di unità nazionale, per protestare contro il tergiversare di Khartoum nell’implementare l’Accordo globale di pace, ma vi rientra in dicembre.

2008, marzo: scontri tra l’Splm e milizie arabe nella contesa regione di Abyei (ricca di giacimenti di petrolio), sul confine tra i due stati; maggio: continuano gli scontri armati nella regione di Abyei; Dominic Dim Deng, ministro della difesa del Sud Sudan, muore in un indicente aereo; giugno: El-Bashir e Salva Kiir chiedono un arbitrato internazionale per la disputa sul possesso della regione di Abyei; ottobre: una nave ucraina, con 33 carri armati a bordo, forse destinati al governo di Juba, è sequestrata dai pirati somali.

 

2009, giugno: il governo di Khartoum nega di fornire armi alle milizie nel sud contrarie al governo di Juba, ma Kirr minaccia di riprendere la guerra se questi rifornimenti non cessano; l’ex ministro degli esteri, Lam Akol, si separa dall’Splm per formare un nuovo partito, l’Splm-Cambiamento democratico; luglio: la Corte permanente di arbitrato dell’Aia assegna i principali campi petroliferi di Heglig al nord; dicembre: accordo tra il governo di Khartoum e quello di Juba sul referendum per l’indipendenza del sud da tenere nel 2011.

 

2010, gennaio: El-Bashir annuncia che accetterà il risultato del referendum, anche se fosse in favore dell’indipendenza del sud; aprile: El-Bashir vince le elezioni presidenziali del Sudan.

 

2011, 9-15 gennaio: referendum sull’autodeterminazione del Sud Sudan (98,83% dei voti a favore dell’indipendenza); nella regione di Abyei scontri tra i denka e messiriya (8 morti); febbraio: scontri nello Stato di Jonglei tra le forze di sicurezza e milizie ribelli (200 morti); marzo: nuovi scontri ad Abyei (110 morti), nella regione semiautonoma del Nilo Superiore e negli stati dell’Unità e del Nilo Azzurro (70 morti); maggio: l’esercito del Sudan assume il controllo di Abyei e s’inoltra in Sud Sudan, in violazione degli accordi di pace: 100mila denka-ngok in fuga; 5 giugno: scontri armati nel Sud Kordofan; 14 giugno: gli Usa minacciano di interrompere il processo di normalizzazione delle relazioni tra Khartoum e Washington se continueranno le violenze nel Sud Kordofan; scontri negli stati di Warrap, Unità e Laghi; 20 giugno: Khartum e Juba firmano un accordo per smilitarizzare la regione di Abyei: previsto il dispiegamento di caschi blu etiopici.

 

2011, 9 luglio: indipendenza del Sud Sudan; agosto: 600 morti in scontri interetnici nello Stato di Jonglei; settembre: il governo di Juba decreta il futuro spostamento della capitale a Ranciel (Stato dell’Unità); ottobre: storica visita di Salva Kiir a Khartoum e creazione di speciali commissioni per la soluzione delle questioni ancora irrisolte; 75 persone uccise quando l’Esercito di liberazione del Sud Sudan (Ssla), attacca la città di Mayon nello Stato dell’Unità; novembre: Juba accusa Khartoum di aver bombardato un campo profughi a Yida (Stato dell’Unità); l’esercito sudanese nega ogni responsabilità.

 

