Al termine del vertice di Toyako Hokkaido i G8 si sono impegnati a versare 60 miliardi di dollari nei prossimi 5 anni per salute e lotta alle pandemie nei paesi poveri. L’Italia, da sola, si è impegnata a contribuire con 2 miliardi e mezzo. La notizia stride con quanto denunciato più volte dalle organizzazioni non governative italiane, e cioè con il già effettivo taglio di 170 milioni di euro all’anno nel 2009 e nel 2010 per la cooperazione allo sviluppo.
Per chiarire questo ed altri aspetti abbiamo raggiunto in Giappone Luca De Fraia, direttore della policy dell’organizzazione non governativa ActionAid.

(A cura di Michela Trevisan)