Armi, Conflitti e Terrorismo

Fa discutere la proposta, depositata in parlamento

Nigeria, cambiare nome non basta

Persino sui media mainstream italiani che di solito non hanno come priorità il continente africano, la Nigeria sta avendo in questi giorni un’attenzione particolare. E di motivi ce ne sono. Cominciamo con il più...
Lotta all’insicurezza nelle regioni dell’Est

Rd Congo: infruttuoso stato d’assedio

Per mettere fine ai massacri continui all’Est del Paese, il governo aveva intrapreso, un mese fa, la strada della militarizzazione. Il 6 maggio scorso nelle regioni dell’Ituri e del Nord Kivu, il presidente Felix...
Mozambico / La crisi nel nord del paese

Patto Nyusi-Kagame: truppe rwandesi a Cabo Delgado

È il Rwanda il partner militare che il Mozambico sembra ormai aver scelto per debellare la ribellione (di matrice jiadista ma non solo) che dal 5 ottobre 2017 sta distruggendo vite e strutture a...
video
Intervista all'Alto Commissario dell'Onu per i Rifugiati

“Serve un’altra visione”

Nigrizia, ha incontrato l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, il dottor Filippo Grandi, per parlare del rebus migranti nelle Afriche. Iniziando dalla Libia, sotto i riflettori europei con le visite, in questi...
Aumenta il sostegno militare di Putin

Repubblica Centrafricana: Russia sempre più padrona

Dall’inizio della sua cooperazione militare con il Governo centrafricano, tre anni or sono, la presenza russa è sempre più visibile: addestramento  militare, affiancamento delle forze armate centrafricane (Faca) nel loro dispiegamento sui diversi fronti...
Cresce la tensione nell’area contesa lungo il confine

Etiopia e Sudan: venti di guerra su al-Fashaga

Nel già tormentato Corno d’Africa un’altra crisi potrebbe presto trasformarsi in conflitto aperto. Cresce infatti velocemente la tensione tra Sudan ed Etiopia per la zona contesa di al-Fashaga dove già nei mesi scorsi si...
Centrafrica / VI Giornata di commemorazione delle vittime del conflitto

Sei anni aspettando giustizia

Nella Repubblica Centrafricana gli scontri tra i gruppi armati si sono moltiplicati a partire dal 2013, in un conflitto incessante per accaparrarsi e controllare i ricchi giacimenti minerari. Il 2013 è stato l’anno più...
audio
L’Italia rafforza la sua presenza militare

Niger: bastione italiano nel Sahel

Nello scacchiere Sahel, tenuto sotto torchio da continui attacchi jihadisti, persecuzioni politiche dei regimi, violazioni di diritti umani, mancanza di prospettive per i giovani, commercio di armi e droga, tratta dei migranti e cambiamenti...
Conflitto Israele - Palestina

Egitto, un mediatore poco credibile

Questa volta non sarà l’Egitto a fermare i raid israeliani su Gaza. Nonostante gli sforzi diplomatici annunciati con l’invio di una delegazione egiziana a Gerusalemme il 13 maggio, Israele ha rifiutato qualsiasi mediazione per...
Un caso scuola su come funziona il “Sistema Italia”

Italia-Zambia e il business “assicurato” delle armi

Ci sono espressioni verbali, spesso misteriose, che talvolta si colorano di risultati grotteschi. Una di queste è “Sistema Italia”. Ma che vorrà mai dire? La cronaca ci offre un caso scuola eloquente. Riguarda lo...

Il governo italiano revochi le licenze per forniture di armi a Israele

La repressione, i lanci di missili, le rappresaglie ed i raid arei che si stanno susseguendo tra Israele e territori palestinesi, con le conseguenti perdite di vite umane soprattutto tra la popolazione civile, mostrano...
Non c’è solo la crisi nel Tigray

Etiopia. Scontri tra oromo e amhara: conflitto interetnico o violenza opportunistica?

Nel mese di aprile sono proseguiti gli scontri nello stato regionale dell’Amhara e, in particolare, nella Zona Speciale di Oromia, un’unità amministrativa a statuto speciale, localizzata al confine con gli stati regionali di Oromia...
audio
Stato d’assedio e fronte comune per la sicurezza

Rd Congo: l’ora dell’Est

Nelle martoriate terre dell’Est il nuovo governo della “Union Sacrée”, messo in piedi dal presidente Felix Tshisekedi, smarcatosi ormai dal controllo dell’ex uomo forte del paese, Joseph Kabila, prova, almeno sulla carta, a fare...
Il messaggio in un video sui social

Etiopia: il patriarca copto denuncia un genocidio nel Tigray

Venerdì scorso, 7 maggio, mentre il parlamento etiopico decideva di bollare come movimenti terroristici il Tplf (Fronte popolare per la liberazione del Tigray, il partito che di fatto ha governato l’Etiopia dal 1991 al...
Mali e Burkina tentano la strada del dialogo

Sahel: con i jihadisti trattative in corso

Il rapimento del giornalista francese Olivier Dubois avvenuto a Gao, città del nord del Mali, rilancia tutte le questioni legate alla possibilità di negoziato tra governi saheliani e ribelli jihadisti. Da mesi sia in...
Chiesa, armi e banche / Parla il presidente di Pax Christi

