Burkina Faso

Quattro laici cattolici sono stati uccisi la sera del 27 giugno a Bani, a circa 12 km da Bourzanga, nella provincia di settentrionale di Bam, nell’assalto compiuto da un gruppo jihadista nel villaggio. Dopo aver costretto gli abitanti a ritirarsi nelle loro abitazioni, i terroristi sono passati casa per casa ad identificare le persone secondo la loro appartenenza religiosa.

Il giorno dopo si sono recati a Pougrenoma, un altro villaggio della parrocchia di Bourzanga, per minacciare gli abitanti. “Secondo le testimonianze raccolte, non hanno fatto vittime ma hanno lasciato un messaggio nel quale affermano che le Forze di difesa e sicurezza (Fds) e i rappresentanti del governo devono abbandonare la zona, e minacciano i cristiani locali di convertirsi altrimenti rischiano di essere giustiziati alla loro prossima visita”, afferma un comunicato firmato da don Victor Ouedraogo, direttore del centro per le comunicazioni sociali della diocesi di Bourzanga.

Sono almeno 28 i cattolici uccisi dai terroristi negli ultimi due mesi nel settore settentrionale del paese, dove dallo scorso anno è in vigore lo stato d’emergenza. Di fronte ad assalti sempre più ricorrenti e alle minacce pressanti, molti cristiani hanno iniziato a lasciare i loro villaggi per raggiungere le parrocchie centrali. (Fides)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati