Quando pensiamo all’urbanizzazione africana crescente, immaginiamo lo skyline di Lagos o i palazzi che svettano a Nairobi o, ancor più, le periferie, costellate di slum e baraccopoli, che si perdono a vista d’occhio quando si sorvolano megalopoli come Il Cairo, Nairobi o Johannesburg.

Ma i dati e le analisi degli esperti dimostrano com’è nelle piccole e medie città che si sta giocando (e si giocherà) il futuro del continente. Centri che vanno sempre più a colmare la distanza tra aree urbane e rurali. Anche se di loro non si parla.

Il dossier è realizzato da Michele Luppi (giornalista) e Federico Monica (architetto e urbanista, responsabile di Taxibrousse, studio di progettazione di architettura, ingegneria, urban planning e salvaguardia ambientale per la Cooperazione internazionale).

Abbonati o richiedi un numero di Nigrizia