Gambia

Un giornalista gambiano è scomparso probabilmente sequestrato da elementi dei servizi segreti del Gambia. Dal 2 luglio, la famiglia e parenti del direttore della Radio Indipendente Teranga sono senza notizie di Alagie Sisay che sarebbe stato prelevato davanti alla sede dell’emittente radio da uomini non identificati.

 Secondo Reporters senza frontiere (Rsf), il 2 luglio, Alagie Sisay sarebbe uscito dall’edificio della radio perché gli era stato detto che c’erano due persone che volevano parlare con lui. Testimoni oculari hanno dichiarato che  due uomini lo hanno preso di forza e messo in una macchina  che  si allontanava a forte velocità. Poche ore dopo  Sisay è riuscito a telefonare al fratello dicendogli che si trovava negli uffici dei Servizi di Sicurezza. “Ma la comunicazione si è interrotta bruscamente,” ha detto il fratello Amadou Sisay.

“Possono negare, ma appiamo che sono stati i Servizi Segreti”, ha detto un giornalista gambiano che vive in esilio in Sénégal.

“Siamo molto preoccupati di questa scomparsa“ ha dichiarato Clea Kahn-Sriber, responsabile per l’Africa dell’associazione Rsf.

Il Direttore Regionale dell’Ong “articolo 19”, Fatou Jagne Senghor, aggiunge: “Radio Teranga dà voce alle comunità. Fanno comunicati stampa in lingua locale, e il regime di Yahya Jammeh cerca di distruggere le iniziative di tutti coloro che vogliono partecipare al dibattito pubblico. Sappiamo dei metodi dei servizi di intelligence. È per la vita di Alagie Sisay che ci preoccupiamo oggi”.

Radio Teranga ha iniziato le trasmissione nel 2009, in cinque anni è stata chiusa tre volte da parte del governo e vari suoi giornalisti sono stati minacciati. Lo stesso Sisay è stato arrestato e tenuto in carcere per vari giorni lo scorso gennaio.

Il presidente Yahya Jammeh al potere dal 1994 è stato più volte accusato di non rispettare i diritti umani e di minacciare in modo particolare i giornalisti. (Rfi)