Hiv / Africa

Il 45% dei bambini venuti al mondo con il virus dell’Hiv nasce in Africa occidentale e centrale.  È quanto emerge da un rapporto di Medici senza frontiere (Msf), pubblicato ieri.

Gli obiettivi globali per sconfiggere il virus entro il 2020 non saranno raggiunti se non verranno incrementati gli sforzi in tal senso in Africa occidentale e centrale, si legge nello studio dell’organizzazione non governativa, che fa appello ai diversi attori internazionali affinché sviluppino un piano volto a implementare trattamenti antiretrovirali nei paesi in cui questi coprono colo un terzo delle forniture necessarie.

“L’attenzione delle agenzie internazionali sui paesi del Sub-Sahara rischia di sottovalutare l’importanza di finire i trattamenti nei paesi in cui c’è carenza di antiretrovirali.

L’emergenza in Africa centrale e occidentale resta enorme, con almeno tre persone su quattro che hanno bisogno di avere accesso alle cure”, ha detto Eric Goemaere, referente Hiv per Msf.

“Trascurare la regione è un errore strategico, in quanto minaccia l’obiettivo di debellare il virus a livello globale”, ha aggiunto. (Agenzia Nova)