Ghana

Svolta verde per il Ghana, il cui governo ha ratificato nei giorni scorsi un accordo quadro da 10 miliardi di dollari sullo sviluppo e la promozione delle energie rinnovabili, e previsto la realizzazione di un impianto solare da 400 megawatt. Il Ghana è il 14esimo paese dei tropici a ratificare l’accordo.

Ieri le autorità hanno annunciato che le sedi del ministero dell’Energia, del parlamento e della presidenza (Flagstaff House o Golden Jubelee House), ad Accra, saranno alimentate completamente con energia solare, “per dare il segnale giusto al resto della nazione” ha detto il ministro dell’Energia, Boakye Agyarko alla radio locale StarrFm.

Il Ghana è da tempo dipendente dall’energia idroelettrica prodotta dalla grande diga di Akosombo, sul fiume Volta, ma la società nazionale che distribuisce l’energia, la Electricity Company of Ghana (ECG), sta affrontando un periodo di difficoltà per crediti non riscossi contratti, tra l’altro, anche con la presidenza e la maggior parte delle istituzioni governative. L’azienda è ora avviata verso la privatizzazione. (Africanews)

Leggi anche il dossier “Sessanta volte Ghana”