2012, gennaio: scontri interetnici nello Stato di Jonglei (100mila persone in fuga); il Sud Sudan interrompe la produzione di petrolio (350mila barili al giorno), mettendo in crisi l’economia dei due paesi; febbraio: patto di non aggressione tra Khartoum e Juba; il Sudan blocca le esportazioni petrolifere del Sud Sudan per il mancato accordo sulla tassa d’impiego dell’oleodotto; marzo: 100 morti in scontri interetnici nello Stato di Jonglei; 2 aprile: scontri tra i due eserciti nella zona petrolifera di Heglig; 10 aprile: le forze di Juba occupano la città di Heglig; sospese le trattative in corso ad Addis Abeba; 11 aprile: Khartoum bombarda la città di Bentiu, nello Stato dell’Unità (Sud Sudan); maggio: il Sudan s’impegna a ritirare le sue truppe dalla regione di Abyei, e i colloqui di pace ad Addis Abeba riprendono; 9 luglio: il Sud Sudan celebra il 1° anniversario dell’indipendenza in tono minore; agosto: 200.000 rifugiati cercano scampo in Sud Sudan per sfuggire ai combattimenti tra l’esercito di Khartoum e le forze ribelli nelle zone di confine tra i due stati; settembre: i presidenti El-Bashir e Salva Kirr si accordano su spartizione del petrolio, commercio e sicurezza dopo giorni di colloqui ad Addis Abeba: l’accordo prevede la smilitarizzazione delle zone di confine e la ripresa dell’estrazione e pompaggio del petrolio.

 

2013, marzo: Khartoum e Juba si accordano per la ripresa dell’estrazione ed esportazione del petrolio (rimaste ferme per oltre un anno) e per il ritiro delle rispettive truppe dalle zone di confine per crearvi una zona smilitarizzata; aprile: secondo le autorità, circa 3.000 combattenti dell’Ssla hanno consegnato le loro armi e si sono detti desiderosi di intraprendere colloqui di pace con il governo di Juba; giugno: Salva Kirr sospende il ministro delle finanze, Kosti Manibe, e il ministro per gli affari di governi, Deng Alor, sospettati di corruzione in relazione a una commessa per vari milioni di dollari; la direzione generale della Banca mondiale approva un credito di 21 milioni di dollari per sostenere gli sforzi del Sud Sudan contro la crisi e fornire opportunità di lavoro per persone povere costruendo le basi di un sistema di protezione sociale che favorisca lo sviluppo; 10 luglio: il giorno dopo il secondo anniversario dell’indipendenza, Salva Kiir rimuove il governatore dello Stato dell’Unità, Taban Deng Gai, accusato di aver violato la costituzione provvisoria, sostituendolo con Joseph Nguen; 23 luglio: il presidente Salva Kiir, con una mossa a sorpresa, rimuove il vicepresidente, Riek Machar Teny, scioglie l’intero governo e licenzia tutti i ministri; 1° agosto: Kiir forma un nuovo governo, più ristretto del precedente, escludendo Riek Machar; 23 agosto: Kiir nomina vicepresidente James Wani Igga, ex comandante ribelle dell’Spla/m e presidente del parlamento dal 2005.

2013, 15 dicembre: Salva Kiir accusa l’ex vicepresidente Riek Machar di aver pianificato un colpo di stato per far cadere il suo governo; scoppia la guerra civile in Sud Sudan; fazioni ribelli prendono il controllo di numerose città, capoluogo di regioni; migliaia i morti e decine di migliaia gli sfollati; l’Uganda interviene militarmente al fianco del governo Juba.

 

2014, gennaio: viene firmato un accordo di cessate-il-fuoco, che però viene più volte violato nelle settimana seccessive; febbraio: nuovo colloqui per porre fine alle violenze falliscono; gli sfollati sono oltre 1 milione; aprile: le Nazioni Unite accusano le forze pro-Machar di aver saccheggiato la città di Bentiu, causando centinaia di morti tra i civili; agosto: i colloqui di pace ad Addis Abeba si trascinano per mesi, senza un nulla di fatto, mentre i combattimenti continuano. Il nuovo conflitto, che si protrae per 20 mesi, vede contrapposte le due principali etnie del paese: da un lato i denka, il gruppo dominante, fedeli a Kiir; dall’altro i nuer, al fianco di Machar; il risultato è drammatico: rappresaglie casa per casa, villaggi rasi al suolo, 50mila vittime, massacrate in violentissimi scontri armati e in altre azioni giudicate dall’Onu “crimini contro l’umanità”; 4 milioni di sud sudanesi sono costretti a fuggire dai propri villaggi.

