Capo Verde

Il governo di Capo Verde riferisce che un soldato scomparso è sospettato di aver ucciso ieri 11 persone nei pressi di una caserma militare.

Sempre il governo fa sapere attraverso una dichiarazione pubblicata sul proprio sito web che “è scomparso un soldato che faceva parte di un distaccamento, e ci sono prove evidenti che sia coinvolto nelle uccisioni”.

La polizia, nel pomeriggio di martedì, ha rinvenuto a Praia, la capitale, 11 corpi uccisi a colpi di arma da fuoco. Tra le vittime, tutti maschi di età compresa tra i 20 e i 51 anni, otto soldati e tre civili (un capoverdiano e due tecnici spagnoli).

Mentre il governo invita le persone delle zone vicine alla calma, in un veicolo vicino alla scena del crimine sono stati recuperati nove fucili e delle munizioni.

Contrariamente alle prime versioni diffuse dai media, il governo rassicura che l’aeroporto non ha smesso di funzionare, e che non ci sono state sparatorie a Praia, inoltre non ci sono prove che collegano le uccisioni al traffico di droga.

Intanto, l’agenzia di stampa spagnola Efe ha riferito che il ministro degli esteri spagnolo ha confermato la morte dei 2 connazionali che lavoravano a Capo Verde. (Africanews)