Libia

Aerei americani hanno bombardato questa mattina un campo di addestramento del gruppo Stato islamico nei pressi di Sabratha, città costiera libica situata 70 chilometri a ovest di Tripoli e a circa 100 chilometri dal confine con la Tunisia. È quanto scrive il New York Times, citando un funzionario occidentale, secondo cui sono rimaste uccise più di 30 persone, quasi tutte di nazionalità tunisina.

L’intelligence sta cercando ora di accertare se l’obiettivo dell’attacco, Noureddine Chouchane, un jihadista tunisino legato agli attentati messi a segno lo scorso anno in Tunisia, sia rimasto ucciso.

Chouchane sarebbe coinvolto nei due attentati terroristici dello scorso anno in Tunisia: quello messo a segno a marzo al museo del Bardo di Tunisi, costato la vita a 22 persone, tra cui quattro italiani, e quello di giugno nella località turistica di Sousse, costato la vita a 38 persone.

Stando a quanto precisato da Jamal Naji Zubia, responsabile dell’ufficio media di Tripoli, l’attacco aereo ha colpito una fattoria dei jihadisti situata a pochi chilometri da Sabratha. La maggior parte delle vittime sono tunisine, ha aggiunto, ad eccezione di un uomo, morto in ospedale, di nazionalità giordana. (Askanews)