Lo chiede padre Alex Zanotelli, missionario comboniano impegnato da sempre al fianco dei più poveri: dalle baraccopoli di Nairobi al rione sanità di Napoli.

Zanotelli, ai nostri microfoni, risponde ai tanti (più di 1800) che, dal 23 maggio ad oggi, hanno risposto al suo appello lanciato dalle pagine di Nigrizia contro il dilagare del razzismo e della xenofobia in Italia. E rilancia, inviatando politici e cittadini a spingere per un radicale cambiamento del sistema globale che, così com’è, sostiene Zanotelli, è destinato da implodere. E a travolgere tutti, i poveri prima degli altri.

(A cura di Michela Trevisan)