Egitto / Infrastrutture

Il presidente egiziano Abdel Fatah al-Sisi ha inaugurato ieri il più ampio ponte sospeso del mondo, parte di una serie di mega-progetti per migliorare il sistema infrastrutturale del paese.

Il ponte, che attraversa il Nilo appena nord del centro del Cairo, è un collegamento fondamentale per l’autostrada che si estende dal Mar Rosso a est, fino alla costa mediterranea nord-occidentale ed è pensato per contribuire a ridurre la congestione del traffico nella capitale.

Con sei corsie in ciascuna direzione e 67,3 metri nella sua massima estensione, il ponte entra nel Guinnes dei Primati come il ponte sospeso più ampio al mondo. Per la sua costruzione sono stati utilizzati circa un milione di metri cubi di clacestruzzo e 1.400 km di filo di acciaio per i 160 cavi di sospensione.

Il ponte attraversa l’isola di Warraq che conta circa 100mila abitanti, alcuni dei quali hanno protestato contro le demolizioni pianificate sull’isola e contro la ventilata vendita ad investitori per trasformarla in una “moderna comunità residenziale”. Il mese scorso, il presidente ha però negato che l’isola possa essere venduta, aggiungendo che, comunque, lo stato non potrebbe sfrattare con forza i residenti.

Altri progetti di prestigio lanciati da al-Sisi includono l’espansione del Canale di Suez, completata nel 2015, e la costruzione di una nuova capitale nel deserto ad est del Cairo, attualmente in costruzione. (Africanews)