eSwatini

Sabato 27 ottobre Mswati III, re dello eSwatini (ex Swaziland), ha nominato il nuovo primo ministro del regno. Si tratta di Ambrose Mandvulo Dlamini, già direttore dell’unità locale del gruppo di telecomunicazioni swazi MTN, che sostituisce Sibusiso Dlamini, deceduto lo scorso mese. Il quotidiano Times of Swaziland ha riportato che la nomina è stata conferita al primo ministro nella residenza reale a Ludzidzini, in presenza dei sostenitori del re.

Dlamini, cinquant’anni, non ha esperienza in campo politico, ma in questo momento l’esigenza del paese è risanare l’economia e, stando ai commenti di Tambo Gina, capo della Società di sviluppo industriale swazi, il neo eletto primo ministro ha le carte in regola per aiutare il futuro della nazione, sfruttando la sua esperienza nelle tecnologie e comunicazioni.

Nello eSwatini i partiti politici sono vietati e le elezioni di settembre si sono rivelate del tutto simboliche. Il re sceglie il primo ministro e nomina il governo continuando a mantenere uno stretto controllo sulla nazione, impoverita dagli stessi eccessi della  monarchia assoluta. Infatti, nonostante un’inflazione tra le più alte dell’Africa meridionale e una disoccupazione intorno al 30%, il re è accusato di saccheggiare le casse dello stato per l’acquisto di beni di lusso. (Reuters Swazi Observer)