Libia

Violenti scontri sono scoppiati a sud di Sirte, in Libia, tra le forze fedeli al generale Khalifa Haftar e quelle alleate con le milizie di Misurata della coalizione Fajr.

Lo riferiscono fonti e testimoni sul posto. I combattimenti si sarebbero svolti a Zillah, zona petrolifera a sud della roccaforte Isis. Skynews Arabiya parla di “4 morti e sette feriti nelle fila dell’esercito libico” per un “raid lanciato da un aereo appartenente alle milizie di Fajr Libya contro un sito dell’esercito” stesso “nel centro del paese”.

Un’altra emittente, Libya Alaan, sul proprio sito cita una “fonte della Sala operazioni di Maradah” per segnalare “scontri 40 km a ovest della città di Zallah” tra l’esercito guidato dal generale Khalifa Haftar (Lna) e milizie di Fajr provenienti da Misurata.

Scontri fra Lna e “forze di Misurata” a Zallah, situata nell’area di Jufra, vengono segnalate anche da alcuni siti del Fezzan. Secondo informazioni provenienti da Tobruk ma che necessitano di una conferma l’attacco di Fajr a Zallah non avrebbe causato morti.

Nei giorni scorsi le truppe di Haftar sono arrivate a Maradah, avamposto meridionale situato nella provincia di Agedabia (Ajdabiya), in vista di una possibile imminente offensiva su Sirte, roccaforte dello Stato islamico in Libia. Il Consiglio presidenziale libico, che è sostenuto dalle milizie di Misurata, aveva lanciato un appello la scorsa settimana alle forze del generale Haftar per avviare un’operazione militare congiunta per la liberazione di Sirte. (Ansa)