Africa sub-sahariana / Diritti Umani

Negli ultimi dieci anni il numero di matrimoni con minori nel mondo ha registrato una diminuzione. Ad affermarlo è l’Unicef, l’agenzia per bambini delle Nazioni Unite, le cui stime parlano di 25 milioni di matrimoni di minori avvenuti nell’ultimo decennio, con una media di una ragazzina su cinque sposata prima di aver compiuto 18 anni, rispetto a una su quattro, registrata dieci anni fa.

Secondo l’Unicef, la riduzione più significativa dei matrimoni infantili è avvenuta nei paesi dell’Asia meridionale, mentre il problema rimane ancora grave in Africa, nonostante ci siano paesi, come l’Etiopia, che hanno tagliato di un terzo i tassi di matrimoni con minori.

Il rapporto afferma che il peso del matrimonio infantile resta forte nell’Africa sub-sahariana, dove sono necessari ulteriori progressi per compensare la crescita della popolazione. Secondo l’Unicef attualmente ogni tre spose bambine, una è dell’Africa sub-sahariana. Il rapporto era di una ogni cinque, dieci anni fa.

I leader mondiali hanno promesso di porre fine al matrimonio dei bambini entro il 2030 nell’ambito degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Anju Malhotra, principale consulente di genere dell’Unicef, ha affermato che per raggiungere quell’obiettivo, è necessario intensificare gli sforzi “per impedire a milioni di ragazze di continuare ad avere la loro infanzia rubata, attraverso questa pratica devastante”. (Bbc)