Africa occidentale / Caso Ebola

Il virus di Ebola può persistere nello sperma dei sopravvissuti all’infezione per almeno nove mesi. Inizialmente si parlava di una sopravvivenza del virus di tre mesi, tanto da raccomandare agli uomini guariti di non avere rapporti sessuali per alcuni mesi dopo la guarigione e di usare sempre il preservativo. Ma ora arrivano ulteriori conferme da uno studio preliminare appena pubblicato sul New England Journal of Medicine e condotto su 93  volontari della Sierra Leone.

È emerso che due terzi dei partecipanti allo studio avevano il virus nel liquido seminale fino a sei mesi dopo l’inizio dell’infezione e un quarto degli uomini fino a nove mesi. «Questo studio fornisce ulteriori prove che i pazienti sopravvissuti a Ebola hanno bisogno di aiuto anche per 6-12 mesi dopo la guarigione, per garantire che i loro partner non vengano esposti al virus» ha spiegato Bruce Aylward, responsabile di Ebola all’Oms.

Il fatto che Ebola si possa trasmettere per via sessuale anche mesi dopo la guarigione solleva chiaramente nuove preoccupazioni, nonostante il virus, che ha devastato Sierra Leone, Liberia e Guinea uccidendo 11 mila persone, sia ormai sull’orlo dell’estinzione. Non è ancora chiaro però perché Ebola resista nel liquido seminale mentre sparisce dagli altri fluidi corporei. (Bbc / Corriere.it)