Si è spento senza ottenere né verità né giustizia per la figlia uccisa. Giorgio Alpi, padre di Ilaria, la giornalista del Tg3 assassinata a Mogadiscio, in Somalia il 20 marzo 1994 assieme al cameraman Miran Hrovatin, è morto nel pomeriggio di ieri 11 luglio. Nigrizia intende esprimere alla moglie Luciana la sua vicinanza in questo momento di dolore.

Giorgio Alpi si è spento a 86 anni dopo una lunga malattia. Era un medico urologo molto conosciuto ed apprezzato e con la sua coraggiosa e costante ricerca della verità è diventato negli anni un esempio di grande impegno civile. Per sedici anni Giorgio ha lottato per conoscere la verità sulla morte della sua unica figlia.

L’assassinio dei due giornalisti in Somalia è avvenuto in circostanze misteriose che non sono mai state chiarite. La moglie Luciana Riccardi è sempre stata al fianco del marito nella ricerca della verità e insieme hanno fondato l’Associazione Ilaria Alpi. Negli ultimi tempi, a causa della malattia, Giorgio non aveva potuto partecipare alle iniziative dedicate al ricordo della figlia. L’ultima, solo qualche settimana fa, la XVI edizione del premio giornalistico intitolato a Ilaria e dedicato al giornalismo d’inchiesta.

La redazione di Nigrizia, legata alla famiglia Alpi da sentimento di reciproca stima, si unisce al cordoglio della moglie Luciana. I funerali si svolgeranno domani martedì 13 luglio alle 10.00 a Roma nella Chiesa di Santa Chiara a Piazza Giochi Delfici.

L’editoriale di Nigrizia – Aprile 2006
Memoria e verità ferite di Giorgio e Luciana Alpi