Italia / Sudan / Cooperazione

La scorsa settimana a Roma, Franco Gabrielli (capo della polizia italiana e direttore generale della Pubblica sicurezza) e il suo omologo sudanese, generale Hashim Osman El Hussein, hanno firmato un memorandum che definisce i campi della cooperazione nel controllo delle migrazioni. Alla cerimonia erano presenti anche il ministro degli Interni e funzionari del ministero degli Esteri.

Il memorandum prevede collaborazione in diversi campi, i principali dei quali sono: lotta al crimine organizzato, migrazioni illegali, traffico di esseri umani, crimini finanziari (quali il riciclaggio di denaro) e nel settore delle telecomunicazioni, contraffazione di documenti.

L’accordo si inquadra nella più vasta intesa sul controllo delle migrazioni tra il Sudan e l’Unione europea, in particolare l’utilizzo del Fondo fiduciario europeo, per affrontare le cause prime delle migrazioni. Lo scorso aprile, il Sudan ha ricevuto 155 milioni di euro come parte del Fondo fiduciario, per contrastare le migrazioni illegali e per migliorare la gestione del processo migratorio.