Kenya / Petrolio

Gli ambientalisti keniani si sono mobilitati contro la costruzione delle infrastrutture previste dal corridoio che collegherà l’Etiopia e il Sud Sudan con un nuovo porto a Lamu.

Il progetto – del valore di 24,5 miliardi di dollari, avviato nel 2012 e conosciuto come Lapsset Corridor – prevede la costruzione di un porto e di un terminal petrolifero a Lamu, di un oleodotto, di strade a scorrimento veloce e di una ferrovia che permetteranno di commercializzare il petrolio sud sudanese con un oleodotto alternativo rispetto all’unico ora esistente, che attraversa il Sudan e raggiunge il terminal di Port Sudan. Faciliterà inoltre i commerci anche di altri beni e in generale le comunicazioni tra i tre paesi.

Gli ambientalisti sostengono che le infrastrutture saranno costruite su terreno non legalmente acquisito dal governo; inoltre danneggeranno gravemente l’ambiente, decretato patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

Il governo del Kenya afferma che gli attivisti ambientali si frappongono al progresso e li ha tacciati di terrorismo. (Al Jazeera)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati