Congo

I servizi di sicurezza del Congo hanno arrestato ieri il leader dell’opposizione, generale Jean-Marie Michel Mokoko, con l’accusa di star pianificando un colpo di stato, l’accusa si baserebbe su un filmato risalente al 2007.

“Siamo appena stati avvisati del suo arresto. Mokoko è in custodia presso il Dgst (servizi di sicurezza)”, ha riferito l’avvocato del politico ai giornalisti.

La scorsa settimana, il ministro della Giustizia Pierre Mabiala aveva chiesto una accelerazione delle procedure giudiziarie per quanto riguardava il caso di Mokoko.

Il generale, che è arrivato terzo durante le elezioni presidenziali del 20 marzo con il 14% delle preferenze è stato arrestato per essere interrogato dai servizi di sicurezza appena le indagini sulle accuse contro di lui si sono intensificate.

Già durante le elezioni del 20 marzo scorso il politico dell’opposizione era stato accusato a causa di quel video risalente al 2007 e da allora sempre tenuto sotto sorveglianza nella sua casa di Brazzaville.

“Per ora il caso è ancora in fase di indagini preliminari. Ci riserviamo il diritto di conservare alcune informazioni “, ha aggiunto l’avocato dell’indagato.

Jean-Marie Michel Mokoko era il capo militare del Congo tra il 1987 e il 1993. Si è dimesso dalla carica di consigliere speciale del presidente nel mese di febbraio, per sfidare Denis Sassou Nguesso durante le elezioni presidenziali dello scorso 20 marzo.

Nguesso in quell’occasione venne rieletto con oltre il 60 per cento dei voti, e i risultati furono contestati da parte dell’opposizione che accusava il partito al governo di “frode” (Africanews)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati