Libia / Petrolio

La compagnia libica nazionale (Libyan National Oil Company – NOC) ha annunciato ieri d’aver ripreso la gestione dei terminali e delle esportazioni petrolifere nell’est del paese, dopo che l’uomo forte della Cirenaica, il generale Khalifa Haftar, ha restituito il controllo dei porti alla compagnia nazionale.

Haftar, che nelle scorse settimane aveva attaccato e preso possesso di diversi siti, ha reso i porti di Ras Lanuf, Es Sider, Zueitina e Hariga alla NOC, determinando il ritorno al normale livello di esportazione che si aggira intorno a 1,6 milioni di barili al giorno.

Al momento del sequestro dei porti il generale aveva dichiarato che i proventi dell’attività petrolifera sarebbero andati ad una società rivale di Tripoli con sede nell’est del paese. In risposta all’azione di Haftar e nell’impossibilità di mantenere la propria capacità produttiva, il presidente del NOC, Mustafa Sanalla, aveva stabilito, la scorsa settimana, la temporanea sospensione delle esportazioni. (Radio France Internationale / The Guardian)