 

2015, agosto: sotto la pressione della comunità internazionale, le parti in lotta sono spinte a firmare un accordo di pace; il patto prevede: la fine immediata dei combattimenti e la deposizione delle armi da parte di soldati e guerriglieri entro 30 giorni; la liberazione di tutti i prigionieri e dei bambini-soldato; la demilitarizzazione della capitale Juba, la formazione di una sorta di “guardia nazionale” che dovrebbe assorbire le forze di polizia; l’insediamento entro 90 giorni di un governo transitorio di unità nazionale chiamato a guidare il paese per trenta mesi fino a nuove elezioni; infine, l’istituzione di una commissione d’inchiesta per vigilare sul processo di riconciliazione e indagare su migliaia di casi di violazione dei diritti umani; il patto rimane, per lo più, lettera morta.

 

2016, febbraio: Salva Kiir decise di reintegrare Machar nel suo governo, riassegnandoli il ruolo di vicepresidente; aprile: Machar, che si trovava ad Addis Abeba, torna a Juba e giura come vicepresidente del nuovo governo di coalizione; i combattimenti continuano; luglio: Kiir licenzia Machar, che se ne va in esilio; novembre: le Nazioni Unite sospende dalla carica il generale kenyano Johnson Mogoa Kimani Ondieki, capo delle forze di pace, accusandolo di non aver protetto i civili durante gli scontri di luglio nella città di Juba il Kenya ritira le sue truppe dalla missione di pace Onu; militari giapponesi arrivano in Sud Sudan (il governo di Tokio ha autorizzato i suoi soldati a intervenire in operazioni militari attive all’estero; sono principalmente impiegati nella costruzione delle infrastrutture, ma dal 20 novembre potranno rispondere alle emergenze segnalate dall’Onu e dalle organizzazioni non governative; non saranno invece autorizzati ad accorrere in soccorso di altre truppe straniere); dicembre: una commissione dell’Onu per i diritti imani denuncia la presenza di azioni di “pulizia etnica” in numerose zone del Sud Sudan; il presidente Salva Kiir rigetta l’accusa come infondata; gli scontri tra le due fazioni riprendono feroci, portando il giovane stato al collasso economico. Human Right Watch dichiara: «La popolazione sud-sudanese è finita intrappolata in una crisi umanitaria, seconda solo a quella siriana».

 

2017, febbraio: l’emergenza fame è dichiarata in varie zone del Sud Sudan: una fame descritta dall’Onu come “catastrofe causata dall’uomo, perché frutto della guerra civile e del collasso dell’economia”; marzo: Il premier giapponese Shinzo Abe pone fine alla missione di pace in Sud Sudan termina; il Giappone continuerà comunque a fornire supporto umanitario alla popolazione e manterrà alcuni uomini nell’ufficio per le missioni di pace dell’Onu; maggio: il presidente Salva Kiir dichiara un “cessate-il-fuoco” unilaterale e vara un “dialogo nazionale”; agosto: il numero dei rifugiati sud-sudanesi nella sola Uganda supera il milione; altrettanti hanno trovato rifugio in Sudan, Etiopia, Kenya, Repubblica Centrafricana e Rd Congo; fine dicembre: il responsabile di Christian Aid per il Sud Sudan, Jolly Kemigabo, dichiara: «L’anniversario del 15 dicembre, giorno dell’inizio della guerra civile, è un ricordo amaro e straziante del costo del conflitto su donne, bambini e uomini. Per quattro anni, le persone hanno visto sottrarsi: i loro parenti, i loro redditi, le loro case, le loro speranze… La portata e la gravità di questa crisi vanno oltre l’immaginazione”; lancia un l’allarme: «La crisi della carestia in Sud Sudan crescerà nel 2018»; fa un appello: «Serve un’azione urgente per arginare gli allarmanti livelli di fame e malnutrizione nel paese; 4,8 milioni hanno estremo bisogno di aiuti alimentari; oltre 1,8 milioni sono a un passo dalla carestia»; e dà una spiegazione: «La violenza in atto e l’insicurezza civile hanno paralizzato l’economia del paese e creato una catastrofica carenza di cibo».