Mons. Ricchiuti: “La Cei cambi banca, Unicredit è armata”

A un certo punto della chiacchierata, imbocca una direzione inattesa. E racconta. «Il 4 agosto del 2020 con Renato (Sacco, coordinatore nazionale di Pax Christi, ndr) siamo stati ospiti, a Roma, del ministro della...
Etiopia / Parla il coordinatore regionale del Jesuit Refugees Service

“In Tigray situazione grave, serve pace e riconciliazione”

La crisi etiopica non fa più notizia. Sono passati ormai sei mesi da quando, all’inizio dello scorso novembre, il primo ministro Abiy Ahmed ha ordinato all’esercito nazionale di intervenire per ridurre alla ragione il...
Stato d’emergenza in Ituri e Nord Kivu

Rd Congo: nell’est Tshisekedi gioca la carta militare

Per dare risposte concrete alle pressanti richieste di protezione da parte della popolazione e della società civile nell’est del paese, il presidente Tshisekedi ha spinto il nuovo governo dell’“Union sacrée” a militarizzare le zone...
L'intervento di Gad Lerner su Nigrizia accende il dibattito

La lettera del Papa che ostacolò la fine della guerra in Siria

Il pianeta malato ha da occuparsi d’altro. E così anche il decimo anniversario dell’inizio della guerra di Siria è trascorso nell’indifferenza generale. Chi sopravvive ancora in quel martoriato paese, così come i milioni di...
L’incremento deliberato dal Parlamento

Angola: le 3 ragioni per il prossimo boom delle spese militari

Che l’Angola sia da sempre uno dei paesi africani con la maggiore incidenza di spese militari sul proprio Pil non è un mistero. Tuttavia, l’incremento deliberato in questi giorni dal parlamento suscita più di...
Guerra al terrorismo

Costa d’Avorio: il ritorno della legione straniera francese

Appena due anni dopo l'ultimo invio in Costa d'Avorio, il 2° reggimento francese di paracadutisti, l'unità aerea d'élite della legione straniera francese, sarà di nuovo ad Abidjan il prossimo settembre. Lo anticipa Africa intelligence. Si...
Permane in stallo la crisi politica

Somalia: venti di guerra a Mogadiscio

Da giorni a Mogadiscio spirano venti di guerra civile. Venti diventati burrascosi domenica 25 aprile in due quartieri a nord, quando le forze di sicurezza si sono scontrate contro le milizie che sostengono l’opposizione,...
Mozambico / Insicurezza e investimenti al nord

Total a Cabo Delgado fra addio, arrivederci e tattiche dilatorie

Quando si osserva il dibattito sul dramma di Cabo Delgado, l’enfasi posta sulle cause prevale quasi sempre. Atteggiamento comprensibile, anche se un po’ riduttivo. Fra i motivi principali degli attacchi (che durano da oltre...
Relazione governativa sull’import ed export di armi

L’export armiero italiano sfiora i 4 miliardi. Ma la Difesa si lamenta delle restrizioni...

Al ministero della difesa si stracciano le vesti. Evidentemente non gli basta aver venduto le due fregate Fremm per 900 milioni di euro a un paese balordo in fatto di rispetto dei diritti umani,...
L’analisi

Sud Sudan: la legge del clan

Il “nostro” mondo - quello della famiglia comboniana e delle case missionarie in genere, del volontariato, delle associazioni e delle numerose persone che hanno sostenuto il diritto all’autodeterminazione del Sud Sudan e continuano a...

Le spese militari sfiorano i 2mila miliardi di dollari. Quelle italiane crescono del 7,5%

Quasi 2mila miliardi di dollari di spese militari. 252 dollari a testa, infanti e centenari inclusi. I cantori dei benefici di un mondo bellicista si rallegreranno nel leggere i nuovi dati pubblicati ieri dall'Istituto...
La popolazione in piazza nella città del Nord Kivu

Rd Congo: proteste contro l’insicurezza a Beni

La gente del Nord Kivu, nel nordest della Repubblica democratica del Congo, non ne può più dei gruppi armati che imperversano nella regione e di vivere nell’insicurezza. Per questo la società civile – nonostante...
Nuovi equilibri nel cuore dell’Africa

Se salta il Ciad

Serpeggia paura nelle strade della capitale N’Djamena. Non tanto per i carri armati che lunedì sera sono usciti dalle caserme e hanno vigilato sui movimenti dei contestatori all’annuncio dei risultati provvisori delle elezioni presidenziali...
Gli scenari dopo la morte del presidente

Ciad: centrato Deby. E ora?

Il gruppo armato Fact (Fronte per l’alternanza e la concordia in Ciad) è sceso dalla Libia a ridosso delle elezioni presidenziali dell’11 aprile scorso. I primi scontri con l’esercito ciadiano, il più equipaggiato e...
Il ruolo della Russia nel conflitto

Centrafrica: minerali nel mirino

I contractor russi hanno messo piede per la prima volta in Repubblica Centrafricana (RCA) tre anni fa, esattamente all’inizio del 2018. Ufficialmente si trattava di 535 istruttori ma fonti diplomatiche, militari e dei servizi...
29,100FansMi piace
23,472FollowerSegui
1,640IscrittiIscriviti