Burkina Faso

Alta affluenza al voto ieri in Burkina Faso per le prime elezioni legislative e presidenziali dopo la caduta di Blaise Compaoré.

Circa cinque milioni e mezzo di votanti burkinabé erano chiamati a eleggere il capo dello stato e 127 deputati, dopo un periodo di transizione durato più di un anno attraversato da molte tensioni e polemiche che nel mese di settembre ha portato anche a un colpo di stato fallito da Reggimento della Guardia presidenziuale vicino al’ex-presidente Compaoré.

I seggi sono stati chiusi alle ore 18. Durante la notte è iniziato il conteggio delle schede da parte della Commissione elettorale indipendente burkinabé (Ceni).

Dopo la giornata di voto, organizzatori, osservatori, candidati e gli stessi elettori si sono detti molto soddisfatti di come è stato condotto il voto. In molti hanno parlato di “una festa della democrazia”. Pur non essendoci ancora dati certi, molti osservatori parlano di un afflunza molto elevata. Una fonte nella direzione della Ceni ha parlato di un tasso che sarebbe “superiore al 70% “.

Un giudizio positivo della giornata di voto è stato dato sia dalla Commissione elettorale che dal presidente Michel Kafando, non candidato, che ha parlato di “vittoria della transizione e del popolo burkinabé”.

Ora si aspetta il risultato elettorale. I vertici della Ceni hanno annunciato che sarà possibile pubblicare i primi risultati provvisori già stasera 24 ore dopo la chiusura dei seggi. Sono quattordici i candidati per la presidenza, tra i quali non figurano esponenti del vecchio partito di Compaoré. Tra i favoriti per la massima carica istituzionale l’ex presidente del parlamento Roch Marc Christian Kaboré e l’ex ministro dell’Economia Zéphirin Diabré. (Jeune Afrique / Afp)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati