Africa / Tecnologia

Le giovani squadre di Benin e Liberia si sono classificate ai primi posti tra le equipe di 40 paesi africani – composte da studenti di età compresa tra i 15 ei 18 anni – che hanno partecipato alla competizione di robotica First Global Challenge 2017, conclusa martedì a Washington, negli Stati Uniti.

L’evento internazionale di robotica ha visto 163 squadre nazionali, tra cui 6 squadre continentali (team) composte da studenti provenienti da tutto il mondo, che hanno partecipato con l’obiettivo comune di aumentare la loro conoscenza della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica (First).

Nel medagliere complessivo – capitanato dal team dell’Europa (1°), Polonia (2°) e Armenia (3°) – la squadra del Benin si è classificata al 7° posto, seguita dalla Liberia al 12°.

Il compito assegnato era quello di costruire dei robot che possano eseguire compiti di ingegneria – come la conservazione di acqua potabile, il filtraggio di quella contaminata e l’approvvigionamento di nuove fonti – per risolvere le crisi idriche.

Tra le squadre africane posizionate dietro a Benin e Liberia vi sono quelle di Nigeria (25°), Mozambico (29°), Mali (30°), Zambia (32°), Sierra Leone (37°), Camerun (43°) e Guinea equatoriale (50°).
Altre medaglie speciali sono state presentate in riconoscimento di vari risultati. I ragazzi della Tunisia hanno vinto il premio international excellence (eccellenza internazionale), il Mali il premio engineering design (progettazione ingegneristica), il Sud Sudan ha vinto il premio courageous achievement (successo coraggioso) e la Nigeria ha vinto il premio international journey (percorso internazionale). (Africa News)