Guinea Equatoriale

Il presidente della Guinea Equatoriale, Teodoro Obiang Nguema, al potere da 36 anni, si ricandida alla sua successione per le presidenziali previste nel 2016.

Lo ha annunciato lo stesso presidente con un messaggio trasmesso dall’emittente radio-televisiva nazionale. Ho ricevuto il consenso di tutti i militanti per candidarmi alle prossime elezioni presidenziali”, ha detto all’apertura del terzo congresso straordinario del Partito democratico della Guinea Equatoraile (Pdge), di cui lui è presidente, senza, però dare alcuna informazione sulla data delle elezioni.

Obiang ha approfittato dell’occasione per annunciare il prossimo referendum sulla pena di morte, precisando che è “sotto pressioni internazionali per abolirla”, ma che “dovrà essere il popolo a decidere”.

Teodoro Obiang Ngueme guida il paese dell’Africa centrale con pugno di ferro dopo un colpo di stato nel 1979 che ha rovesciato il regime sanguinario di suo zio, Macias Nguema. Il regime di Obiang viene regolarmente denunciato dalle organizzazioni per la difesa dei diritti dell’uomo per la sua violenta repressione degli oppositori politici, delle organizzazioni indipendenti e dei media. (Jeune Afrique / Afp)