 

2018, gennaio: l’ambasciatrice americana all’Onu, Nikki Haley, dichiara che gli Usa abbandonano il presidente sud-sudanese Salva Kiir in quanto «alleato incompetente nel perseguimento della pace»; aggiunge: «Ogni tentativo di alleviare le sofferenze del popolo sud-sudanese non sortiscono risultati. Il peggio è che stiamo fallendo, non nonostante la leadership politica sud-sudanese, ma proprio a causa di essa»; febbraio: un rapporto Onu identifica oltre 40 soldati dell’esercito sud sudanese sospettati di essere colpevoli di crimini di guerra e di crimini contro l’umanità: “i diffusi e sistematici attacchi contro i civili nella regione sono responsabilità dei singoli individui al comando”. Tra i criminali rientrerebbero otto tenenti generali e tre governatori di Stato; 4 febbraio: Papa Francesco invita il mondo intero a pregare e digiunare per il Sud Sudan: “Dinanzi al tragico protrarsi di situazioni di conflitto in diverse parti del mondo, invito tutti i fedeli a una speciale Giornata di preghiera e digiuno per la pace il 23 febbraio prossimo. La offriremo in particolare per le popolazioni della Repubblica Democratica del Congo e del Sud Sudan. Come in altre occasioni simili, invito anche i fratelli e le sorelle non cattolici e non cristiani ad associarsi a questa iniziativa nelle modalità che riterranno più opportune»; 21 febbraio: nella classifica dei paesi sulla base del livello di corruzione percepita nel settore pubblico, pubblicata annualmente da Transparency International, il Sud Sudan figura al 179° posto (su 180 paesi); peggiore è solo la Somalia.

 

Aggiornato al 27 febbraio 2018

Nome ufficiale: Repubblica del Sud Sudan
Capitale: Juba (proposta la costruzione di una nuova capitale a Ramciel, nello Stato dei Laghi)
Superficie: 644.329 km2
Lingue: inglese (ufficiale), arabo (ufficiale), denka, nuer, zande, bari, shilluk
Sistema politico: repubblica presidenziale
Capo dello stato e del governo: Salva Kiir Mayardit (dal 9 luglio 2011); vice presidente: Taban Deng Gai dal 26 luglio 2016
Indipendenza: 9 luglio 2011 (dal Sudan)
Religioni: cristianesimo, religioni tradizionali africane, islam


POPOLAZIONE

Abitanti: 13.026.000 (stime luglio 2017)

Gruppi etnici: denka (35,8%), nuer (15.6%), bari (3%), azande (3%), shilluk-anwak (3%), lotuko, kuku, mundari, kakwa, pojulu, moru, acholi, madi, lulubo, lokoya, toposa, lango, didinga, murle, nakaraka jur, kaliko, bviri e altri
Crescita demografi ca annua: 3,83% (stime 2017)
Tasso di fertilità: 5,07 per donna (2017)
Popolazione urbana: 19,3% (2017)
Speranza di vita: 56 anni
Mortalità infantile (sotto i 5 anni): 92,6 ogni mille nascite
Analfabetismo (sopra i 15 anni): 69%; solo il 5% dei bambini hanno completato le scuole elementari.
Prevalenza Hiv: 2,7% (stime 2016)
Accesso all ‘acqua potabile: 58,7%
Accesso a servizi sanitari adeguati
: 6,7%

 


ECONOMIA

70% della popolazione vive sotto la soglia di povertà. Il paese dipende ancora dagli aiuti esterni. Il 98% del budget annuale deriva dalle rendite petrolifere. Dal 2005, il paese riceve oltre 4 miliardi di dollari come aiuto estero. Elevate le spese per il mantenimento dell ‘esercito. Industria e infrastrutture ancora in attesa di sviluppo. Quasi inesistenti le strade asfaltate (200 km). L ‘elettricità è prodotta da generatori. Prodotti di consumo e servizi ancora importati dal nord o dai paesi confinanti (Kenya, Uganda)

