Ghana

Non c’è stata alcuna motivazione politica dietro l’esclusione di 12 candidati alle presidenziali del 7 dicembre prossimo. Lo sostiene il portavoce della Commissione elettorale del Ghana, Eric Dzakpasu, in un’intervista a Voice of America. La Commissione era stata accusata d’aver respinto le 12 candidature – tra cui anche quella della first lady – in base a considerazioni politiche. Ma Dzakpasu ha rigettato le accuse, sostenendo che gli esclusi non avevano i requisiti richiesti o non avevano presentato correttamente le candidatura entro i termini di legge. Il 7 dicembre si terranno in Ghana elezioni locali, parlamentari e presidenziali. A queste ultime parteciperanno 4 candidati: il presidente uscente John Dramani Mahama, Nana Addo Dankwa Akufo-Addo del New patriotic party (Npp), Ivor Kobina Greenstreet del Convention People’s Party (Cpp) e Jacob Osei Yeboah, candidato indipendente. L’opposizione Progressive People’s Party (Ppp) è ricorsa in tribunale contro la non ammissione del proprio candidato. (VoA)