Kenya

La metà degli intervistati per una ricerca sulla percezione che i keniani hanno della polizia dice di aver subito abusi. Il campione era costituito da circa 6.000 famiglie.

Lo studio è stato condotto dall’Autorità indipendente per il monitoraggio e la supervisione (Independent Policing Oversight Authority – IPOA), un ente di controllo voluto dal parlamento keniano nel 2011 per sorvegliare l’operato delle forze dell’ordine. Ne emerge che il 46% degli intervistati ha dichiarato di aver subito almeno un episodio di abuso da agenti di polizia. In una ricerca simile del 2013 la percentuale era del 30%. Nel questionario, l’abuso era definito come “condotta inappropriata … o azioni illegali di poliziotti” in servizio.

Solo il 10% delle vittime ha detto di aver denunciato l’abuso all’IPOA. Il 70% avrebbe denunciato l’episodio alla stazione di polizia della zona, ma che alla denuncia non è seguita alcuna misura nei confronti degli uomini in uniforme.

Gli abusi della polizia kenyana sono stati più volte denunciati negli ultimi anni anche da organizzazioni come Human Rights Watch che a luglio ha pubblicato un rapporto che documenta almeno 21 esecuzioni sommarie.
La polizia keniana è la terza peggiore al mondo, secondo il World Internal Security and Police Index, pubblicato nel 2017.

In un report del 2018 l’agenzia Reuters aveva documentato le difficoltà incontrate dall’IPOA nel tener fede al suo mandato. Allora, fino a quel momento aveva ricevuto almeno 9.200 denunce. Solo due dei denunciati erano stati alla fine condannati, mentre era risultata evidente, almeno in un caso, che i probabili responsabili di un omicidio in carcere avevano goduto della protezione dei loro superiori. (Reuters)