Indice di sviluppo umano: 0,418 (181° su 185 paesi nel 2015)
Prodotto interno lordo: 2,9 miliardi di dollari (19,75 miliardi a parità di potere d ‘acquisto nel 2017)
Pil pro capite annuo: 222 dollari (1.500 dollari a parità di potere d ‘acquisto nel 2017)
Crescita economica annua: - 6,3% (stime 2017)
Inflazione: 5-600% (variabile)
Risorse agricole: sorgo, masi, riso, miglio, grano, caucciù, canna da zucchero, manghi, papaie, banane, patate dolci, girasoli, cotone, sesamo, cassava, verdure, arachidi; ovini e bovini
Risorse naturali: risorse idriche; terre fertili; petrolio, oro, diamanti, calcari, materiali ferrosi, depositi di rame, cromo, zinco, tungsteno, mica, argento; legname
Debito estero: 38,7% del Pil (2016-2017)

Una lotta condivisa. La gente e le culture del Sud Sudan

A Shared Struggle è un libro sul Sud Sudan mai diffuso, nonostante sia di grande interesse per i contributi scritti e per il corredo...

Sud Sudan: due terzi della popolazione rischia la fame

Da diverse settimane ormai le organizzazioni dell’Onu e della società civile locale e internazionale lanciano allarmi sulla situazione umanitaria del Sud Sudan, sottolineando l’impatto...

Sudan: Lundin Energy accusata di complicità in crimini di guerra

Il presidente e principale azionista della compagnia petrolifera Lundin Energy, Ian H. Lundin, è stato incriminato in Svezia per favoreggiamento in crimini di guerra...

Sud Sudan: decine di milioni di dollari sottratti allo Stato

I leader politici, militari e uomini d'affari in Sud Sudan hanno dirottato illecitamente decine di milioni di dollari dalle casse dello Stato. La denuncia...

Sud Sudan, duro attacco dei vescovi al presidente Salva Kiir

Una lettera pastorale dei vescovi cattolici sud sudanesi, resa pubblica il 15 settembre, ha riportato l’attenzione sulla diffusa violenza che devasta il paese. Nel...

Sud Sudan: Manifestazione contro il governo. Impedita con minacce e violenze

Lunedì 30 agosto, avrebbe dovuto essere un giorno “storico” per il Sud Sudan, il National awakening day (Giornata nazionale del risveglio), in cui avrebbe...

Sud Sudan: premio per la pace al Catholic Radio Network

Pax Christi International (Pci) ha assegnato il suo premio per la pace di quest’anno (2021 Pax Christi International Peace Award) alla rete radiofonica cattolica...

Sud Sudan: insicurezza crescente in Equatoria centrale

Dal Sud Sudan arriva l’ennesima tragica notizia. Suor Mary Abbud e suor Regina Roba, della congregazione delle sorelle del Sacro Cuore, sono rimaste uccise...

Sud Sudan, destituito Riek Machar

Riek Machar non è più il leader del Movimento di liberazione del popolo sudanese (Splm/a-io – “a” sta per esercito e “io” sta per...

Sud Sudan: un passo in avanti, forse

L’orizzonte è quello delle elezioni del 2023. Ma la via della transizione è ancora lunga e piena di insidie. Per cui anche la nascita...

Sud Sudan: una donna presidente del parlamento

Nei giorni scorsi il presidente sudsudanese Salva Kiir ha nominato Jemma Nunu Kumba presidente dell’Assemblea legislativa nazionale transitoria (Transitional National Legislative Assembly) paragonabile alla...

Cresce il mercato illecito dell’oro

Oro sporco. Quello scavato, venduto, distribuito in modo illecito. Contrabbandato, insomma. Un mercato fiorente, in crescita, e che neanche la pandemia ha fermato. Lo...

