Lesotho / Elezioni

L’opposizione in Lesotho ha ottenuto la maggioranza relativa in parlamento alle elezioni anticipate del 3 giugno, indette dal re Letsie III dopo la sfiducia al primo ministro Pakalitha Mosisili.

La notizia è stata accolta con grandi festeggiamenti ieri per le strade della capitale Maseru. L’All Basotho Convention (Abc), partito dell’ex primo ministro Thomas Thabane, ha ottenuto 48 dei 120 seggi parlamentari, lasciando il partito di Mosisili con 30. Thabane, rientrato in Lesotho dopo un esilio di due anni, sarà incaricato di formare un governo di coalizione nei prossimi giorni.

Il politico dovrebbe tornare alla guida del governo tre anni dopo la sua fuga dal paese in seguito ad un fallito colpo di stato militare.
Nell’agosto 2014, i soldati attaccarono le stazioni di polizia nella capitale, Maseru, saccheggiando le armi e uccidendo una peacekeepers. Temendo per la sua vita, Thomas Thabane fuggì in Sudafrica. Ritornò brevemente nel 2015 per le elezioni parlamentari.

Il Lesotho – piccola monarchia costituzionale enclave del Sudafrica colpita da instabilità politica negli ultimi cinque anni – è uno dei paesi più poveri del mondo. (Africanews /Al Jazeera)