Camerun / Incidente

Almeno 9 persone sono state uccise a Fotokol, in Camerun, dall’esplosione di una bomba a mano fatta saltare in aria per sbaglio da un bambino.

L’incidente è avvenuto in una regione che si trova al confine con la Nigeria, e il bilancio dei feriti ammonta a più di 30 persone. Secondo il governatore della regione settentrionale del Camerun «Un ragazzino ha preso in mano un ordigno esplosivo pensando che fosse un pezzo di metallo e l’ha innescato, uccidendo sé stesso e altre 8 persone».

Gli agenti di polizia avevano più volte avvertito della presenza in quell’area di mine o di armi abbandonate. Una zona battuta dai Boko Haram, un gruppo fondamentalista nigeriano che, da quando ha avviato le proprie offensive, nel 2009, ha ucciso più di 35.000 persone e ha costretto circa 2,6 milioni di cittadini ad abbandonare le proprie case.