Africa / Clima

Circa undici milioni di bambini sono a rischio fame, malattie e carenza d’acqua nell’Africa orientale e meridionale a causa del rafforzamento di El Nino. Lo ha denunciato l’Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia.

Il fenomeno climatico ha provocato la peggior siccità in oltre trent’anni in Etiopia, ha sottolineato l’agenzia Onu. I suoi effetti potrebbero essere inoltre “particolarmente duri” in Somalia, dove si temono alluvioni.

El Nino è provocato dal riscaldamento dell’Oceano Pacifico. “Il fenomeno meteo, tra i più forti mai registrati, è destinato a provocare altre alluvioni e siccità, alimentare i tifoni e i cicloni nel Pacifico e influenzare più aree se continuerà a rafforzarsi, come previsto nei prossimi mesi”, ha affermato in una nota l’Unicef.

Ha aggiunto che 8,2 milioni di persone in Etiopia fronteggiano insicurezza alimentare, mentre circa 350mila bambini hanno bisogno di cure per gravissima malnutrizione.(Askanews)

Attualmente anche Zimbabwe, Malawi e Sudafrica stanno affrontando gravi siccità ed è sempre più probabile il rischio di crisi alimentari.

Nigrizia ha parlato in ottobre di questo fenomeno climatico in un pezzo dal titolo “Allarme El Nino”