Gibuti raffredda l’entusiasmo regionale sulla ripresa delle relazioni diplomatiche con l’Eritrea, con cui ha un’annosa controversia di confine, per la penisola di Dumeira.

In un durissimo comunicato ufficiale, l’ambasciata di Gibuti a Mogadiscio si dice scioccata dalle proposte del presidente somalo che, dopo la visita ad Asmara dei giorni scorsi in cui sono state riallacciate le relazioni diplomatiche tra i due paesi, chiede alla comunità internazionale di revocare l’embargo per l’acquisto di armi cui l’Eritrea è sottoposta.

Gibuti sta resistendo anche ai tentativi del primo ministro etiopico, Abyi Ahmed, di facilitare la ripresa delle relazioni diplomatiche con Asmara. Nei giorni scorsi si erano diffuse voci, presto rivelatesi false, di un’imminente visita ufficiale del presidente gibutiano in Eritrea. Nella smentita si dice che ci sono ancora controversie che devono essere risolte.

Gibuti sta dimostrando un crescente nervosismo per il cambiamento delle relazioni nella regione, per questioni legate all’importanza dei suoi porti e della sua posizione geostrategica, che potrebbe essere limitata dal rientro dell’Eritrea nella dinamica economica, politica e diplomatica della regione.

Il presidente di Gibuti  Ismail Omar Guelleh rieletto per la quarta volta consecutiva nel 2016.