Mercato in forte espansione
L’India entra nel settore africano della telefonia mobile, uno dei più dinamici del continente. Bharti Airtel ha acquisito, per oltre 10 miliardi di dollari, le attività di Zain Africa, gruppo del Kuwait. 15 i paesi africani coinvolti.

Il più grande operatore telefonico indiano, Bharti Airtel, ha firmato martedì un accordo di 10,7 miliardi di dollari, per l’acquisto delle attività di uno dei principali operatori telefonici del continente africano, il gruppo kuwaitiano Zain.

 

La transazione, secondo Sunil Mittal, presidente di Bharti Airtel, rappresenta un passo in più nella cooperazione sud-sud, ed in particolare nei legami dell’Africa con l’India che continua a rafforzare la sua presenza nel continente africano. «Siamo entusiasmati per le opportunità di crescita in Africa, il continente delle opportunità», ha dichiarato ieri il presidente di Bharti Airtel, la cui società promette di collaborare con i governi africani per rendere accessibili i servizi di telecomunicazioni nelle aree più remote del continente.

 

L’operazione, che pone fine ad una serie di tentavi del gruppo indiano di penetrare il continente africano (due accordi di fusione, non riusciti, con la multinazionale sudafricana MTN), permetterà alla società indiana di entrare nel mercato telefonico della maggior parte dei 17 paesi africani dove è presente l’operatore kuwaitiano, essendo il Sudan e il Marocco esclusi dall’accordo. Permetterà inoltre a Bharti Airtel di aggiudicarsi circa 42 milioni di nuovi abbonati, diventando così il quinto più grande operatore telefonico al mondo con 179 milioni di clienti.

 

Tuttavia l’operazione di Bharti incontra qualche ostacolo. Infatti il governo del Gabon – uno dei mercati più dinamici insieme alla Nigeria, il Sudafrica ed i paesi del Maghreb – ha annunciato, lunedì scorso, la sua contrarietà all’accordo, dichiarando che la divisione locale di Zain non aveva rispettato tutta la regolamentazione relativa alla transazione. Inoltre, con l’operazione, Bharti Airtel si accolla 1,7 miliardi di dollari di debiti del gruppo Zain, che lascia l’Africa dopo essersi confrontato ad enormi problemi finanziari, che lo hanno portato a licenziare più di 2mila dei suoi 15mila dipendenti.

 

Con un tasso di crescita medio annuo di circa 49% (Ernst & Young), il più alto al mondo, il mercato della telefonia mobile africana è in piena espansione ed attira i più grandi operatori del settore. Secondo il world cellular information service, sono circa 380 milioni gli africani che utilizzano regolarmente il telefono cellulare. Ma, con un tasso di penetrazione inferiore al 50% del mercato potenziale, il settore ha bisogno di ulteriori investimenti.

 

 

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati