Gabon

Il presidente del Gabon Ali Bongo Ondimba è stato ricoverato lo scorso 24 ottobre nell’ospedale saudita King Faisal a Riyadh e fino a ieri si trovava ancora sotto osservazione.

Alcuni informatori medici e diplomatici hanno riferito all’agenzia Reuters che sarebbe stato un ictus a colpire il presidente mentre si trovava nella capitale saudita per il Forum annuale sugli Investimenti Futuri. La notizia è stata però smentita dal portavoce governativo, Ike Ngouoni, che l’ha definita una “fake news”, aggiungendo che la vera ragione del ricovero sarebbe dovuta a semplice stanchezza, a seguito del duro lavoro degli ultimi mesi per le elezioni.

Nel frattempo, il Partito Democratico Gabonese (PDG) di Bongo si è guadagnato la maggioranza assoluta in parlamento. Sabato scorso si è tenuto il secondo turno elettorale delle legislative (assieme alle amministrative), e i risultati provvisori confermano per il PDG la vittoria ottenuta nel primo turno.
All’opposizione restano solo 17 seggi su 143, 11 dei quali vanno a Les Démocrates dell’ex presidente dell’assemblea nazionale, Guy Nzouba Ndama.

In molti però – tra cui Alexandre Barro Chambrier, ex membro del PDG oggi all’opposizione – hanno denunciato brogli elettorali durante il primo turno, esattamente come era avvenuto per la prima elezione di Bongo nel 2009 e poi ancora alla sua rielezione nel 2016. Di fatto la famiglia Bongo governa da mezzo secolo il Gabon, ricavando grandi profitti dagli accordi con le compagnie petrolifere, soprattutto quelle francesi, e navigando nel lusso, mentre la popolazione rimane povera e oppressa con forti limitazioni alla libertà di stampa e di espressione. (Al Jazeera / Radio France Internationale)