Iniziativa dei Cittadini Europei
Di fronte ai fallimenti e alle enormi difficoltà dei governi nazionali nella gestione dei flussi migratori, i cittadini europei credono in un'Europa che accoglie e chiedono alla Commissione europea di agire. Nigrizia aderisce e sostiene l'iniziativa.

L’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) è uno strumento di democrazia partecipativa all’interno dell’UE con cui si invita la Commissione europea a presentare un atto legislativo in materie di competenza dell’UE.
La Campagna #WelcomingEurope si propone di raccogliere 1 milione di firme, in almeno 12 paesi membri, in 7 mesi. Le sottoscrizioni dovranno essere raccolte entro febbraio 2019, su carta oppure online.

Tre gli obiettivi:

1) Salvare vite non è reato
    Vogliamo decriminalizzare la solidarietà

In ben 12 paesi dell’Unione Europea distribuire alimenti e bevande, dare un passaggio, comprare un biglietto o ospitare un migrante sono comportamenti per cui è possibile ricevere una multa o addirittura essere arrestati dalle autorità. Punire questi comportamenti significa punire l’aiuto umanitario e riconoscere il reato di solidarietà.

2) Liberi di accogliere i rifugiati
    Vogliamo creare passaggi sicuri

I migranti sfruttati spesso non sporgono denuncia perché corrono il rischio di essere arrestati, detenuti e rimpatriati a causa della loro condizione irregolare e perché incontrano difficoltà nel fornire delle prove e ricevere effettivamente un risarcimento e spesso non hanno accesso all’assistenza legale.

3) I diritti umani sono inviolabili
    Vogliamo proteggere

Molti migranti sono vittime di sfruttamento lavorativo, abusi o violazioni dei diritti umani, in particolare alle frontiere, ma trovano grandi difficoltà nell’accesso alla giustizia. Eppure tutte le persone, indipendentemente dalla loro condizione, devono essere tutelate.

Chi siamo:
Radicali italiani,
FCEI,
A Buon Diritto,
Acli,
ActionAid,
Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo (ASCS),
AOI,
Arci,
ASGI,
Baobab Experience,
Casa della Carità,
Cild,
Cnca,
Comitato Verità e Giustizia per i Nuovi Desaparecidos,
Legambiente,
Oxfam

Con l’adesione di:
Centro Astalli,
Consiglio Italiano per i rifugiati (CIR),
Medici Senza Frontiere Italia,
Diaconia Valdese,
Caritas Italiana,
Migrantes,
Libera,
Amnesty International Italia,
Amref Health Africa,
Gruppo Abele,
Concord Italia,
Open Arms,
SeaWatch,
Terre des Hommes Italia,
ADL a Zavidovici,
Magistratura democratica,
Un ponte per…,
Carta di Milano,
Rainbow for Africa,
Ero straniero Venezia,
CINI (Coordinamento Italiano NGO Internazionali),
ISCOS (Istituto Sindacale per la Cooperazione allo Sviluppo),
CSA Ex-Canapificio – Caserta,
Cittadinanzattiva,
Forum nazionale Per cambiare l’ordine delle cose,
No muri No recinti,
Refugee Welcome,
Progetto diritti onlus,
Asinitas,
Verdi Bolzano,
Potere al Popolo,
Rifondazione comunista,
Giovani Democratici di Nola,
Nigrizia.

Firma anche tu la petizione sul sito welcomingeurope.it

Seguila anche su Facebook o Twitter