Depositati i dossier sulle violenze post elettorali
Il procuratore della Corte penale internazionale dell’Aja ha svelato, oggi, i nomi di sei personalità keniane, accusate di essere i responsabili delle violenze post-elettorali che hanno sconvolto il paese, tra la fine del 2007 e l’inizio del 2008. Tra questi figurano politici di primo piano, come il vice-premier Kenyatta e l’ex ministro Ruto. L’intervista a p. Mariano Tibaldo, superiore provinciale dei comboniani in Kenya

Una suspence degna di uno show televisivo. L’attesa degli ultimi mesi ha logorato i politici keniani sino ad oggi, quando il procuratore capo della alta la tensione nel paese, che sembra non aver ancora risolto i conflitti al suo interno, in vista, soprattutto, delle elezioni del 2012, anno in cui Ocampo conta, peraltro, di aprire i processi.

(In audio l’intervista di Ismail Ali Farah a padre Mariano Tibaldo, superiore provinciale dei comboniani in Kenya)