Ebola / Africa Occidentale

Il numero di nuovi casi di Ebola è sceso al di sotto di dieci sia in Sierra Leone che in Guinea. Si tratta del livello più basso registrato da quasi un anno che fa sperare nella fine dell’epidemia. Lo ha detto un funzionario dell’Onu ieri.

Guinea e Sierra Leone hanno, infatti, registrato nove nuovi casi la settimana scorsa. È la prima volta dal giugno 2014 che il totale per i due paesi (che, insieme alla vicina Liberia sono stati i tre più colpiti) scende al di sotto dei 20, ha detto il dottor David Nabarro, coordinatore delle Nazioni Unite per la lotta contro l’Ebola.

“Questa epidemia sta per finire”, ha affermato in una conferenza stampa a Dakar puntualizzando tuttavia che “non si può dare una data certa”.

“La Guinea non ha mai registrato un numero di morti elevato, ma questo rappresenta davvero uno straordinario progresso”, ha detto soddisfatto il coordinatore delle Nazioni Unite, sottolineando che ciò è dovuto a due fattori di preoccupazione che sono in calo: il numero di nuovi casi provenienti da catene di trasmissione non identificate e i funerali non messi in sicurezza.

“Questi elementi presi insieme ci fanno pensare che ci stiamo avvicinando alla fine dell’epidemia, ma non sappiamo quando arriverà”, ha sottolineato il dottor Nabarro, ricordando che ci sono voluti quasi due mesi in Liberia per passare da numeri a una sola cifra, all’azzeramento.

La fine dell’epidemia in Liberia dovrebbe essere dichiarata sabato 9 maggio dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), se non verranno registrati nuovi casi.

L’epidemia, la peggiore dalla identificazione del virus in Africa centrale nel 1976, partita nel dicembre del 2013 nel sud della Guinea, ha provocato circa 11000 morti e più 26000 contagi. (JeuneAfrique)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati