Etiopia / Economia

Secondo analisi dell’UniCredit, rilanciate dal Financial Times, il mercato etiopico sarà uno di quelli che cresceranno più rapidamente nei prossimi cinque anni. Questa crescita sarà paragonabile a quella kenyana, mentre paesi come Sudafrica e Brasile stanno vivendo un periodo di stagnazione che potrebbe renderli meno appetibili per gli investitori. Lo afferma Fadi Hassan, docente di economia al Trinity College di Dublino e consulente dell’UniCredit.

I fattori che supportano la previsione sono molteplici. L’economia etiopica non è basata sul petrolio o altre materie prime, c’è un aumento dell’industrializzazione e dell’imprenditorialità; inoltre il reddito della popolazione ha raggiunto un livello in cui  può accedere ai beni d’importazione. L’Etiopia ha due importanti vantaggi sul Kenya: una maggiore stabilità politica e un minor tasso di criminalità.

Il Sudan Tribune riporta le dichiarazioni di Demeke Atnafu, direttore generale del dipartimento per il coinvolgimento della diaspora presso il Ministero degli affari esteri, secondo il quale le rimesse di quest’anno, 4 miliardi di dollari, hanno già superato quelle dell’anno scorso, che sono ammontate a 3,7 miliardi, ma ancora non raggiungono il livello di altri paesi. Le rimesse più consistenti arrivano dagli Stati Uniti, dagli Emirati arabi uniti e dal Regno unito.

Addis Abeba sta rafforzando le politiche che incoraggiano la diaspora a investire nel paese, con l’obbiettivo di aumentare le rimesse del 50% nei prossimi tre anni. (Financial Times / Sudan Tribune)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati