Sahel /Onu

«La lotta al terrorismo nel Sahel non può essere “appaltata” alla sola forza G5 Sahel (istituita dagli eserciti di Burkina Faso, Mali, Niger, Ciad e Mauritania), né al continente africano. Va invece contrastata dall’intera comunità internazionale poiché si tratta di un problema globale». Lo ha dichiarato il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, in un rapporto presentato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Secondo questo rapporto i gruppi terroristici hanno rafforzato la loro presenza in tutta la regione, che sta subendo un’escalation di violenza, e stanno rendendo instabili vaste aree di territorio alimentando la violenza etnica, specialmente in Burkina Faso e Mali. Definiti «scioccanti» i numeri. Il Burkina Faso ha registrato la crescita più significativa con 486 mila sfollati registrati quest’anno rispetto agli 80 mila dell’anno scorso.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres