Zimbabwe

Il governo dello Zimbabwe è determinato ad aumentare la produzione di litio, puntando al mercato delle auto elettriche: lo ha annunciato Winston Chitando, ministro per lo Sviluppo delle miniere, durante una conferenza dedicata agli investimenti. “Il paese – ha calcolato Chitando – potrebbe fornire il 20 per cento della domanda globale di litio”. Secondo quanto riportato dal quotidiano The Herald, all’inizio di febbraio, nel corso della conferenza sul settore minerario africano a Città del Capo, in Sudafrica, la Zimbabwe Mining Development Corporation (ZMDC), la compagnia mineraria statale dello Zimbabwe, avrebbe già siglato un primo contratto nel settore del litio con una società “quotata”, non meglio specificata.

Lo Zimbabwe è tra i dieci maggiori produttori di litio al mondo, metallo alcalino utilizzato nella produzione di batterie. Il prezzo del litio è più che raddoppiato negli ultimi anni, grazie alla domanda dell’industria dei veicoli elettrici. Secondo alcuni esperti, l’elemento può essere considerato una sorta di petrolio del nuovo secolo.

Il paese sta attraversando una fase di transizione dopo la caduta del presidente Robert Mugabe, al potere per 37 anni, rovesciato a novembre con l’intervento dell’esercito. (Agenzia Dire / Agenzia Nova)