Dieci anni di Sud Sudan: che cosa aspettarsi?

Il Sud Sudan è nato grazie a prolungate e feroci guerre di liberazione, una la lotta durata più di 200 anni (l’autore comprende anche...

Sud Sudan: “niente da celebrare”

Il 9 luglio segna il decimo anniversario dell’indipendenza del Sud Sudan. Degli 11 milioni e 685 mila sud sudanesi, circa 4 milioni e mezzo...

In Africa 32 milioni di sfollati interni

Sono 32 milioni gli sfollati interni in Africa. Per motivi diversi sono stati costretti a lasciare le loro case, le loro comunità, la loro...

2020: anno terribile per i minori nei conflitti armati

26.425 gravi violazioni tra cui attacchi a scuole, ospedali e il negato accesso all’assistenza umanitaria. Nel 2020 i bambini e le bambine nelle aree...

Sud Sudan: nel nome di Abraham e Moses

Difficile, o forse possibile solo per occhi davvero contemplativi, scorgere nel Sud Sudan di oggi il seme che germoglia e cresce di cui parla...

Serve un Concilio Vaticano III

Monsignor Christian Carlassare, 43 anni, missionario comboniano originario di Piovene Rocchette (VI) è in Sud Sudan dal 2005. Ha lavorato per undici anni nella...

Sud Sudan: la legge del clan

Il “nostro” mondo - quello della famiglia comboniana e delle case missionarie in genere, del volontariato, delle associazioni e delle numerose persone che hanno...

Sud Sudan: il volto feroce della Chiesa

Dodici persone sono state arrestate ieri mattina a Rumbek, in Sud Sudan, accusate di essere coinvolte nell’agguato al vescovo Christian Carlassare. Lo ha riferito...

“Vi perdono dal profondo del cuore”

Questa mattina in un'intervista alla radio sudsudanese Eye Radio News, padre Christian Carlassare (nella foto mentre scende dall'aereo che l'ha portato da Rumbek alla...

Un’intimidazione e un avvertimento

Mentre trascorrono le ore si chiarifica la dinamica dell’agguato a padre Christian Carlassare, vescovo di Rumbek. Raggiunta al telefono da Nigrizia, Rebecca Tosi, volontaria...

Sud Sudan: agguato al vescovo Carlassare

La notte tra il 25 e il 26 aprile, trenta minuti dopo la mezzanotte, due persone armate e ancora sconosciute, hanno fatto irruzione nella...

Una vita per il Sud Sudan

Ho conosciuto Monsignor Paulino Lukudu Loro nel 1975 quando era amministratore apostolico della diocesi di El Obeid. Questa era la mia prima missione in...

Sud Sudan: la razzia del teak

Ѐ ormai risaputo che il legno pregiato delle piantagioni e delle foreste sud sudanesi è razziato illegalmente in grandi quantità e costituisce una delle...

Sognando insieme

Papa Francesco l’ha scelto perché ama il popolo, consuma le suole dei suoi sandali per incontrare persone, famiglie e comunità e ha l’odore delle...

Dall’oro insanguinato all’oro “responsabile”

Il traffico d’oro dai paesi dell’Africa Centrale e Orientale è al centro anche dell’ultimo rapporto di The Sentry (La Sentinella), il gruppo investigativo dell’organizzazione...

Sud Sudan: le condizioni per un futuro sostenibile

Quali sono le condizioni per la sopravvivenza del Sud Sudan? Se lo chiede il rapporto Toward a viable future for South Sudan (Verso un...

Il virus più atroce

Mentre informazione e interessi del mondo si muovono su vaccini e dintorni Zimbabwe, Sud Sudan e Somalia sono i paesi africani inseriti tra le...

Il Corno a pezzi

Nel Corno d’Africa e dintorni il 2020 si chiude tra tensioni crescenti destinate a protrarsi nel 2021 e probabilmente molto oltre. Fronte Etiopia Nelle ultime settimane...