EGITTO / Isis

I militari egiziani hanno annunciato ieri, attraverso la loro pagina di Facebook, d’aver effettuato una serie di raid aerei sulle basi dei miliziani jiadisti nel sud e sudest del Sinai, nella zona di El Arish. Secondo il comunicato nei bombardamenti sarebbe stato ucciso il capo delle milizie Isis nella regione, Abu Duaa al-Ansari, assieme ad altri 45 combattenti. Dopo il golpe militare che rovesciò il presidente Mohammed Morsi, nel 2013, la penisola del Sinai è diventata la base di gruppi armati fedeli allo Stato Islamico. L’esercito ha condotto numerose Campagne contro gli insorti, in particolare lungo il confine con la striscia di Gaza dove ha demolito i tunnel attraverso i quali avviene il contrabbando di armi e cibo. (BBC)