Egitto

Ieri un civile è morto e ventiquattro poliziotti sono rimasti feriti in un nuovo attentato che, dopo quelli dei giorni scorsi, ha colpito le forze di sicurezza nella penisola del Sinai, in Egitto. Un camion bomba ha preso di mira una base della polizia egiziana.

 Secondo i funzionari dei servizi sanitari e di sicurezza, l’attacco ha avuto luogo nella città di Al-Arish, capitale della provincia del Sinai del Nord, teatro di attacchi quasi quotidiani contro le forze di sicurezza da parte di gruppi jihadisti.

Questi ultimi sostengono di agire in rappresaglia alla repressione che ha colpito i sostenitori dell’ex presidente Mohamed Morsi, deposto dall’esercito nel luglio 2013. La maggior parte degli attachi sono stati rivendicati dal gruppo noto come Ansar Bayt al-Maqdis, che da novembre 2014 ha cambiato il suo nome in ‘Provincia del Sinai’ dichiarando di richiamarsi al cosiddetto Stato Islamico

L’aggressore, a bordo di un camion cisterna carico di esplosivo, si sarebbe diretto verso l’ingresso posteriore della base, ha detto un funzionario della sicurezza alla Afp. La polizia ha aperto il fuoco sul veicolo che sistava avvicinando, nel tentativo di fermare l’attentatore, innescando così l’esplosione. (JeuneAfrique/Afp)