A Cannes, summit tra Francia e i paesi africani
Summit franco-africano a Cannes: dibattito sulla crisi in Darfur e Guinea e il presagio di un nuovo assetto del parternariato tra i due Paesi

“L’Africa non può essere descritta come un continente alla deriva” si è aperto con questa dichiarazione di John Kufuor, capo di stato del Ghana e presidente di turno dell’Unione Africana, il Summit franco-africano tenutosi a Cannes giovedì 15 e venerdì 16 febbraio.
 
Le due giornate di incontro non sono state scandite solo da dibattiti sulla crisi del Darfur, e sulle recenti violenze in Guinea: si è parlato anche di crescita, di materie prime, di cooperazione, di sviluppo, di società dell’informazione e di lotta all’aids e alla povertà.
Un incontro che è stato “una tappa importante nella costruzione del partnerariato tra Francia ed Africa”, secondo il presidente algerino Abdelaziz Bouteflika.
Il vertice ha inoltre permesso un incontro tra Al- Bashir e Idriss Deby, presidenti del Sudan e del Ciad, per discutere proprio della situazione in Darfur, mentre in chiusura dei due giorni è stato annunciato l’invio in Guinea di una delegazione della Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale (CEDEAO).
 
Cannes è stata anche l’occasione per il presidente francese Chirac di salutare i colleghi africani, in vista del suo abbandono della politica in aprile, dopo 12 anni di presidenza.
“Ho fiducia nell’avvenire dell’Africa perché sono convinto che l’Africa nuova è già in marcia” ha dichiarato ai capi di stato africani, in quello che è stato definito il suo “testamento africano”. Ma al saluto di Chirac corrisponde anche un cambiamento nei rapporti tra Francia e stati africani.
 
Nonostante il presidente francese vanti ancora “una relazione d’eccezione tra Francia ed Africa”, gli inevitabili segni della globalizzazione affievoliscono la forza di questo legame. L’Egitto ha l’incarico di organizzare il prossimo incontro del 2009, ma non è chiara la giustificazione né i possibili temi del prossimo Summit.
 
Non è un caso che al Summit di Cannes fossero presenti anche Brasile, Giappone, e Unione Europea, nella doppia figura del presidente di turno dell’UE Angela Merkel, e del commissario europeo allo sviluppo, Louis Michel.
L’entourage di Chirac sottolinea che Francia ed Unione Europea avranno ruoli complementari nei rapporti commerciali ed economici con i paesi africani, ma resta un dato di fatto: nel secondo semestre del 2007 si terrà in Portogallo un summit tra l’Europa e l’Unione Africana. Angela Merkel sarà sicuramente presente. Chirac, quasi sicuramente no.