Partita inaugurale a Malabo
Sabato prossimo parte la manifestazione calcistica, con cadenza biennale, giunta alla 28a edizione. Paesi ospitanti, Guinea Equatoriale e Gabon. 16 le nazionali in campo. Favorite le formazioni di Ghana e Costa d’Avorio. Finalissima il 14 febbraio. Nigrizia.it seguirà, passo passo, l’evento.

Il 21 gennaio si apre a Malabo, capitale della Guinea Equatoriale la 28a edizione della Coppa d’Africa di calcio. Una competizione che questo paese dell’Africa centrale, con seri problemi di democrazia, ospita e organizza con il suo vicino Gabon (anche questo governato da un regime).

La Coppa d’Africa si gioca ogni due anni, ed è in assoluto la competizione più attesa e seguita del continente. Oltre ai suoni dei tamburi che si sentiranno in quasi tutti gli stadi e alle grandi feste che faranno da contorno alla competizione, per i tifosi locali sarà anche l’occasione di vedere da vicino le loro star preferite con le maglie delle nazionali.

Ci riferiamo agli ivoriani Didier Drogba, Yaya Toure (fresco vincitore del Pallone d’oro africano 2011), Kolo Toure, al ghaneano Michael Essien, al marocchino Marouane Chamackh, ai senegalesi Saw e Niang; e poi ai giovani promettenti come il ghaneano Jordan Ayew, figlio del leggendario Abedi Pele (4 volte vincitore del Pallone d’oro africano), oppure al burkinabè Bertrand Traoré che milita nel club londinese del Chelsea. Se Traoré giocherà con la sua nazionale, il Burkina Faso, diventerà a 16 anni, il più giovane calciatore africano a giocare in una fase finale della Coppa d’Africa.

La Coppa d’Africa è infatti anche l’occasione per molti giovani di cercare anche un po’ di visibilità, con la speranza di vestire la maglia di uno dei club europei di prestigio. Infatti molte società calcistiche europee, e ora anche arabe, mandano i loro emissari e talenti scout per andare alla caccia di giovani talenti.

La competizione vede in campo 16 squadre suddivise in quattro gruppi. Le prime due qualificate di ogni gruppo passano ai quarti di finale. I favoriti sono la Costa d’Avorio e il Ghana. Quest’ultima nazionale è stata finalista, contro l’Egitto, dell’edizione 2010 della Coppa d’Africa, che si è svolta in Angola, ed è arrivata ai quarti di finale nella Coppa del mondo di Sudafrica 2010. Peccato per il Ghana che non potrà contare sui servizi del suo centrocampista Kevin Prince Boateng, che ha deciso di rinunciare alla nazionale per dedicarsi soltanto al suo club, il Milan. Il Senegal gioca il ruolo di outsider.

La composizione dei vari gironi
Gruppo A: Guinea Equatoriale, Libia, Senegal, Zambia
Gruppo B: Costa d’Avorio, Sudan, Burkina Faso, Angola
Gruppo C: Gabon, Niger, Marocco, Tunisia
Gruppo D: Ghana, Botswana, Mali, Guinea

Dopo 32 incontri e poco più di tre settimane di competizione, il prossimo 14 febbraio conosceremo il nome del successore dell’Egitto, uno dei grandi assenti della competizione insieme a Camerun, Nigeria, Algeria e Sudafrica che, dunque, non potrà far sentire le sue famose vuvuzela.