Burkina Faso

È cominciato a Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso, il processo per l’omicidio di Thomas Sankara, l’ex presidente e rivoluzionario burkinabé ucciso nel 1987 durante il colpo di stato che ha portato al governo l’ex presidente Blaise Compaoré. La vedova Mariam Sankara è rientrata nel paese per la seconda volta dopo 28 anni per testimoniare come parte civile.

Il via libera alla riapertura dell’inchiesta, ostacolata durante il regime di Compaoré, sospettato di aver avuto un ruolo nell’accaduto, è arrivato il 5 marzo scorso.

Mariam Sankara ha partecipato anche alla conferenza dei partiti sankaristi, che hanno scelto il loro candidato unico per le presidenziali del prossimo ottobre. Sarà l’avvocato Benewendé Sankara. (Internazionale.it)