Costa d'Avorio

Il presidente della Costa d’Avorio, Alassane Ouattara, ha rifiutato ieri le dimissioni presentate poche ore prima dal capo del governo Daniel Kablan Duncan, al quale spetterà così il compito di formare un esecutivo “più forte e stabile” rispetto al precedente.

Lo riporta l’emittente francese Rfi, secondo cui l’agenda politica ivoriana sarà dominata nei prossimi tempi da un rimpasto di governo che dovrebbe vedere la sostituzione dei ministri più criticati negli ultimi mesi. Duncan, primo ministro dal novembre del 2012, aveva rassegnato le sue dimissioni e quelle del governo da lui guidato a circa due mesi dall’inaugurazione del secondo mandato di Ouattara, al potere dal 2010.

Il capo dello Stato ivoriano ha spiegato che respingere le dimissioni è stato un modo per “lodare il lavoro e i risultati” dell’esecutivo durante il primo mandato. Nelle passate settimane, tuttavia, lo stesso Ouattara non aveva fatto mistero di volere una squadra di governo “più giovane” e “con più donne tra i ministri”.

Finora, i 32 membri dell’esecutivo sono stati per lo più esponenti della coalizione al potere, l’Rhdp, ed è difficile che nella prossima squadra di governo rientrino esponenti dell’opposizione. (Agenzia Nova)